Procedura di attivazione del soccorso istruttorio

15 Ottobre 2020 | Rito appalti | di Francesco Oliverio

Soccorso istruttorio

Il soccorso istruttorio è un istituto di valenza generale per il diritto amministrativo, disciplinato dall’art. 6, comma 1, lett. b), l. 7 agosto 1990, n. 241 s.m.i. e dell’art. 83 comma 9, D.lgs. 18 aprile 2016, n. 50 s.m.i. Nell’ambito di una gara pubblica, la procedura di attivazione del soccorso istruttorio è l’attività con cui l’Amministrazione procedente richiede di regolarizzare eventuali carenze (solo quelle sanabile ex art. 83, comma 9, c.c.p.) dell’istanza o della domanda del concorrente. Questa procedura si sostanzia in un potere-dovere della Stazione appaltante di richiedere ai concorrenti l’integrazione o il completamento degli elementi occorrenti per l’utile partecipazione alla gara, prima di procedere alla fase di ammissione alla gara, di valutazione dell’offerta e, quindi, prima di procedere all’aggiudicazione della gara stessa.

Impugnazione dell'esclusione

15 Ottobre 2020 | Rito appalti | di Francesco Oliverio

Rito speciale in materia di contratti pubblici

L'art. 76 del Codice dei Contratti pubblici stabilisce che le stazioni appaltanti comunicano d’ufficio immediatamente e comunque entro un termine non superiore a cinque giorni le esclusioni. Da tale termine decorre il dies a quo per impugnare il provvedimento di esclusione.

Certificazione di qualità

15 Ottobre 2020 | Certificazioni | di Francesco Oliverio

Norme di garanzia della qualità

In base all'art. 87, comma 1, del nuovo Codice dei contratti pubblici, le amministrazioni aggiudicatrici possono richiedere la presentazione di certificati rilasciati da organismi indipendenti per attestare l'ottemperanza dell'operatore economico a determinate norme a garanzia della qualità, compresa l'accessibilità per le persone con disabilità, facendo riferimento ai sistemi di garanzia della qualità basati sulle serie di norme europee in materia e ai certificati rilasciati da organismi accreditati.

Fasi della procedura di gara

15 Ottobre 2020 | Procedure di scelta del contraente | di Francesco Oliverio

Fasi delle procedure di affidamento

Il compendio normativo dettagliato dall'art. 32, d.lgs. 18 aprile 2016, n. 50 (c.c.p.) disciplina le diverse fa­si in cui si articolano le procedure di affidamento dei contratti pubblici (fatte salve le singole disci­pline speciali)

Calcolo della soglia di anomalia

15 Ottobre 2020 | Offerte anomale | di Marco Velliscig

Offerte anomale

Il calcolo della soglia di anomalia delle offerte, nei procedimenti competitivi da aggiudicarsi secondo il criterio del minor prezzo, segue due metodologie analiticamente indicate all’art. 97, commi 2 e 2-bis a seconda del numero (inferiore o pari/superiore a 15) delle offerte ammesse. Trattasi di un iter matematico fondato su tre differenti algoritmi (uno per l’ipotesi del comma 2 e due per l’ipotesi del comma 2-bis), di cui si intende dar conto nella presente flowchart, redatta anche sulla base della circolare esplicativa del Ministero dei Trasporti n. 8/2019.

Accesso agli atti delle procedure di affidamento e di esecuzione dei contratti pubblici

15 Ottobre 2020 | Accesso agli atti | di Leonardo Droghini

Accesso agli atti

L’accesso agli atti delle procedure di affidamento dei contratti pubblici è regolato dalla disciplina speciale contenuta nell’art. 53 del d.lgs. 50/2016, pur all’interno delle coordinate generali dell’accesso documentale di cui agli artt. 22 ss della l. 241/90 e in una logica d’integrazione con l’accesso civico generalizzato ex. art. 5 d.lgs. 33/2013. Sotto il profilo procedimentale, l’amministrazione deve evadere la richiesta entro 30 giorni dalla presentazione dell’istanza, con provvedimento motivato, dandone comunicazione al richiedente e a eventuali controinteressati.

Il procedimento di verifica dell’anomalia

09 Ottobre 2020 | Offerte anomale | di Marco Velliscig

Offerte anomale

Nell’ambito degli affidamenti pubblici, il sub-procedimento di verifica dell’anomalia (di carattere monofasico e scandito dalle previsioni e dai criteri stabiliti all’art. 97 del D.lgs. n. 50/2016) consente alla stazione appaltante, attraverso una valutazione globale e sintetica, di accertare la complessiva attendibilità e serietà dell’offerta alla luce delle spiegazioni rese dall’operatore economico.