Messaggio di errore

[1] Gentile cliente la login basata sul tuo ip (18.232.146.10) non è andata a buon fine. Prova ad effettuare la login inserendo Nome Utente e Password nell'apposito form, oppure, se desideri ripristinare la password, clicca su Recupera la password

Homepage

Giurisprudenza commentata Giurisprudenza commentata

Limiti e conseguenze della domanda di concordato “in bianco” nelle procedure di affidamento di contratti pubblici

di Rocco Steffenoni

Consiglio di Stato, Sez. V

Requisiti: Assenza di procedure concorsuali

La presentazione della domanda di concordato “in bianco” è causa di esclusione dalle procedure di affidamento di contratti pubblici. Peraltro, in parziale deroga al principio di continuità dei requisiti, le imprese possono beneficiare del concordato con continuità aziendale a condizione che l'autorizzazione del Tribunale fallimentare di cui all'art. 186-bis, comma 4, della legge fallimentare intervenga prima della conclusione della fase ad evidenza pubblica; una volta definita quest'ultima restano invece irrilevanti per l'amministrazione le vicende intervenute nella sfera soggettiva dell'operatore economico (in termini Cons. Stato, Sez. V, 21 febbraio 2020, n. 1328; Cons. St., Sez. III, 18 ottobre 2018, n. 5966).

Leggi dopo