News

News

Cancellazione delle frasi offensive ex art. 89 c.p.c. e utilizzazione senza titolo di un bene per scopi di interesse pubblico

02 Dicembre 2022 | di Redazione Scientifica

Cons. Stato, Sez. IV,

Azione di condanna

Il Consiglio di Stato, nell'ambito di un giudizio avente ad oggetto l'utilizzazione senza titolo di un bene per scopi di interesse pubblico, si pronuncia sui presupposti che determinano l'accoglimento della domanda di parte volta alla cancellazione delle espressioni sconvenienti ed offensive utilizzate dalla controparte nei propri scritti difensivi.

Leggi dopo

Sulle migliorie che non costituiscono varianti in sede di offerta

30 Novembre 2022 | di Diego Campugiani

TAR Toscana, Firenze

Varianti in sede di offerta

Nel caso in cui la lex specialis ammetta la formulazione di “opzioni migliorative del servizio e delle caratteristiche tecniche”, possono essere ammesse solo quelle che non incidano sui caratteri essenziali delle prestazioni richieste e non alterino gli aspetti funzionali e strutturali del progetto che sono alle stesse correlate.

Leggi dopo

Sul superamento della percentuale di subappalto ammessa per la gara

30 Novembre 2022 | di Diego Campugiani

TAR Lazio, Roma

Subappalto

Il superamento del limite previsto dalla disciplina di gara all’utilizzo del subappalto non determinata l’automatica esclusione del concorrente ove esso non sia qualificante, ma al più impedisce l’affidamento dell’eccedenza ad imprese terze in fase di esecuzione dell’appalto.

Leggi dopo

Espropriazione di pubblica utilità: giurisdizione del giudice amministrativo e del giudice ordinario

30 Novembre 2022 | di Redazione Scientifica

Cass., sez. un., ord.

Giurisdizione

In tema di espropriazione per pubblica utilità, sussiste la giurisdizione del giudice ordinario se il comportamento materiale della P.A., cui si ascrive la lesione, non sia stato posto in essere nell'ambito delle attività della procedura espropriativa, ma in esecuzione parziale di un complessivo accordo di permuta privatistico, sostitutivo dell'indennità di espropriazione, concluso a seguito e "a latere" dell'avvio di una procedura espropriativa.

Leggi dopo

Ogni dubbio relativo agli elementi essenziali dell'offerta tecnica ed economica deve essere fugato con il ricorso al soccorso istruttorio

29 Novembre 2022 | di Alessandro Berrettini

TAR Lazio, Roma

Soccorso istruttorio

Il TAR afferma che ogni dubbio relativo alla documentazione presentata dall'operatore economico dovrebbe essere fugato con il ricorso al potere di soccorso procedimentale, finalizzato a risolvere dubbi riguardanti gli elementi essenziali dell'offerta tecnica ed economica, tramite l'acquisizione di chiarimenti da parte del concorrente che non assumano carattere integrativo dell'offerta, ma che siano finalizzati unicamente a consentirne l'esatta interpretazione e a ricercare l'effettiva volontà del partecipante alla gara, superandone le eventuali ambiguità.

Leggi dopo

Ai fini della congruità del costo del lavoro, i valori esposti nel D.M. Lavoro 21 marzo 2016 hanno valore indicativo

29 Novembre 2022 | di Alessandro Berrettini

TAR Lazio, Roma

Offerte anomale

Il TAR afferma che i valori esposti nel Decreto del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali del 21 marzo 2016 hanno valore indicativo e non tassativo in merito alla sostenibilità del costo della manodopera dichiarata dall'operatore economico, talchè solo uno scostamento considerevole può indurre, con i dovuti riscontri del caso, ad adottare un giudizio definitivo di anomalia dell'offerta. Il medesimo TAR, inoltre, ritiene che, ai fini della valutazione in concreto della congruità del costo del lavoro, “non va assunto a criterio di calcolo il “monte-ore teorico”, comprensivo anche delle ore medie annue non lavorate (per ferie, festività, assemblee, studio, etc.) di un lavoratore che presti servizio per tutto l'anno, ma deve invece considerarsi il “costo reale” (o costo ore lavorate effettive, comprensive dei costi delle sostituzioni)”.

Leggi dopo

Relazione sugli effetti diretti e sulle implicazioni sistematiche che la riforma del processo civile reca al processo amministrativo

28 Novembre 2022 | di La Redazione

Cons. Stato, Ufficio Studi e Formazione della Giustizia Amministrativa

Consiglio di Stato

Il Consiglio di Stato, Ufficio Studi e Formazione della giustizia amministrativa, ha pubblicato la “Relazione sugli effetti diretti e sulle implicazioni sistematiche che la riforma del processo civile, apprestata dal d.lgs.10 ottobre 2022, n. 149, reca al processo amministrativo”, con allegato il documento “La riforma del processo civile e il processo amministrativo: domande e risposte”.

Leggi dopo

Il controllo giudiziario non comporta effetti sananti retroattivi anche quando l'informativa antimafia colpisca solo la consorziata esecutrice

23 Novembre 2022 | di Aldo Cimmino

Consiglio di Stato, Sez. V

Informative interdittive antimafia

Il Consiglio di Stato torna a pronunciarsi sui rapporti tra l'istituto del controllo giudiziario delle imprese e la partecipazione alle gare pubbliche. In particolare, il Collegio precisa che l'istituto previsto dall'art. 34 bis del Codice antimafia non consente all'operatore economico di ripristinare la regolarità della propria partecipazione alla gara, intervenendo come effetto sanante retroattivo tale da porre nel nulla la causa di esclusione derivata dall'essere stato destinatario di una interdittiva antimafia emessa in fase di gara. E ciò anche quando il provvedimento prefettizio colpisca una consorziata esecutrice e non il consorzio stabile partecipante alla medesima gara.

Leggi dopo

La giurisdizione esclusiva del giudice amministrativo in materia di clausole di revisione dei prezzi

21 Novembre 2022 | di Cecilia Valeria Sposato

TAR Lombardia, Milano

Giurisdizione del giudice amministrativo

Ai sensi dell’art. 133, lettera e) n. 2 del c.p.a., rientrano nella giurisdizione esclusiva del giudice amministrativo tutte le questioni relative alla revisione del prezzo (comprensive non solo dell’an ma anche del quantum della revisione), ad eccezione delle ipotesi in cui una clausola contrattuale disciplini compiutamente il diritto alla revisione in favore dell’appaltatore e la controversia abbia ad oggetto il mero inadempimento contrattuale, senza esercizio di potere pubblico da parte del committente.

Leggi dopo

Revisione dei prezzi: condizioni di applicabilità e onere della prova

21 Novembre 2022 | di Cecilia Valeria Sposato

TAR Lombardia, Milano

Varianti in corso di esecuzione e adeguamento prezzi

L’art 106 comma 1 lett. a) del d.lgs n. 50/2016 consente la revisione del corrispettivo pattuito in presenza di una variazione del valore dei beni idonea ad alterare in maniera significativa l’originario equilibrio contrattuale. L’attivazione di tale meccanismo di adeguamento impone, tuttavia, all’appaltatore che ne faccia richiesta, di fornire adeguata prova degli “imprevedibili eventi” che abbiano determinato l’aumento dei prezzi della fornitura.

Leggi dopo

Pagine