News

News

È legittima l'integrazione del requisito esperenziale in sede di soccorso istruttorio

09 Luglio 2021 | di Sveva Pignotti

TAR Lazio, Roma

Soccorso istruttorio

L'indicazione di altro servizio analogo nel documento di gara unico europeo (DGUE), in sede di soccorso istruttorio, ad integrazione della prova del requisito speciale di partecipazione, richiesto nel disciplinare di gara, non rappresenta una inammissibile modifica dell'offerta in corso di gara. Il concorrente, infatti, ben può integrare la propria dichiarazione in merito al possesso dei requisiti speciali, allegando un diverso mezzo di prova del requisito di cui al disciplinare (altro “servizio analogo”), a condizione che tale requisito sia posseduto alla data di scadenza del termine di presentazione della domanda.

Leggi dopo

È irrilevante la pubblicazione del bando di gara sulla GUUE ai fini della decorrenza del termine impugnatorio dello stesso

09 Luglio 2021 | di Sveva Pignotti

TAR Lazio, Roma

Bando di gara

La conoscenza legale – dalla quale inizia a decorrere il termine per impugnare – coincide con la pubblicazione del bando di gara sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana – attesa l'attuale inoperatività della piattaforma digitale dei bandi di gara presso l'ANAC – e non dalla pubblicazione sulla GUUE.

Leggi dopo

È irrilevante la pubblicazione del bando di gara sulla GUUE ai fini della decorrenza del termine impugnatorio dello stesso

09 Luglio 2021 | di Sveva Pignotti

TAR Lazio, Roma

Bando di gara

La conoscenza legale – dalla quale inizia a decorrere il termine per impugnare – coincide con la pubblicazione del bando di gara sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana – attesa l'attuale inoperatività della piattaforma digitale dei bandi di gara presso l'ANAC – e non dalla pubblicazione sulla GUUE.

Leggi dopo

Il mancato rispetto del termine di stand still da parte della Stazione appaltante impone la privazione (retroattiva) di efficacia del contratto

05 Luglio 2021 | di Paola Martiello

TAR Lazio, Roma

Inefficacia del contratto

fronte dell'annullamento dell'aggiudicazione della gara, l'accertamento della violazione dell'art. 32 del Codice dei contratti pubblici, che al comma 9 vieta la stipulazione del contratto prima di trentacinque giorni dall'invio dell'ultima delle comunicazioni del provvedimento di aggiudicazione, impone l'immeditata privazione di efficacia del contratto, con effetti retroattivi.

Leggi dopo

Illegittima la sostituzione “esterna”, operata con impresa non appartenente al R.T.I. originariamente partecipante alla gara

05 Luglio 2021 | di Paola Martiello

TAR Lazio, Roma

Raggruppamento temporaneo di imprese

Le uniche modifiche consentite dal legislatore al raggruppamento di imprese partecipante ad una gara sono quelle interne allo stesso raggruppamento, con una diversa distribuzione di ruoli e compiti tra mandanti e mandataria, secondo la disciplina dei richiamati commi 17 e 18 dell'art. 48, d.lgs. n. 50/2016, in ragione di eventi imprevedibili, tassativamente definiti del legislatore, che abbiano colpito taluno degli originari componenti, eventi che costituiscono all'evidenza eccezioni, di stretta interpretazione, al principio di immutabilità soggettiva.

Leggi dopo

L'interdittiva antimafia è autonoma causa di esclusione solo per le fattispecie ricadenti nell'ambito di applicazione del d.lgs. 50/2016

02 Luglio 2021 | di Guglielmo Aldo Giuffrè

Consiglio di Stato, Sez. III

Informative interdittive antimafia

Nel d.lgs. n. 163/2006 è assente una norma analoga a quella introdotta dall'art. 80, comma 2, d.lgs. n. 50/2016, ai sensi del quale “costituisce altresì motivo di esclusione la sussistenza, con riferimento ai soggetti indicati al comma 3, di cause di decadenza, di sospensione o di divieto previste dall'articolo 67 del decreto legislativo 6 settembre 2011, n. 159 o di un tentativo di infiltrazione mafiosa di cui all'articolo 84, comma 4, del medesimo decreto”; sicché l'interdittiva antimafia, laddove si applichi la disciplina di cui al vecchio codice, non può essere considerata un'autonoma causa di esclusione.

Leggi dopo

Approvato dal Consiglio dei Ministri il nuovo disegno di legge in materia di contratti pubblici

01 Luglio 2021 | di La Redazione

Contratti pubblici

Codice dei contratti pubblici (nuovo)

CONTRATTI PUBBLICI Delega al Governo in materia di contratti pubblici (disegno di legge) Il Consiglio dei Ministri, su proposta del Presidente Mario Draghi e del Ministro delle infrastrutture e della mobilità sostenibili Enrico Giovannini, ha approvato un disegno di legge di delega al Governo in materia di contratti pubblici...

Leggi dopo

Base d'asta e costo della manodopera: gli indici rilevatori dell'illegittimità del bando

29 Giugno 2021 | di Roberto Fusco

TAR Lombardia, Milano

Bando di gara

L'individuazione da parte della stazione appaltante nella base d'asta di un costo del lavoro inferiore a quello risultante dalle Tabelle ministeriali produce effetti diversi a seconda della fattispecie. Minimi scostamenti non integrano di per sé un indice di illegittimità del bando, mentre difformità rilevanti possono inficiare la validità della lex specialis qualora la base d'asta non presenti una consistenza tale da garantire ragionevolmente la congruità delle offerte presentate e qualora vi sia una violazione del trattamento retributivo minimo garantito dai contratti collettivi in favore dei lavoratori.

Leggi dopo

Sulla differenza tra migliorie ammesse e varianti non consentite

29 Giugno 2021 | di Leonardo Droghini

Consiglio di Stato, Sez. V

Varianti in sede di offerta

Le soluzioni migliorative - a differenze delle varianti, che incidono sul progetto dal punto di vista tipologico, strutturale e funzionale, per la cui ammissibilità è richiesta una espressa previsione nel bando di gara - possono liberamente esplicarsi in tutti gli aspetti tecnici lasciati aperti a diverse soluzioni sulla base del progetto posto a base di gara, rimanendo comunque preclusa la modificabilità delle caratteristiche progettuali già stabilite dall'Amministrazione.

Leggi dopo

Impugnabilità del bando e degli atti di gara da parte dell'operatore economico che non ha partecipato alla procedura

29 Giugno 2021 | di Roberto Fusco

TAR Lombardia, Milano

Rito speciale in materia di contratti pubblici

L'impugnazione immediata del bando di gara al fine di contestare l'incongrua determinazione della base d'asta, tale da rendere il rapporto contrattuale eccessivamente oneroso e obiettivamente non conveniente, può essere proposta anche da parte dell'operatore che non abbia partecipato alla procedura. La partecipazione alla gara, invece, è necessaria sia per contestare la lex specialis nella misura in cui non preveda la suddivisione in lotti, sia per contestare l'aggiudicazione finale della procedura.

Leggi dopo

Pagine