News

News

Clausole escludenti, normativa antimafia e iscrizione nella c.d. white list

22 Luglio 2021 | di Carlo M. Tanzarella

TAR Lombardia, Milano

Tassatività delle cause di esclusione

Il TAR per la Lombardia ha dichiarato nulla, ai sensi e per gli effetti dell'art. 83, comma 8 del Codice dei contratti pubblici, una clausola del disciplinare di gara che sanzioni con l'esclusione il concorrente non iscritto nella c.d. white list, allorché l'attività oggetto della gara non sia compresa nell'elenco tassativo di cui all'art. 1, comma 53 della l. n. 190/2012, insuscettibile di interpretazioni estensive poiché è rimessa al legislatore la definizione del punto di equilibrio tra misure di contrasto all'infiltrazione mafiosa nelle attività economiche ed esercizio libero dell'attività di impresa.

Leggi dopo

Quando è legittima la rettifica di un errore della legge di gara?

20 Luglio 2021 | di Giusj Simone

TAR Lazio, Roma

Bando di gara

È legittima, poiché non costituisce modifica essenziale degli atti di gara, la mera rettifica di carattere materiale – resa mediante chiarimenti e successiva eliminazione – di un evidente refuso formale degli stessi, la cui esistenza sia comunque chiaramente riconoscibile a tutti i partecipanti alla procedura di gara tramite la semplice lettura di tutte le norme contenute nella lex specialis...

Leggi dopo

Sul soggetto competente a svolgere la verifica di anomalia

19 Luglio 2021 | di Tommaso Cocchi

TAR Piemonte, Torino

Offerte anomale

In linea di principio, il sub-procedimento di anomalia è di competenza del R.u.p. e non della commissione di gara, con la precisazione che non è preclusa al responsabile del procedimento la possibilità di individuare ulteriori soggetti cui affidare la verifica, soprattutto quando questa comporti valutazioni tecniche particolarmente complesse.

Leggi dopo

Sul soggetto competente a svolgere la verifica di anomalia

19 Luglio 2021 | di Tommaso Cocchi

TAR Piemonte, Torino

Offerte anomale

In linea di principio, il sub-procedimento di anomalia è di competenza del R.u.p. e non della commissione di gara, con la precisazione che non è preclusa al responsabile del procedimento la possibilità di individuare ulteriori soggetti cui affidare la verifica, soprattutto quando questa comporti valutazioni tecniche particolarmente complesse.

Leggi dopo

Nomina e requisiti professionali della Commissione giudicatrice

19 Luglio 2021 | di Veronica Sordi

TAR Piemonte, Torino

Commissione giudicatrice

Nelle more dell'istituzione dell'Albo dei componenti delle Commissioni giudicatrici a norma dell'art. 78 d.lgs. 50/2016, deve trovare applicazione la disciplina transitoria di cui all'art. 216, co. 12, in forza del quale la commissione giudicatrice continua ad essere nominata dall'organo della stazione appaltante competente ad effettuare la scelta dell'affidatario del contratto, secondo regole di competenza e trasparenza preventivamente individuate da ciascuna stazione appaltante.

Leggi dopo

I limiti del sindacato giurisdizionale sull'attività valutativa della Commissione giudicatrice

16 Luglio 2021 | di Tommaso Rossi

TAR Lazio, Roma

Commissione giudicatrice

Il sindacato del giudice amministrativo sulle modalità con le quali la Commissione giudicatrice esercita la propria attività valutativa riguardo l'attribuzione dei punteggi di gara non può mai sostituirsi a quello della P.A. Tale peculiare potere, infatti, rientra nell'ampia discrezionalità tecnica tipicamente spettante all'organo di valutazione della gara, che potrà essere sovvertito giudizialmente solo fornendo la prova di palese inattendibilità e evidente insostenibilità del giudizio tecnico.

Leggi dopo

Sugli elementi costitutivi dell'offerta condizionata e dell'offerta alternativa

16 Luglio 2021 | di Tommaso Rossi

TAR Lombardia, Milano

Operatore economico

Sono inammissibili le offerte condizionate, così come pure le offerte alternative, in presenza di specifici elementi costitutivi, entrambi connotati dall'alterazione del principio della par condicio tra i partecipanti ad una gara e della certezza dei rapporti giuridici. Le offerte condizionate si hanno allorquando l'operatore non si impegni in termini immediati all'assunzione dell'obbligazione contrattuale oggetto di gara, ma solo al verificarsi di un evento futuro e incerto. Le offerte alternative si hanno laddove un'offerta contenga in sé più offerte, formulate in via alternativa o subordinata, di modo che la scelta ricadente su una di esse escluda necessariamente le altre.

Leggi dopo

Iscrizione all'albo dei gestori ambientali: requisito di partecipazione o di esecuzione?

15 Luglio 2021 | di Paolo Provenzano

TAR Lazio, Roma

Rito speciale in materia di contratti pubblici

La richiesta [di iscrizione all’Albo dei gestori ambientali] rileva esclusivamente come requisito da dimostrare in fase di esecuzione e non come condizione per la partecipazione alla gara.

Leggi dopo

Mancato versamento del contributo ANAC previsto a pena di esclusione: sì all'esclusione anche se lo screenshot del sito riporta un malfunzionamento

14 Luglio 2021 | di Benedetta Valcastelli

TAR Calabria, Reggio Calabria

Autorità nazionale anticorruzione

Il TAR Calabria si pronuncia in merito alla legittimità dell'esclusione da una procedura selettiva per tardivo versamento del contributo previsto a favore dell'Autorità Nazionale Anticorruzione (ANAC) dall'art. 1, commi 65 e 67 della legge n. 266/2005.

Leggi dopo

Sulla decorrenza dei termini per l'impugnazione del bando e la legittimazione e l’interesse del ricorrente a contestare la disciplina di gara

13 Luglio 2021 | di Guglielmo Aldo Giuffrè

Consiglio di Stato, Sez. V

Rito speciale in materia di contratti pubblici

Fino all'entrata in funzione della piattaforma ANAC di cui all'art. 73, comma 4, c.c.p., gli avvisi e i bandi di gara sono pubblicati in GURI e gli effetti giuridici di cui al comma 5 decorrono da tale pubblicazione. Anche quando l'operatore può, senza presentare domanda di partecipazione, impugnare preventivamente il bando perché contenente clausole immediatamente escludenti, dovrà comunque dimostrare la titolarità di una posizione differenziata legittimante al ricorso e cioè la sua possibilità di partecipare alla gara una volta epurata dalle clausole contestate.

Leggi dopo

Pagine