News

News

Il contraddittorio nel procedimento di rilascio d’informazione antimafia

12 Aprile 2022 | di Nicola Durante

Informative interdittive antimafia

Pubblichiamo nella rubrica Focus l'intervento del Presidente di sezione del TAR Salerno Nicola Durante, Il contraddittorio nel procedimento di rilascio d’informazione antimafia, in occasione del Convegno "Il nuovo volto delle interdittive antimafia alla luce del P.N.R.R.", organizzato dalla Sezione staccata di Reggio Calabria del TAR Calabria e dall’Università degli studi di Reggio Calabria, l’8 aprile 2022.

Leggi dopo

Irretroattività delle misure di self cleaning

11 Aprile 2022 | di Carlo M. Tanzarella

Tar Lazio, Sez. III quater

Requisiti: Grave negligenza o malafede ed errore grave

Le misure c.d. di “self cleaning” hanno effetto solo pro futuro e non valgono a ricostituire l’affidabilità del concorrente ove vengano assunte in corso di gara per rimediare a situazioni di originaria carenza dei requisiti di partecipazione.

Leggi dopo

Consorzi stabili e qualificazione tramite "cumulo alla rinfusa" negli appalti di servizi e di forniture

11 Aprile 2022 | di Rosanna Macis

TAR Lazio, Sez. II-quater

Consorzio stabile

il TAR del Lazio fa il punto sul regime di operatività del c.d. “cumulo alla rinfusa” di cui all’art. 47 del Codice dei contratti pubblici, quale risultante dalle modifiche apportate dal “Decreto sblocca cantieri” nel 2019.

Leggi dopo

Sulle tempistiche dell'esclusione dalla gara per grave illecito professionale derivante da sentenza penale di condanna non definitiva

08 Aprile 2022 | di Giordana Strazza

TAR Campania, Napoli

Tassatività delle cause di esclusione

Quando un'impresa è esclusa dalla gara d'appalto per grave illecito professionale derivante dalla condanna del suo legale rappresentante con sentenza penale non definitiva, in assenza di una specifica disposizione (poiché i commi 10 e 10-bis dell'art. 80, d.lgs. n. 50 del 2016 riguardano la sentenza penale definitiva), è direttamente applicabile l'art. 57, par. 7, della direttiva 2014/24/UE, con la conseguenza che la causa di esclusione non può essere fatta valere se sono decorsi tre anni dal fatto che ha originato la condanna non definitiva.

Leggi dopo

Sull'autotutela doverosa per l'annullamento di aggiudicazione in contrasto con il diritto euro-unitario

08 Aprile 2022 | di Giordana Strazza

TAR Lombardia, Milano

Annullamento d'ufficio

Per il diritto euro-unitario, in linea di principio, la p.A. non è obbligata a riesaminare una decisione amministrativa definitiva (nella specie, l'aggiudicazione di un lotto), dato che la certezza del diritto è annoverata tra i principi generali dallo stesso riconosciuti e il carattere definitivo dell'atto, acquisito con il decorso dei termini ragionevoli di ricorso o in seguito all'esaurimento dei mezzi di tutela giurisdizionale, contribuisce alla formazione di tale certezza. Il giudicato formatosi su una interpretazione poi ritenuta non conforme al diritto euro-unitario non costituisce, tuttavia, un limite all'esercizio dell'autotutela. Deve pertanto ritenersi doveroso l'annullamento in autotutela dell'atto contrastante con il diritto euro-unitario, salva l'ipotesi di pregiudizio ai principi fondamentali dell'ordinamento costituzionale italiano.

Leggi dopo

Anche le imprese in amministrazione straordinaria sono tenute alla prestazione delle garanzie ex art. 93 d.lgs. 50/2016

08 Aprile 2022 | di Tommaso Cocchi

TAR Lazio

Garanzie a corredo dell’offerta

Le imprese in amministrazione straordinaria partecipano alle procedure ad evidenza pubblica nel rispetto delle prescrizioni del Codice dei contratti pubblici, che trovano applicazione nei confronti di tutti i partecipanti alla gara, sicché esse soggiacciono alle medesime regole vigenti per qualunque concorrente, dovendo, dunque, produrre le garanzie provvisorie richieste per la presentazione dell’offerta, gli impegni per il rilascio delle definitive ed il loro rinnovo.

Leggi dopo

Viola il principio di separazione l’astratta possibilità per la SA di conoscere componenti dell’offerta economica durante la valutazione di quella tecnica

06 Aprile 2022 | di Lavinia Samuelli Ferretti

TAR Lombardia, Milano

Offerte anomale

Perché sia violato il principio di separazione tra offerta tecnica ed offerta economica, è sufficiente l’astratta possibilità, per la commissione giudicatrice, di conoscere il contenuto di alcune componenti dell’offerta economica contestualmente alla valutazione dell’offerta tecnica.

Leggi dopo

Aumento del prezzo dei materiali: la circ. MIMS alle stazioni appaltanti sulla compensazione alle imprese

06 Aprile 2022 | di La Redazione

Circolare MIMS

Lavori (appalto pubblico di)

Compensazioni alle imprese per l’aumento dei prezzi dei materiali: dal MIMS una circolare alle stazioni appaltanti che devono procedere ai pagamenti utilizzando le risorse proprie accantonate per imprevisti nel quadro economico di ogni intervento o le altre risorse disponibili derivanti, ad esempio, dai ribassi d’asta, senza attendere la distribuzione del Fondo creato con il Dl n. 121/2021.

Leggi dopo

Sull'esigibilità dell'onere di consultazione del sito della Stazione appaltante ai fini dell'individuazione del termine per impugnare

05 Aprile 2022 | di Tommaso Rossi

Consiglio di Stato, Sez. III

Rito speciale in materia di contratti pubblici

Anche laddove non di dimostri la piena conoscenza della pubblicazione di un provvedimento lesivo, nell'ambito di una procedura di affidamento di contratti pubblici, è tuttavia sufficiente che emerga la consapevolezza della elevata probabilità della sua imminente adozione ai fini della valutazione circa l'esigibilità della condotta di verifica della pubblicazione sul sito istituzionale dell'amministrazione aggiudicatrice e, di conseguenza, ai fini dell'individuazione dell'effettivo termine iniziale per impugnare un provvedimento lesivo.

Leggi dopo

Affidabilità del concorrente: mancata valutazione della P.A. di precedenti provvedimenti espulsivi e violazione dell'art. 80 c. 5 lett. c-bis) d.lg. 50/2016

05 Aprile 2022 | di Tommaso Rossi

TAR Lazio, Roma

Requisiti: Falsa dichiarazione e falsa documentazione

Laddove la Stazione appaltante ometta di esercitare i suoi poteri valutativi circa la rilevanza, ai fini del giudizio sull'affidabilità dell'operatore economico partecipante alla gara, di vicende che hanno portato alla precedente applicazione nei suoi confronti di provvedimenti di espulsione, si versa nell'ipotesi di violazione presa in considerazione dall'art. 80 co. 5 lett. c-bis) del d.lgs. 50/2016. In particolare rileva la causa di esclusione relativa all'omissione delle “informazioni dovute ai fini del corretto svolgimento della procedura di selezione”, non potendo il G.A. sostituirsi al sindacato della P.A. sul punto, stante il divieto sancito dall'art. 34 co. 2 c.p.a.

Leggi dopo

Pagine