News

News

È legittima, prima della stipula del contratto, la sostituzione dell’impresa ausiliaria raggiunta da un’interdittiva antimafia

17 Maggio 2016 | di Massimo Nunziata

Consiglio di Stato

Avvalimento

Il combinato disposto del Codice dei contratti e della disciplina antimafia consente al concorrente, prima della stipula del contratto, di sostituire l’impresa ausiliaria destinataria di un’interdittiva antimafia.

Leggi dopo

In house pluripartecipato e onere motivazionale ex art. 34, comma 20, d.l. n. 179 del 2012

16 Maggio 2016 | di Annalaura Leoni

Consiglio di Stato

Affidamento in house

È illegittimo l’affidamento diretto a società in house di un servizio pubblico locale qualora la relazione che l’ente affidante deve predisporre e pubblicare sul sito internet, ai sensi dell’art. 34, comma 20, del d.l. 18 ottobre 2012, n. 179, non contenga alcuna valutazione di tipo concreto, riscontrabile, controllabile, intellegibile e pregnante sui profili della convenienza, anche non solo economica, della gestione prescelta.

Leggi dopo

Risarcimento del danno: modalità di accertamento e determinazione

16 Maggio 2016 | di Annalaura Leoni

TAR

Risarcimento del danno

Con riferimento all’accertamento della probabilità della concorrente collocatasi seconda in graduatoria di aggiudicarsi la procedura di gara, ai fini del riconoscimento del diritto al risarcimento del danno, qualora il giudice di primo grado non raggiunga un pieno convincimento in merito all’esistenza del danno risarcibile, anche in base al criterio del cd. “più probabile che non”, è legittimo ricorrere ad altri e ulteriori, purché ragionevoli, criteri induttivi per verificarne la sussistenza.

Leggi dopo

I termini dimidiati previsti dal rito speciale appalti si applicano anche alle concessioni di servizi?

13 Maggio 2016 | di Guglielmo Aldo Giuffrè

Consiglio di Stato

Concessione di servizi

Viene rimessa all’Adunanza Plenaria del Consiglio di Stato la questione relativa all’applicabilità degli artt. 119, comma 1, lett. a) e 120 c.p.a. anche alle concessioni di servizi, con la conseguente applicazione della dimidiazione dei termini previsti dall’art. 120, comma 5, c.p.a. anche ai ricorsi promossi contro le relative procedure di affidamento, in quanto, seppure tale problematica possa dirsi parzialmente superata dal regime previsto dal nuovo Codice, essa residua quantomeno con riferimento alla previgente disciplina dell’art. 30 d.lgs. n. 163 del 2006 e alla sua interrelazione con gli artt. 119 e 120 c.p.a.

Leggi dopo

Interdittiva antimafia: la regola del “più probabile che non” e la necessità di fiducia nell’imprenditore

13 Maggio 2016 | di Guglielmo Aldo Giuffrè

Consiglio di Stato

Informative interdittive antimafia

Anche un singolo elemento di permeabilità criminale, qualora grave e preciso, e in assenza di adeguati elementi di segno contrario, può essere ritenuto sufficiente a fondare un’interdittiva antimafia, purché idoneo, secondo la regola del “più probabile che non”, a far perdere quella fiducia nell’imprenditore della quale questi deve necessariamente godere da parte delle istituzioni nei rapporti con le pubbliche amministrazioni.

Leggi dopo

L’offerta condizionata va incondizionatamente esclusa

13 Maggio 2016 | di Paolo Provenzano

TAR

Varianti in sede di offerta

Ai fini della loro ammissibilità le offerte devono risultare coerenti con lo schema contrattuale proposto dalla stazione appaltante. È da considerarsi “condizionata”, e come tale va esclusa, l’offerta formulata con riguardo a parametri altri e diversi rispetto a quelli risultanti dal capitolato tecnico posto a base di gara.

Leggi dopo

Profili oggettivi e soggettivi della giurisdizione amministrativa (introduzione al Convegno dedicato a Leopoldo Mazzarolli)

13 Maggio 2016 | di Fabio Francario

Convegno Siena 13-14 maggio 2016.pdf

Rito speciale in materia di contratti pubblici

Il rito appalti offre notevoli spunti che valorizzano il carattere oggettivo della giurisdizione amministrativa. Diversi poteri sono infatti riconosciuti al giudice amministrativo che consentono di pronunciare a prescindere da una domanda di parte e dall'esigenza di tutelare in concreto l'interesse del ricorrente. II tema viene dibattuto nell’ambito della più generale problematica della coesistenza di profili di diritto soggettivo e oggettivo nella giurisdizione amministrativa nel convegno che si tiene a Pontignano il 13 e 14 maggio nel ricordo di Leopoldo Mazzarolli.

Leggi dopo

Inammissibile l’impugnazione di un bando per profili relativi al precedente rapporto con la PA

12 Maggio 2016 | di Benedetta Barmann

TAR

Rito speciale in materia di contratti pubblici

È inammissibile, per carenza dell’interesse ad agire, l’azione che, sebbene abbia ad oggetto l’impugnazione di un atto amministrativo (bando di gara), non contiene specifiche censure contro il suo contenuto, ma costituisce il pretesto per introdurre dinanzi al giudice questioni interpretative afferenti un pregresso rapporto contrattuale con la Pubblica Amministrazione. Da ciò discende, altresì, il difetto di giurisdizione del Giudice Amministrativo, atteso che si verte in materia di diritti soggettivi nascenti da contratto di concessione.

Leggi dopo

È sproporzionato e anticoncorrenziale chiedere l’iscrizione all’Albo dei concessionari per l’affidamento di attività di (mero) supporto alla riscossione delle entrate

12 Maggio 2016 | di Benedetta Barmann

TAR

Bando di gara

È illegittima per evidente sproporzione – e immediatamente impugnabile – la clausola del bando di gara per l’affidamento dei servizi di (mero) supporto alle attività di riscossione delle entrate tributarie ed extratributarie degli Enti locali che prevede, ai fini dell’abilitazione del fornitore, l’iscrizione all’Albo dei concessionari, limitando la stessa eccessivamente la concorrenza in favore degli operatori iscritti all’Albo di cui all’art. 53 d.lgs. n. 446 del 1997.

Leggi dopo

Costituzionalità dell’obbligo di autorizzazione all’arbitrato

11 Maggio 2016 | di Maria Grazia Carcione

Corte costituzionale

Arbitrato

La Corte costituzionale ha ribadito la conformità a Costituzione della legge n. 190 del 2012 nella parte in cui, stabilendo che gli arbitrati nella fase di esecuzione dei contratti pubblici sono ammissibili se previamente autorizzati dall’amministrazione, ha sancito l’applicazione di tale divieto anche agli arbitrati conferiti dopo l’entrata in vigore della legge sulla base di clausole compromissarie antecedenti.

Leggi dopo

Pagine