News

News

Sulla dimostrazione del nesso di “stretta indispensabilità” per l'accesso di cui all'art. 53, comma 6, del d.lgs. 50/2016

20 Settembre 2022 | di Tommaso Cocchi

TAR Lazio, Roma

Accesso agli atti

La valutazione di “stretta indispensabilità” della specifica documentazione di gara oggetto dell'istanza ostensiva non deve necessariamente essere limitata alla verifica dell'instaurazione di un giudizio avverso gli atti di gara, ma va svolta in concreto alla luce delle “deduzioni difensive potenzialmente esplicabili” da parte del ricorrente che ha richiesto l'accesso.

Leggi dopo

Sull'obbligo di verifica dell'anomalia delle offerte in caso di appalto disciplinato dalla direttiva 2009/81/CE

20 Settembre 2022 | di Giordana Strazza

Corte giust. UE

CGUE, 15 settembre 2022, causa C‑669_20.pdf

Offerte anomale

La CGUE ha chiarito che “1) Gli articoli 38 e 49 della direttiva 2009/81/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 13 luglio 2009, relativa al coordinamento delle procedure per l'aggiudicazione di taluni appalti di lavori, di forniture e di servizi nei settori della difesa e della sicurezza da parte delle amministrazioni aggiudicatrici/degli enti aggiudicatori, e recante modifica delle direttive 2004/17/CE e 2004/18/CE...

Leggi dopo

Sulla legittimità della puntuale applicazione della legge di gara e sulla configurabilità del soccorso istruttorio e/o procedimentale

16 Settembre 2022 | di Giusj Simone

TAR Lazio, Roma

Bando di gara

È legittima la valutazione dell’offerta tecnica effettuata dalla Commissione di gara in applicazione della chiara legge di gara e le cui ragioni giustificative siano riportate a verbale. Le carenze documentali che investono elementi inerenti al contenuto necessario dell’offerta tecnica, come espressamente individuati dalla legge di gara quali criteri di valutazione dell’offerta stessa, non sono configurabili quali presupposti di ammissibilità sia del “soccorso istruttorio”, individuati dall’art. 83, comma 9, del D.lgs. n. 50/2016, sia del “soccorso procedimentale”, individuati in sede giurisprudenziale.

Leggi dopo

La formulazione della domanda cautelare rileva ai fini dell'accoglimento di quella di risarcimento del danno per equivalente monetario

16 Settembre 2022 | di Sebastiano Santarelli

TAR Lombardia, Milano

Risarcimento del danno

La mancata proposizione della domanda cautelare rileva ai fini dell'accoglimento della domanda di risarcimento dei danni per equivalente monetario. Infatti, ai sensi dell'art. 30, comma 3. del c.p.a., il giudice può valutare tutte le circostanze di fatto e il comportamento complessivo delle parti e, comunque, escludere il risarcimento dei danni che si sarebbe potuto evitare usando l'ordinaria diligenza, anche attraverso l'esperimento degli strumenti di tutela previsti.

Leggi dopo

Le indicazioni contenute nella relazione di accompagnamento ai CAM costituiscono utile parametro di valutazione della congruità dell'offerta economica

16 Settembre 2022 | di Sebastiano Santarelli

TAR Lombardia, Milano

Offerte anomale

Quantunque non vincolanti, le indicazioni contenute nella relazione di accompagnamento e fornitura derrate alimentari costituiscono un utile parametro di valutazione per verificare la congruità dell'offerta economica.

Leggi dopo

Sui requisiti di esecuzione dell'appalto

14 Settembre 2022 | di Edoardo Mete

TAR Lazio, Roma

Bando di gara

La regolazione dei requisiti di esecuzione di un appalto va rinvenuta nella lex specialis, la quale può alternativamente richiedere tali requisiti come elementi essenziali dell'offerta, per l'attribuzione di un punteggio premiale, ovvero come condizione per la stipulazione del contratto.

Leggi dopo

Difformità dell'offerta e aliud pro alio

14 Settembre 2022 | di Edoardo Mete

Consiglio di Stato, Sez. III

Tassatività delle cause di esclusione

Il principio dell'esclusione dell'offerta per difformità dai requisiti minimi, anche in assenza di espressa comminatoria di esclusione, opera solo nel caso in cui le specifiche tecniche previste dalla legge di gara consentano di ricostruire con esattezza il prodotto richiesto dall'Amministrazione e di fissare in maniera analitica ed inequivoca determinate caratteristiche tecniche come obbligatorie.

Leggi dopo

A carico del socio persona giuridica non sussiste alcun obbligo dichiarativo, neppure ai fini di cui all’art. 80, comma 5, lett. c) del Codice dei contratti

13 Settembre 2022 | di Aldo Cimmino

Consiglio di Stato, Sez. V

Requisiti: Ambito soggettivo di applicazione

Il Consiglio di Stato torna a ribadire il principio di diritto per cui il socio unico persona giuridica, non rientrando espressamente tra i soggetti di cui all’art. 80, comma 3, D.lgs. n. 50/2016, non è tenuto a rendere alcuna dichiarazione, neppure ai fini di cui all’art. 80, comma 5, lett. c) del Codice dei contratti.

Leggi dopo

La verifica di anomalia va esperita anche con riferimento alle offerte inerenti alle concessioni

13 Settembre 2022 | di Guglielmo Aldo Giuffrè

TAR Lombardia, Milano

Offerte anomale

Seppure l’art. 164, comma 2, del D.lgs. n. 50 del 2016 non richiami specificamente il regime dell’anomalia, la relativa verifica va nondimeno considerata applicabile anche alle offerte inerenti alle concessioni: si tratta infatti di una valutazione espressione di principi generali in materia di affidamento di commesse pubbliche quali quelli della qualità e affidabilità delle prestazioni, nonché della libera concorrenza (cfr. l’art. 30 d.lgs. n. 50 del 2016), e che implica un apprezzamento secondo canoni di ragionevolezza e attendibilità delle offerte ben possibile - anzi doveroso - da parte dell’amministrazione anche in ipotesi di concessioni, in coerenza con i generali principi dell’efficienza e buon andamento dell’azione amministrativa.

Leggi dopo

Rileva ai fini escludenti la condotta presunta del socio di un o.e. posta in essere come legale rappresentante di un'altra società?

09 Settembre 2022 | di Adriana Presti

TAR Lazio, Roma

Requisiti: Assenza di condanne penali

Non può rilevare ai fini espulsivi la (soltanto presunta) condotta del socio che sia anche il legale rappresentante di un'altra società “anche se censurata specificamente nell'ambito di un'azione posta in essere per altra società, quando si registra – come nella fattispecie – una comunanza di proprietà”.

Leggi dopo

Pagine