News

News

Anche il professore a contratto può essere nominato membro di una commissione giudicatrice

13 Giugno 2016 | di Claudio Fanasca

TAR

Commissione giudicatrice

Ai fini della nomina dei componenti della commissione giudicatrice, si possono ritenere equivalenti le categorie di professori di ruolo e di professori a contratto, dal momento che si tratta in entrambi i casi di docenti universitari e, comunque, di soggetti che possono essere considerati esperti nello specifico settore di riferimento.

Leggi dopo

Conseguenze dell’illegittima ammissione di un concorrente in caso di applicazione del confronto a coppie

10 Giugno 2016 | di Marco Calaresu

TAR

Rito speciale in materia di contratti pubblici

In una gara in cui si applica il metodo del confronto a coppie, l’accertamento dell’illegittimità del provvedimento di ammissione di un concorrente alla fase di comparazione con le altre offerte fa sorgere un obbligo conformativo della stazione appaltante di rivalutare le offerte escludendo dal confronto i punteggi assegnati ai concorrenti che dovevano essere esclusi dalla procedura di gara. In tal caso, sul versante sostanziale, la commissione giudicatrice sarebbe tenuta a riesaminare tutti gli aspetti di legalità e regolarità afferenti alla procedura pubblica; mentre sul versante processuale, l’amministrazione resistente potrebbe eccepire che l’accoglimento della domanda della ricorrente non sortirebbe alcun effetto favorevole per la parte interessata all’aggiudicazione della procedura

Leggi dopo

Sull'inesistenza di un potere generalizzato di controllo sul possesso dei requisiti di partecipazione

10 Giugno 2016 | di Marco Calaresu

TAR

Controllo sul possesso dei requisiti

La commissione giudicatrice non è tenuta a verificare la sussistenza continuativa dei requisiti di moralità dichiarati da un concorrente che non si è classificato al primo o al secondo posto della graduatoria e che non è stato sorteggiato per la verifica sul controllo dei requisiti. Un tale onere sarebbe in contrasto con il principio di economicità dell’azione amministrativa e con il divieto di aggravamento del procedimento.

Leggi dopo

Demarcazione tra poteri del Responsabile unico del procedimento e della Commissione giudicatrice

09 Giugno 2016 | di Francesco Elefante

TAR

Responsabile delle procedure di affidamento e di esecuzione

Nelle gare pubbliche di appalto per la cui aggiudicazione è stato prescelto il criterio dell'offerta economicamente più vantaggiosa, l'attività valutativa appartiene alla competenza esclusiva della commissione potendo infatti il responsabile unico del procedimento svolgere – in base al combinato disposto dell’art. 10, comma 2, e dell’art. 84, comma 1, d.lgs. n. 163 del 2006 – soltanto quelle attività che non sono specificatamente attribuite ad altri organi o soggetti e che non implichino l'esercizio di poteri valutativi (Cons. St., Sez. V, 21 novembre 2014 n. 5760; id., Sez. III, 15 luglio 2011, n. 4331; TAR Sardegna, Sez. I, n. 196 del 2014).

Leggi dopo

Esclusione del soccorso istruttorio in caso di dichiarazioni non veritiere

08 Giugno 2016 | di Sonia Caldarelli

TAR

Soccorso istruttorio

L’istituto del soccorso istruttorio nella configurazione di cui agli artt. 38, comma 2-bis e 46, comma 1-ter, d.lgs. n. 163 del 2006, non può essere utilizzato laddove non sia specificamente contestata la mancanza, l'incompletezza o l’irregolarità della dichiarazione bensì l'aver reso una dichiarazione non veritiera. La fattispecie della dichiarazione "non veritiera" in quanto priva della doverosa menzione di eventi la cui valenza ostativa alla instaurazione di un rapporto contrattuale è riservata alla stazione appaltante, rimane dunque fuori dalla sanatoria predetta.

Leggi dopo

Danno da perdita di chance

08 Giugno 2016 | di Sonia Caldarelli

Consiglio di Stato

Risarcimento del danno

La perdita di chance non si identifica con la perdita di un risultato utile sicuro, ma con il semplice venire meno di un'apprezzabile possibilità di conseguirlo, in particolare per essere stato l'interessato privato della stessa possibilità concreta di aggiudicarsi un appalto. La risarcibilità della chance non può essere subordinata all'offerta in giudizio di una sua prova rigorosa, ciò essendo logicamente incompatibile con la natura di tale voce di danno, risultando invece sufficiente che gli elementi addotti consentano una prognosi concreta e ragionevole circa la possibilità di vantaggi futuri. La misura del 10% non è più considerata dalla giurisprudenza come parametro automatico in applicazione analogica del criterio del 10% del prezzo a base d’asta ai sensi dell’art. 345 l. n. 2248 del 1865, All. F; la perdita di chance va rapportata in termini percentuali all’utile in astratto conseguibile in ipotesi di aggiudicazione della gara rinnovata.

Leggi dopo

L’indicazione nella CCIAA dell’attività oggetto dell’appalto è funzionale all’accertamento del possesso effettivo del requisito di esperienza

07 Giugno 2016 | di Diego Campugiani

Consiglio di Stato

Requisiti di idoneità professionale

L’indicazione nel certificato camerale dell’attività corrispondente all’oggetto dell’appalto va intesa in senso funzionale all’accertamento del possesso effettivo del requisito soggettivo di esperienza e fatturato; l’istituto dell’avvalimento non può trovare applicazione per tale requisito.

Leggi dopo

I consorzi stabili non possono modificare le imprese indicate per l’esecuzione dell’appalto

07 Giugno 2016 | di Diego Campugiani

TAR

Consorzio stabile

L’assenza nell'art. 36 del Codice dei contratti pubblici di una norma analoga a quella che, ai sensi dell'art. 37, comma 9 del medesimo Codice, sancisce il principio di immodificabilità dei soggetti partecipanti alla gara per i raggruppamenti temporanei ed i consorzi ordinari, non si traduce sic et simpliciter nella possibilità per i consorzi stabili di modificare in corso d’opera le imprese che, in sede di offerta, sono state indicate per l’esecuzione dell’appalto.

Leggi dopo

L’esclusione dell’aggiudicatario definitivo è conseguenza automatica dell’esito negativo dell’accertamento del possesso dei requisiti

06 Giugno 2016 | di Maria Stella Bonomi

TAR

Requisiti: Assenza di condanne penali

In caso di esito negativo dell’accertamento del possesso dei requisiti, l’aggiudicatario definitivo deve essere escluso. Tale esclusione inerisce al medesimo procedimento e non può, dunque, considerarsi alla stregua di un atto di secondo grado.

Leggi dopo

Sui limiti al diritto di accesso agli atti di gara ex art. 13 d.lgs. n. 163 del 2006

06 Giugno 2016 | di Maria Stella Bonomi

TAR

Accesso agli atti

Deve ritenersi accessibile un’offerta tecnica, laddove l’impresa si sia limitata a fare generico riferimento alla circostanza che faceva parte dell’offerta un software con marchio registrato senza, tuttavia, descrivere puntualmente le parti dell’offerta non facilmente accessibili agli esperti e agli operatori del settore e sottoposte ad adeguate misure volte a mantenerle comunque segrete.

Leggi dopo

Pagine