News

News

Incontro sul tema del COLLEGIO CONSULTIVO TECNICO - 13 Aprile 2021 ore 17.30 (Zoom)

10 Aprile 2021 | di Redazione Scientifica

CCLM-CAM Collegio Consultivo Tecnico 13 aprile 2021.pdf

Lavori (appalto pubblico di)

La Camera arbitrale di Milano in collaborazione con il Centre of Construction Law and Management (CCLM) presenta un ciclo di incontri in tema di diritto delle costruzioni e dei contratti pubblici. Il primo appuntamento è dedicato al Collegio Consultivo Tecnico. La partecipazione è gratuita. L'incontro si svolge online sulla piattaforma Zoom.

Leggi dopo

Integrazione ex post della legge di gara fra interpretazione estensiva e “mera” esplicitazione delle clausole

07 Aprile 2021 | di Alessandro Balzano, Federica Grazioso De Pascale

TAR Lombardia, Milano

Bando di gara

Le preminenti esigenze di certezza connesse allo svolgimento delle procedure concorsuali impongono di ritenere di stretta interpretazione le clausole del bando di gara con la conseguenza che è preclusa qualsiasi lettura che non sia in sé giustificata da un’obiettiva incertezza del loro significato letterale.

Leggi dopo

Reato estinto e obblighi dichiarativi: in quali casi può essere omessa la relativa dichiarazione?

07 Aprile 2021 | di Alessandro Balzano, Federica Grazioso De Pascale

TAR Piemonte, Torino

Requisiti: Assenza di condanne penali

In caso di estinzione del reato, la fattispecie non può costituire automatica ipotesi di esclusione dalle gare. Difatti, nonostante nella nuova formulazione dell'art. 80 del D.lgs. 50/2016 non sia riproposta pedissequamente la formulazione dell'abrogato art. 38, comma 2, del D.lgs. 12 aprile 2006, la nuova formulazione della norma deve interpretarsi nel senso che in tale ipotesi sussiste un onere da parte della stazione appaltante di apprezzare l'incidenza, ai fini partecipativi, delle sentenze di condanna cui si riferiscono quei fatti di reato.

Leggi dopo

Sul carattere “subordinato ed eccezionale” degli affidamenti in house rispetto alle procedure ad evidenza pubblica

03 Aprile 2021 | di Gianluigi Delle Cave

Affidamento in house

In materia di affidamenti in house, l’articolo 192, comma 2, del d.lgs. n. 50/2016 colloca senz’altro questi ultimi su un piano subordinato ed eccezionale rispetto agli affidamenti tramite gara di appalto, consentendo tali affidamenti soltanto in caso di dimostrato fallimento del mercato rilevante, nonché imponendo comunque all’amministrazione di fornire una specifica motivazione circa i benefici per la collettività connessi a tale forma di affidamento.

Leggi dopo

Sul principio di rotazione per gli affidamenti sotto soglia di rilevanza europea

02 Aprile 2021 | di Benedetta Valcastelli

Consiglio di Stato, Sez. V

Fasi delle procedure di affidamento

Il Consiglio di Stato fa il punto sul principio di rotazione fissato, per gli affidamenti sotto soglia di rilevanza europea, dall'art. 36 del Codice dei contratti pubblici. Il principio è volto a tutelare le esigenze della concorrenza in un settore, quale quello degli appalti “sotto soglia”, nel quale è maggiore il rischio del consolidarsi, ancor più a livello locale, di posizioni di rendita anticoncorrenziale da parte di singoli operatori del settore risultati in precedenza aggiudicatari della fornitura o del servizio.

Leggi dopo

Offerte ex aequo: prima del sorteggio va richiesto il rilancio delle offerte

02 Aprile 2021 | di Simone Abrate

TAR Emilia Romagna, Bologna

Fasi delle procedure di affidamento

In caso di gara telematica con seduta di gara virtuale, se risultano offerte ex aequo non si può procedere direttamente, nella medesima seduta virtuale, al sorteggio ma occorre preventivamente esperire la fase di rilancio migliorativo di cui all'art. 77 del R.D. 23 maggio 1924 n. 827. Tale ultima norma è da ritenersi ancora in vigore e si applica, in virtù del principio di eterointegrazione, anche in assenza di richiami della lex specialis.

Leggi dopo

Le clausole del bando di gara sono di stretta interpretazione

02 Aprile 2021 | di Simone Abrate

TAR Lombardia, Milano

Bando di gara

Le preminenti esigenze di certezza connesse allo svolgimento delle procedure concorsuali di selezione delle offerte impongono di ritenere di stretta interpretazione le clausole del bando di gara: ne va perciò preclusa qualsiasi lettura che non sia in sé giustificata da un'obiettiva incertezza del loro significato letterale. Secondo la stessa logica, sono comunque preferibili, a garanzia dell'affidamento dei destinatari, le espressioni letterali delle varie previsioni, affinché la via del procedimento ermeneutico non conduca a un effetto, indebito, di integrazione delle regole di gara aggiungendo significati del bando in realtà non chiaramente e sicuramente rintracciabili nella sua espressione testuale.

Leggi dopo

Sull'escussione della cauzione provvisoria

31 Marzo 2021 | di Valeria Zallocco

TAR Lazio, Roma

Garanzie a corredo dell’offerta

È legittima l'escussione in via automatica della cauzione provvisoria nei confronti del concorrente che abbia perso i requisiti di ordine generale, conformemente agli artt. 48 e 75 del d.lgs. n. 163 del 2006. Ai fini dell'escussione non rileva la sussistenza di un elemento soggettivo in capo al partecipante, ma unicamente il mancato rispetto oggettivo delle regole di gara circa il possesso dei requisiti.

Leggi dopo

Specifiche tecniche e clausola di equivalenza

31 Marzo 2021 | di Valeria Zallocco

TAR Toscana, Firenze

Capitolati di gara

La determinazione dell’oggetto degli appalti e la composizione dei lotti sono guidate dai fabbisogni della stazione appaltante, secondo una valutazione discrezionale che si connota per un’ampia componente di merito amministrativo. La menzione di un determinato produttore ad opera della lex specialis è consentita dall’art. 68 d.lgs. n. 50 del 2016, se funzionale a circoscrivere in maniera precisa e intelligibile l’oggetto dell’appalto, purché sia fatto salvo il principio di equivalenza.

Leggi dopo

La qualificazione di un prodotto come “presidio medico chirurgico”

30 Marzo 2021 | di Marco Velliscig

TAR Trieste

Bando di gara

La qualificazione “presidio medico-chirurgico” corrisponde a quella di “prodotto autorizzato ai sensi del D.P.R. 392 del 1998”, essendo l’una la logica e necessaria implicazione dell’altra e viceversa.

Leggi dopo

Pagine