News

News su Tassatività delle cause di esclusione

Clausole escludenti, normativa antimafia e iscrizione nella c.d. white list

22 Luglio 2021 | di Carlo M. Tanzarella

TAR Lombardia, Milano

Tassatività delle cause di esclusione

Il TAR per la Lombardia ha dichiarato nulla, ai sensi e per gli effetti dell'art. 83, comma 8 del Codice dei contratti pubblici, una clausola del disciplinare di gara che sanzioni con l'esclusione il concorrente non iscritto nella c.d. white list, allorché l'attività oggetto della gara non sia compresa nell'elenco tassativo di cui all'art. 1, comma 53 della l. n. 190/2012, insuscettibile di interpretazioni estensive poiché è rimessa al legislatore la definizione del punto di equilibrio tra misure di contrasto all'infiltrazione mafiosa nelle attività economiche ed esercizio libero dell'attività di impresa.

Leggi dopo

L'omessa dichiarazione di fatti potenzialmente rilevanti per la configurazione di un illecito professionale non determina l'esclusione automatica dalla gara

15 Giugno 2021 | di Angelica Cardi

TAR Lazio, Roma

Tassatività delle cause di esclusione

Nessuna automatica esclusione per “mendacio” può disporsi in riferimento all'omessa dichiarazione di fatti e circostanze potenzialmente rilevanti ai fini della configurazione di un possibile illecito professionale e non ricadenti in alcuna causa di esclusione ad applicazione tassativa. Al riguardo, affinché possa disporsi la sanzione espulsiva è, in ogni caso, necessaria la valutazione da parte della Stazione appaltante della concreta incidenza di quei fatti sull'affidabilità del concorrente.

Leggi dopo

Sull'esclusione da una procedura di gara per mancata rappresentazione di una posizione debitoria derivante da un precedente rapporto concessorio

08 Giugno 2021 | di Benedetta Barmann

TAR Lazio, Roma

Tassatività delle cause di esclusione

Per il principio di autoresponsabilità l'autore di dichiarazioni negoziali è assoggettato agli effetti di esse, secondo il loro oggettivo significato e secondo le normali conseguenze che ne derivano, non potendo, poi, dolersi delle conseguenze che derivino dalle stesse, una volta verificate in sede di controllo successivo.

Leggi dopo

Criteri di valutazione e formulazione dell'offerta in una gara per l'affidamento di un servizio di tesoreria

25 Maggio 2021 | di Carlo M. Tanzarella

TAR Toscana, Firenze

Tassatività delle cause di esclusione

In una controversia relativa ad una procedura per l'affidamento del servizio di tesoreria di un ente territoriale, il TAT per la Toscana ha esaminato diverse questioni concernenti le modalità di formulazione e documentazione dell'offerta, oltreché la disciplina dei criteri di valutazione di questo genere di commesse.

Leggi dopo

L'erronea indicazione dei costi di manodopera non può comportare l'automatica esclusione dalla procedura di gara

21 Maggio 2021 | di Tommaso Cocchi

TAR Lazio, Roma

Tassatività delle cause di esclusione

L'eventuale sottostima dei costi della manodopera non giustifica l'esclusione automatica dell'operatore atteso che la sanzione espulsiva può conseguire solo all'assoluta mancata indicazione nell'offerta degli stessi costi, ovvero dall'incongruità dell'offerta verificata dalla stazione appaltante nel giudizio di anomalia.

Leggi dopo

Il principio di segretezza dell’offerta impone la distinzione assoluta tra elementi tecnici e elementi economici

26 Aprile 2021 | di Francesco Elefante

TAR Toscana, Firenze

Tassatività delle cause di esclusione

Il principio di segretezza e il divieto di commistione tra offerta tecnica ed offerta economica, entrambi previsti a presidio della garanzia di imparzialità della valutazione operata dalla commissione di gara, comportano che la conoscenza degli elementi economici è interdetta fino a quando non si sia conclusa la valutazione degli elementi tecnici.

Leggi dopo

L’inosservanza della esatta indicazione e quantificazione dei costi per il contrasto dell’epidemia da Covid-19 è causa di esclusione dalla gara

22 Aprile 2021 | di Veronica Sordi

TAR Lazio, Roma

Tassatività delle cause di esclusione

È legittima l’esclusione del concorrente che non abbia fornito l’esatta indicazione e la quantificazione preventiva dei costi relativi al contrasto dell’epidemia da Covid-19 nell’ambito di una procedura finalizzata a individuare la sede idonea ad accogliere simultaneamente i candidati a un concorso pubblico, in quanto l’assenza di siffatti elementi impedisce alla Stazione appaltante un adeguato controllo sull’affidabilità dell’offerta, nonché ogni valutazione sulla congruità degli importi destinati a consentire lo svolgimento delle prove concorsuali in sicurezza.

Leggi dopo

Il meccanismo di esclusione automatica di cui all'art. 1, comma 3, d.l. n. 76/2020

25 Febbraio 2021 | di Claudio Fanasca

TAR Lazio, Roma

Tassatività delle cause di esclusione

Nelle procedure prese in considerazione dalla disciplina temporanea e derogatoria di cui all'art. 1, comma 3, d.l. n. 76/2020, convertito con modificazioni dalla l. n. 12072020, il meccanismo di esclusione automatica ivi configurato opera obbligatoriamente, senza necessità di inserimento negli atti di indizione delle procedure stesse, non essendo oggetto di una facoltà liberamente esercitabile dalla stazione appaltante, come si desume dal chiaro tenore letterale della norma e, in via sistematica, dalla sottesa esigenza di celerità delle procedure di gara.

Leggi dopo

Dall'omessa adozione da parte della SA di misure minime per evitare la distorsione della concorrenza non consegue l'esclusione automatica

15 Febbraio 2021 | di Angelica Cardi

Tribunale Molise

Tassatività delle cause di esclusione

Ai sensi dell'art. 80, comma, lett. e), del codice dei contratti, l'omissione – da parte della stazione appaltante – delle misure minime atte ad evitare la distorsione della concorrenza non può determinare l'automatica esclusione della società che ha partecipato alla fase preliminare. In casi di questo tipo la tutela in capo all'impresa concorrente, consiste nell'impugnazione del bando che non ha previsto sufficienti e proporzionate misure di compensazione dell'eventuale distorsione causata dalla partecipazione di un concorrente alla fase preliminare.

Leggi dopo

Sull'obbligo di visita dello stato dei luoghi

02 Febbraio 2021 | di Valeria Zallocco

Consiglio di Stato, Sez. V

Tassatività delle cause di esclusione

Laddove gli atti di gara prevedano l'obbligo di effettuare un sopralluogo entro un termine definito, l'Amministrazione esclude il concorrente che non abbia effettuato il sopralluogo, ma non quello che abbia effettuato il sopralluogo in ritardo. Il mancato rispetto del termine, infatti, si riverbera sulla adeguata formulazione dell'offerta, ma non anche sulla partecipazione del concorrente alla procedura di gara.

Leggi dopo

Pagine