News

News su Raggruppamento temporaneo di imprese

Illegittima la sostituzione “esterna”, operata con impresa non appartenente al R.T.I. originariamente partecipante alla gara

05 Luglio 2021 | di Paola Martiello

TAR Lazio, Roma

Raggruppamento temporaneo di imprese

Le uniche modifiche consentite dal legislatore al raggruppamento di imprese partecipante ad una gara sono quelle interne allo stesso raggruppamento, con una diversa distribuzione di ruoli e compiti tra mandanti e mandataria, secondo la disciplina dei richiamati commi 17 e 18 dell'art. 48, d.lgs. n. 50/2016, in ragione di eventi imprevedibili, tassativamente definiti del legislatore, che abbiano colpito taluno degli originari componenti, eventi che costituiscono all'evidenza eccezioni, di stretta interpretazione, al principio di immutabilità soggettiva.

Leggi dopo

Sì al cumulo di funzioni da parte del RUP: responsabile del procedimento, commissario e Presidente della Commissione

04 Giugno 2021 | di Benedetta Valcastelli

TAR Molise

Raggruppamento temporaneo di imprese

L'ammissibilità del cumulo di funzioni in capo al Rup costituisce un tema di rilievo, che ha visto nel tempo il formarsi di due distinti orientamenti giurisprudenziali. Un primo indirizzo giurisprudenziale, più restrittivo, sostiene una secca incompatibilità tra le funzioni dell'ufficio di RUP e l'incarico di commissario e di presidente della commissione...

Leggi dopo

Esecuzione del servizio di progettazione “in misura maggioritaria” da parte della mandataria di un RTI

20 Aprile 2021 | di Davide Cicu

TAR Toscana, Firenze

Raggruppamento temporaneo di imprese

Ai fini della verifica del rispetto dell'art. 83, comma 8, del D.lgs. n. 50 del 2016, le prestazioni oggetto di appalto devono essere considerate nella loro globalità nel caso in cui la Stazione appaltante non abbia espressamente indicato nelle legge di gara un servizio principale con riferimento ad una specifica categoria di lavori.

Leggi dopo

Tempistiche e limiti per la sostituzione della mandataria del RTI. Rimessione all’Adunanza plenaria

16 Febbraio 2021 | di Francesca Cernuto

Cons. giust. amm. reg. sic.

Raggruppamento temporaneo di imprese

Il Cons. giust. amm. rg. sic. rimette all’Adunanza plenaria una duplice questione tesa a chiarire, per un verso, se l’art. 48, comma 17 e 19 ter, d.lgs. n. 50/2016 possa essere interpretato nel senso di ammettere la sostituzione della mandataria dichiarata fallita successivamente alla presentazione dell’offerta con un altro operatore economico subentrante ed esterno al RTI e, sotto altro profilo, quali siano le modalità e le tempistiche che la mandante sia tenuta ad osservare per chiedere la ridetta modifica del raggruppamento onde evitare il provvedimento di esclusione.

Leggi dopo

Sulla modifica soggettiva di un costituendo RTI in caso di perdita di requisiti morali di cui all'art. 80 c.c.p. da parte di una mandante

12 Febbraio 2021 | di Diego Campugiani

TAR Toscana, Firenze

Raggruppamento temporaneo di imprese

Una corretta interpretazione dei commi 18 e 19 ter dell'art. 48 del Codice dei contratti pubblici consente la rimodulazione della composizione del costituendo RTI nelle more dello svolgimento della gara anche laddove essa sia volta a far fronte alla perdita, da parte di una mandante, di uno dei requisiti generali previsti dall'art.80 del medesimo Codice, purché essa non sia volta ad eludere una sua preesistente mancanza che, ove dichiarata, ne avrebbe impedito la partecipazione.

Leggi dopo

Il possesso dei requisiti di partecipazione in misura maggioritaria sussiste anche in caso di partecipazione paritaria al r.t.i.

28 Ottobre 2020 | di Marco Velliscig

TAR Toscana, Firenze

Raggruppamento temporaneo di imprese

La condizione del possesso dei requisiti di partecipazione in misura maggioritaria da parte della mandataria è soddisfatta anche nelle ipotesi di partecipazione paritaria (50%) all’ATI aggiudicataria delle imprese che la costituiscono.

Leggi dopo

Sull’obbligo di sopralluogo da parte di tutte le imprese del raggruppamento

04 Settembre 2020 | di Fabrizio Laudani

Tar Liguria

Raggruppamento temporaneo di imprese

In mancanza di una esplicita previsione del bando di gara, è legittima l’ammissione alla gara di una ATI nel caso in cui il sopralluogo assistito obbligatorio sia effettuato dal legale rappresentante della capogruppo “in proprio” e non nella veste di delegato delle mandanti.

Leggi dopo

Nulla la previsione che precluda tout court la partecipazione sotto forma di RTI di tipo orizzontale o mista

08 Maggio 2020 | di Guglielmo Aldo Giuffrè

Cons. St.

Raggruppamento temporaneo di imprese

La previsione della lex specialis che precluda tout court la partecipazione alla gara a raggruppamenti di tipo orizzontale, o - ammessi i raggruppamenti verticali - a quelli di natura mista va qualificata a tutti gli effetti alla stregua di causa d'esclusione atipica affetta da nullità ai sensi dell'art. 83, comma 8, del Codice.

Leggi dopo

Illegittimo il RTI verticale non espressamente previsto dagli atti di gara

01 Aprile 2020 | di Guido Befani

Tar Lazio

Raggruppamento temporaneo di imprese

La possibilità di dar vita a raggruppamenti di tipo verticale sussiste solo laddove la Stazione Appaltante abbia preventivamente individuato con chiarezza le prestazioni “principali” e quelle “secondarie”, essendo precluso al concorrente di procedere di sua iniziativa alla scomposizione del contenuto della prestazione, distinguendo fra prestazioni principali e secondarie, onde ripartirle all'interno di un raggruppamento di tipo verticale.

Leggi dopo

Il principio di ammissibilità di modifiche soggettive dei concorrenti anche nella fase di aggiudicazione può ritenersi tutt’ora applicabile?

28 Febbraio 2020 | di Paola Martiello

Tar Sicilia

Raggruppamento temporaneo di imprese

: Il principio di ammissibilità delle modifiche soggettive dei concorrenti anche nella fase di aggiudicazione dell’appalto di cui all'art. 51 del d.lgs. 163/2006 può ritenersi tuttora applicabile al fine di salvaguardare la libertà contrattuale delle imprese; queste devono poter procedere alle riorganizzazioni aziendali reputate opportune senza che possa essere loro di pregiudizio lo svolgimento delle gare alle quali hanno partecipato. La tesi opposta, peraltro, si porrebbe in contrasto con il principio di tassatività delle cause di esclusione che sono soltanto quelle espressamente previste dall’art. 80 del nuovo Codice dei Contratti.

Leggi dopo

Pagine