News

News

I presupposti per l’applicazione del principio di rotazione

23 Maggio 2018 | di Benedetta Barmann

TAR Friuli Venezia Giulia

Concessione di servizi

Il principio di rotazione di cui all’art. 36, comma 1, del D.lgs. n. 50/2016, nell’ambito delle concessioni di servizi persegue l'esigenza di evitare il consolidarsi nel tempo di rendite di posizione in capo al gestore uscente, che potrebbe godere, nella gara successiva, di un’indebita posizione di vantaggio, derivante dalle informazioni acquisite durante il pregresso affidamento, con conseguente violazione del principio di concorrenza.

Leggi dopo

Non è possibile escludere dalla gara l’impresa che in buona fede abbia mostrato di volersi adeguare alle previsioni non univoche del bando di gara

23 Maggio 2018 | di Benedetta Barmann

TAR Lazio

Tassatività delle cause di esclusione

A fronte della formulazione ambigua della normativa di gara, l’impresa partecipante che abbia, comunque, in buona fede manifestato la volontà di adeguarsi alle previsioni non univoche del bando, formulando l’offerta in adesione a una delle possibili interpretazioni della lex specialis, non può essere sanzionata con l’espulsione dalla procedura di gara. Le offerte, infatti, devono essere interpretate al fine di ricercare l’effettiva volontà dell’impresa partecipante alla gara, superandone le eventuali ambiguità, purché sia possibile giungere ad esiti certi circa la portata dell’impegno negoziale con esse assunte

Leggi dopo

Il diritto di accesso agli atti di gara “difensivo”: limiti e bilanciamento degli interessi contrapposti

22 Maggio 2018 | di Alessandro Balzano

TAR Lazio

Accesso agli atti

Il diritto di accesso cd. “difensivo” disciplinato dall’art. 13, comma 5, d.lgs. n. 163 del 2006 - il cui contenuto è stato integralmente recepito nell’art. 53, comma 5, del d.lgs. n. 50 del 2016 – prevale sulle contrapposte esigenze di tutela del segreto tecnico e commerciale laddove sia azionato in vista della difesa in giudizio dei propri interessi in relazione alla procedura di affidamento del contratto nell’ambito della quale viene formulata la richiesta di accesso.

Leggi dopo

Scadenza della certificazione di qualità tra principio di “auto-responsabilità” del concorrente e ritardi nella procedura di rinnovo

22 Maggio 2018 | di Alessandro Balzano

TAR Lazio

Qualificazione per eseguire lavori pubblici

Onde evitare eccessive soluzioni di continuità ed incorrere, così, in colpevoli ritardi nelle procedure di rinnovo delle certificazioni di qualità, è onere del concorrente attivare tempestivamente la relativa richiesta di rinnovo – così come avviene per il sistema delle attestazioni SOA - almeno 90 giorni prima della relativa scadenza, in virtù di quanto previsto dall’art. 76, comma 5, del D.P.R. n. 207 del 2000 tuttora vigente. Difatti, il principio di “autoresponsabilità” impone al concorrente che partecipa ad un gara di appalto pubblico di dimostrare un grado di professionalità e di diligenza più alto rispetto alla media con la conseguenza che lo stesso non potrà invocare eventuali ritardi determinati dall’istruttoria necessaria ai fini del rinnovo compiuta dall’organismo di certificazione e ciò in quanto i tempi della relativa procedura, risultano ben noti agli operatori economici del settore.

Leggi dopo

Giustificazioni pervenute oltre il termine assegnato dalla stazione appaltante: quali riflessi sulla legittimità dell’esclusione per anomalia?

21 Maggio 2018 | di Flaminia Aperio Bella

TAR Lazio

Offerte anomale

Nell’ambito del subprocedimento di verifica di anomalia, la produzione delle giustificazioni oltre il termine assegnato dalla Commissione di gara legittima quest’ultima a non tenerne conto.

Leggi dopo

Affidamenti esulanti dal core business dell’impresa pubblica operante nei settori speciali

21 Maggio 2018 | di Flaminia Aperio Bella

TAR Lazio

Impresa pubblica

La procedura indetta dalla società ENEL Servizi s.r.l. per l’affidamento dei servizi di vigilanza e reception presso i suoi edifici civili e industriali non rientra nei settori speciali, nemmeno come appalto ad essi strumentale.

Leggi dopo

Il Consiglio di Stato conferma l'ammissibilità dell'avvalimento della certificazione di qualità

21 Maggio 2018 | di Marco Calaresu

Consiglio di Stato

Avvalimento

Il Consiglio di Stato ribadisce la possibilità di far ricorso all'istituto dell'avvalimento anche in relazione alla certificazione di qualità. A tal fine è però necessario che l'ausiliaria metta a disposizione dell'ausiliata tutti i fattori della produzione e tutte le risorse, che, complessivamente considerati, le hanno consentito di acquisire la certificazione di qualità messa a disposizione.

Leggi dopo

In caso di suddivisione in lotti il ricorso cumulativo è ammesso esclusivamente nel caso di proposizione di identici motivi di censura

18 Maggio 2018 | di Marco Calaresu

Rito speciale in materia di contratti pubblici

Il bando di gara suddiviso in lotti determina l’indizione di tante gare ognuna delle quali si conclude con una aggiudicazione. Il legislatore disciplina ora all’art. 120, co. 11-bis, del c.p.a., sulla scorta del consolidato orientamento giurisprudenziale, le condizioni di ammissibilità del ricorso cumulativo avverso l’aggiudicazione di più lotti.

Leggi dopo

In assenza di specifica previsione, è possibile disporre l’esclusione del concorrente che omette di specificare i costi ex art. 95, comma 10, c.c.p?

18 Maggio 2018 | di Francesco Renda

TAR Lazio

Tassatività delle cause di esclusione

In assenza di una previsione della lex specialis che imponga al concorrente di indicare i costi di cui all’art. 95, comma 10, d. lgs. 50/2016 in maniera separata dalle altre voci componenti l’offerta, l’operatore può regolarizzare la propria posizione mediante il ricorso al soccorso istruttorio.

Leggi dopo

L’omessa dichiarazione alla stazione appaltante di operazioni societarie intervenute nell’anno precedente alla presentazione delle offerte

17 Maggio 2018 | di Francesco Renda

Consiglio di Stato

Soccorso istruttorio

L’omessa dichiarazione di operazioni societarie intervenute nell’anno precedente alla presentazione delle offerte non costituisce di per sé causa di esclusione dell’operatore economico, dovendo in un’ipotesi di tal fatta la stazione appaltante attivare il soccorso istruttorio ex art. 83, comma 9, d.lgs. 50 del 2016.

Leggi dopo

Pagine