News

News

Soccorso istruttorio e cauzione provvisoria

19 Ottobre 2021 | di Simone Abrate

TAR Lombardia, Milano

Garanzie a corredo dell’offerta

ll soccorso istruttorio ha esito positivo – e l'operatore può restare in gara – solo se la cauzione provvisoria presentata in sanatoria sia di data anteriore al termine per la formulazione delle domande di partecipazione. In caso contrario, infatti, si darebbe luogo ad una violazione della par condicio tra i concorrenti, atteso che si consentirebbe ad uno di essi la presentazione di una cauzione provvisoria formata successivamente alla scadenza del termine per la presentazione della domanda di partecipazione, così giovando il medesimo concorrente di un termine più lungo per l'acquisizione della documentazione necessaria alla partecipazione alla gara.

Leggi dopo

Accesso agli atti e nozione segreto tecnico e commerciale

19 Ottobre 2021 | di Simone Abrate

TAR Piemonte, Torino

Accesso agli atti

Il concetto di segreto tecnico-commerciale rilevante nell'ambito dell'accesso ai documenti di una procedura di gara non può discostarsi dalla definizione normativa contenuta nel Codice della proprietà Industriale, di cui all'art 98 del d.lgs. 10 febbraio 2005 n. 30 che richiede, ai fini della tutela, che le informazioni aziendali e commerciali ed esperienze sulle applicazioni tecnico industriali debbano avere i requisiti di segretezza e rilevanza economica ed essere soggette, da parte del legittimo detentore, a misure di protezione ragionevolmente adeguate.

Leggi dopo

Clausole escludenti ed onere di immediata impugnazione

18 Ottobre 2021 | di Cecilia Valeria Sposato

TAR Lazio, Roma

Requisiti: Ambito soggettivo di applicazione

Il termine per impugnare le clausole relative ai requisiti di partecipazione alla gara decorre dalla data di pubblicazione del bando, essendo da quel momento preclusa la partecipazione alla procedura all'operatore sprovvisto dei requisiti medesimi.

Leggi dopo

Avvalimento esperienziale e avvalimento premiale

15 Ottobre 2021 | di Valeria Zallocco

Consiglio di Stato, Sez. V

Avvalimento

L'art. 89, comma 1, c.c.p. va interpretato nel senso che l'impresa ausiliaria è tenuta ad eseguire direttamente le prestazioni oggetto dell'appalto nei soli casi in cui quest'ultima metta a disposizione i titoli professionali o di studio che non possono essere trasferiti al concorrente in quanto strettamente personali, ovvero qualora siano richieste tra i requisiti esperienze professionali maturate proprio in virtù della spendita degli stessi titoli di studio o professionali. È illegittimo l'avvalimento premiale ossia quello che abbia quale scopo esclusivo quello di far conseguire all'ausiliata, che non necessiti di alcun incremento delle risorse per partecipare alla gara, una migliore valutazione dell'offerta tecnica: in tal caso, infatti, la logica concorrenziale ne risulta alterata e non implementata.

Leggi dopo

Continuità nel rinnovo dell'attestazione SOA

15 Ottobre 2021 | di Valeria Zallocco

TAR Toscana, Firenze

Qualificazione per eseguire lavori pubblici

Ai fini della continuità della attestazione SOA di cui all'art. 76, comma 5, del D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207 è sufficiente che l'operatore economico si attivi nell'ivi previsto termine di novanta giorni, avviando contatti con la SOA aventi esplicito significato di richiedere e portare avanti il procedimento di rinnovo dell'attestazione in scadenza.

Leggi dopo

Illegittima la previsione del bando che permette alla s.a. di aggiungere in fase esecutiva altri servizi (seppur collegati) a quelli originariamente affidati

14 Ottobre 2021 | di Alessandra Coiante

Consiglio di Stato, Sez. V

Bando di gara

Prevedere nella lex specialis la possibilità per l’amministrazione aggiudicatrice di poter attribuire un servizio ulteriore (seppur legato al servizio principale oggetto dell’affidamento) rispetto a quello previsto a base di gara, comporta una evidente indeterminatezza della legge di gara e della prestazione richiesta, con conseguente vulnus della possibilità di formulare un’offerta congrua e ponderata.

Leggi dopo

La commissione non può modificare o disapplicare la legge di gara neppure se permeata da errori

13 Ottobre 2021 | di Marco Velliscig

TAR Lombardia, Milano

Bando di gara

Anche in caso di eventuali errori nella legge di gara, la commissione non ha alcun potere di modifica o di disapplicazione della stessa, dovendo semmai sospendere la procedura per porre la questione al Responsabile del Procedimento, per l’esercizio dei poteri riconosciutigli dalla legge.

Leggi dopo

Sulla funzione (e l’essenzialità) della clausola di adesione nelle convenzioni regionali

13 Ottobre 2021 | di Marco Velliscig

TAR Lombardia, Brescia

TAR Lombardia, Brescia, Sez. I, 7 ottobre 2021, n. 852.pdf

Centrale di committenza

L’eventuale estensione della convenzione quadro ad enti diversi da quelli specificamente indicati deve essere sottoposta al confronto concorrenziale tra le imprese partecipanti alla gara centralizzata, le quali devono poter formulare la propria offerta nella consapevolezza che potrebbe essere loro richiesto di approntare beni, servizi o lavori ulteriori rispetto a quelli richiesti dalla lex specialis; a tal fine, è necessario che l’eventualità della futura adesione di enti diversi da quelli indicati sia oggetto di una previsione esplicita negli atti di gara, attraverso la formulazione di una clausola espressa di adesione o di estensione.

Leggi dopo

Esclusione automatica delle offerte anomale e disciplina emergenziale

08 Ottobre 2021 | di Carlo M. Tanzarella

TAR Lazio, Roma

Offerte anomale

Nel periodo pandemico e per la durata dello stato di emergenza, l'art. 97, comma 8, del Codice dei contratti pubblici si applica alle condizioni derogatorie introdotte dall'art. 1, comma 3, del d.l. 16 luglio 2020, n. 76, che, per l'eccezionalità delle esigenze che tende a soddisfare, non pone problemi di compatibilità con il diritto dell'Unione, secondo i principi di ragionevolezza e proporzionalità.

Leggi dopo

I ristretti limiti del soccorso istruttorio per mancata indicazione dei costi della manodopera alla luce della giurisprudenza europea

08 Ottobre 2021 | di Rosanna Macis

TAR Lazio, Roma

Soccorso istruttorio

Con richiamo ai principi espressi dalla decisione 2 maggio 2019, in causa C-309/18 della Corte di Giustizia in tema di soccorso istruttorio per il caso di mancata indicazione dei costi della manodopera, il TAR del Lazio fa il punto sui (limitati) presupposti di sanabilità di tale vizio dell'offerta economica.

Leggi dopo

Pagine