Bussola

Avvalimento

Sommario

Inquadramento | I requisiti di carattere economico, finanziario, tecnico, organizzativo | Orientamenti a confronto | Modalità operative dell'avvalimento | Il contratto di avvalimento | Avvalimento infragruppo | Avvalimento frazionato | Il c.d. “avvalimento stabile” | Casistica | Evoluzione normativa: il nuovo Codice dei contratti pubblici ed successivo Correttivo |

 

Tramite l'avvalimento un operatore economico (c.d. impresa Ausiliata) ottiene da un altro operatore (c.d. impresa Ausiliaria) il prestito e la messa a disposizione dei requisiti di carattere economico finanziario e tecnico organizzativo richiesti per la partecipazione a una procedura di affidamento di un contratto di appalto o di concessione di lavori, servizi o forniture, in cambio di un corrispettivo in danaro e/o di un'altra utilità di natura direttamente o indirettamente patrimoniale. Frutto dell'elaborazione della giurisprudenza comunitaria (CGCE, C-389/92; Ballast Nedam Groep I, C-5/97; Ballast Nedam Groep II, C-176/98, Holst Italia), l'istituto dell'avvalimento  è finalizzato a garantire la massima partecipazione alle gare pubbliche, consentendo alle imprese sprovviste dei requisiti partecipativi di giovarsi delle capacità tecniche ed economiche di altri operatori. Logico sviluppo di tale elaborazione giurisprudenziale sono state  le Direttive 2004/18/CE  e 2004/17/CE. Secondo tali Direttive: l'avvalimento può riguardare qualsiasi requisito di natura tecnico-organizzativa o economico finanziaria; il concorrente può avvalersi anche per intero di un requisito non posseduto; la dimostrazione del possesso dei requisiti si estrinseca anzitutto nella prova che l'Ausiliaria ha...

Leggi dopo