News

Limiti di ammissibilità dell’affidamento diretto e principio dell’equa ripartizione del c.d. “rischio tecnico” nelle procedure telematiche

 

L’art. 36, comma 2, D.Lgs. 50/2016 circoscrive l’affidamento diretto alle ipotesi di contratti di lavori o servizi non superiori alla soglia di € 40.000, 00 e, quanto ai contratti di fornitura di importi superiori, prescrive la necessità della consultazione di almeno cinque operatori economici. Le procedure di gara telematiche sono rette dal principio della equa ripartizione, tra partecipante e Amministrazione procedente, del c.d. “rischio tecnico”.

Leggi dopo