News

Da quale momento decorre il termine trascorso il quale deve ritenersi definitivamente accertata la violazione tributaria?

 

Il termine trascorso il quale, in mancanza di ricorsi e impugnazioni, la violazione tributaria è da intendersi definitivamente accertata decorre dalla comunicazione dell’avviso di accertamento e non della cartella esattoriale, costituendo quest’ultima solo l’atto con cui viene enunciata una pregressa richiesta di natura sostanziale, priva di alcuna autonomia che consenta di impugnarla prescindendo dagli atti in cui l’obbligazione è stata enunciata. Peraltro, non può ritenersi sussistente il requisito della regolarità fiscale allorché prima della scadenza del termine di presentazione dell’offerta il contribuente abbia semplicemente inoltrato istanza di rateizzazione, occorrendo anche che, entro la predetta data, il relativo procedimento si sia concluso con un provvedimento favorevole dell’amministrazione finanziaria.

Leggi dopo