News

Affidamento diretto ad una società “mista”: a quali condizioni è ammissibile?

 

La differenza tra la società in house e la società mista consiste nel fatto che mentre la prima la prima agisce come un vero e proprio organo della p.a. la seconda - in cui il socio privato viene scelto con una procedura ad evidenza pubblica - presuppone la creazione di un nuovo soggetto nel quale, interessi pubblici e privati, trovino pinea convergenza. Ciò chiarito, l’affidamento diretto di un servizio ad una società mista è ammissibile solo a condizione che vi sia stata un’unica gara sia per la scelta del socio (provato) che per l’individuazione del determinato servizio da svolgere (delimitato sia temporalmente che con riferimento all’oggetto).

Leggi dopo