News

News

In G.U. le Linee guida n. 11 Anac

03 Agosto 2018 | di Redazione Scientifica

Autorità nazionale anticorruzione

Nella Gazzetta Ufficiale del 3 agosto 2018 n. 178 sono state pubblicate le Linee Guida n. 11 dell'Anac in tema di «Indicazioni per la verifica del rispetto del limite di cui all'articolo 177, comma 1, del codice, da parte dei soggetti pubblici o privati titolari di concessioni di lavori, servizi pubblici o forniture gia' in essere alla data di entrata in vigore del codice non affidate con la formula della finanza di progetto ovvero con procedure di gara ad evidenza pubblica secondo il diritto dell'Unione europea».

Leggi dopo

Spetta al RUP compiere la verifica di anomalia dell’offerta

02 Agosto 2018 | di Massimo Nunziata

TAR Lombardia, Milano

Offerte anomale

La verifica di anomalia dell’offerta è di competenza esclusiva del RUP che può eventualmente avvalersi del supporto della Commissione, il cui parere comunque non è né obbligatorio né vincolante

Leggi dopo

La mancata indicazione degli oneri della manodopera non è sanabile

02 Agosto 2018 | di Massimo Nunziata

TAR Lombardia, Milano

Soccorso istruttorio

La mancata separata indicazione nell’offerta economica dei costi della manodopera determina un’irregolarità non sanabile mediante il ricorso al soccorso istruttorio.

Leggi dopo

Sulla decorrenza del termine per impugnare le ammissioni e sull'incompatibilità eurounitaria di ricorsi “al buio”

01 Agosto 2018 | di Giordana Strazza

TAR Lazio

Rito speciale in materia di contratti pubblici

Il termine per l'impugnazione dell'ammissione o dell'esclusione, previsto dal comma 2-bis dell'art. 120 c.p.a., decorre dalla pubblicazione del relativo provvedimento sul profilo del committente della stazione appaltante o dalla comunicazione o notificazione individuale del provvedimento, purché completa di ogni elemento utile a farne apprezzare la lesività da parte di un operatore di normale diligenza, e non anche dalla seduta pubblica in cui è stata decisa l'ammissione o l'esclusione, nonostante la presenza del rappresentante della società ricorrente.

Leggi dopo

Alla CGUE la qualificazione di Poste Italiane s.p.a. e di Poste Tutela s.p.a. e l'estensione del loro obbligo di svolgere procedure ad evidenza pubblica

01 Agosto 2018 | di Giordana Strazza

TAR Lazio

Organismo di diritto pubblico

È rimessa alla CGUE la qualificazione giuridica di Poste Italiane s.p.a. e di Poste Tutela s.p.a., e in particolare (i) se le stesse possano essere qualificate come “organismo di diritto pubblico” (ii) se l'obbligo della gara sia esteso anche per l'affidamento dei contratti estranei ai settori speciali, (iii) se il concetto di strumentalità possa ritenersi escluso per contratti inerenti la manutenzione ordinaria e straordinaria, la pulizia, gli arredi e il servizio di portierato e custodia degli uffici; (iv) se contrasti con il principio di legittimo affidamento la qualificazione come “mero autovincolo” dell'indizione di una procedura, debitamente pubblicizzata senza ulteriori avvertenze sulla G.U. italiana e UE.

Leggi dopo

Proposta di aggiudicazione: revoca legittima per mancato possesso di certificazione necessaria

31 Luglio 2018 | di Paola Martiello

TAR Lombardia

Ente aggiudicatore

È legittima (perché logica e razionale) la revoca ( ma in realtà si trattava di annullamento, avendo a presupposto il rilievo di un vizio originario) della proposta di aggiudicazione adottata dall’Amministrazione a seguito della scoperta del mancato possesso ,da parte della società prima classificata, della certificazione necessaria prevista dalla lex specialis di gara. Tale scelta è giustificata qualora il mantenimento in vita della procedura comporti il rischio di un contenzioso che esponga la Stazione appaltante ad una responsabilità di molto superiore al valore della procedura stessa ed è altresì ammessa qualora la procedura non abbia ancora raggiunto la fase dell’aggiudicazione e, dunque, non abbia potuto ingenerare alcun affidamento giuridicamente rilevante sulla posizione giuridica dell’istante

Leggi dopo

Non è invocabile il soccorso istruttorio per eludere le conseguenze dell’inosservanza dei termini tassativi di presentazione delle offerte

31 Luglio 2018 | di Paola Martiello

TAR Lazio, Roma

Soccorso istruttorio

Il soccorso istruttorio, in quanto finalizzato a chiarire e a completare dichiarazioni o documenti comunque esistenti, non può considerarsi invocabile qualora, in sede di gara, non sia stata presentata l’offerta entro il termine prescritto dalla lex specialis, atteso che il ricorso a tale istituto equivarrebbe ad alterare le condizioni in cui versano i concorrenti al momento della scadenza del termine per la partecipazione alla gara, essendo indubbio che il principio di par condicio risulterebbe violato se le opportunità di regolarizzare le offerte si traducessero in occasione di aggiustamento postumo di irregolarità gravi e non sanabili.

Leggi dopo

Gestione del servizio bar all’interno di un ospedale pubblico: concessione o locazione?

30 Luglio 2018 | di Annalaura Leoni

TAR Toscana, sez. II

Concessione di servizi

Qualora una ASL abbia affidato ad un privato la gestione del servizio di bar all’interno di un ospedale pubblico, il rapporto tra p.A. e privato può trovare titolo solo in un atto concessorio.

Leggi dopo

RTI costituendo e sottoscrizione dell’offerta

30 Luglio 2018 | di Annalaura Leoni

TAR Lazio, Roma, sez. III

Raggruppamento temporaneo di imprese

L’offerta presentata da un RTI costituendo deve essere sottoscritta da tutti gli operatori economici che costituiranno il raggruppamento, come chiarito dall’art. 48, comma 8, del d.lgs. n. 50/2016 e ribadito dalla giurisprudenza amministrativa. Il difetto di sottoscrizione non può considerarsi una irregolarità solo formale e, come tale, sanabile nel corso del procedimento.

Leggi dopo

RTI: la non esatta corrispondenza tra quota di esecuzione dei lavori e quota di qualificazione richiesta dal bando non costituisce causa di esclusione.

27 Luglio 2018 | di Fabrizio Laudani

Raggruppamento temporaneo di imprese

In caso di discrasia tra la percentuale di esecuzione di lavori assegnata al partecipante al raggruppamento e la corrispettiva quota di qualificazione richiesta, la stazione appaltante non può procedere all’esclusione del raggruppamento ove questo possieda complessivamente i requisiti richiesti

Leggi dopo

Pagine