News

News

Va instaurato il contraddittorio procedimentale con il concorrente che abbia fornito tutte le informazioni necessarie a dimostrare la sua affidabilità

03 Gennaio 2018 | di Leila Nadir Sersale

TAR Lazio

Fasi delle procedure di affidamento

Se il concorrente ha reso edotta la stazione appaltante di tutti i suoi precedenti, anche negativi ed ha fornito tutte le informazioni necessarie per dimostrare l’attuale insussistenza di rischi sulla sua inaffidabilità nello svolgimento della sua attività professionale, questi ha diritto al pieno ed effettivo dispiegamento del contraddittorio procedimentale.

Leggi dopo

L’aggiudicazione provvisoria ha natura di atto endoprocedimentale inidoneo a creare affidamenti in capo al concorrente

03 Gennaio 2018 | di Leila Nadir Sersale

Consiglio di Stato

Fasi delle procedure di affidamento

L’aggiudicazione provvisoria ha natura di atto endoprocedimentale, inidoneo a creare affidamenti in capo al concorrente interinalmente individuato come aggiudicatario.

Leggi dopo

Le SS.UU. affermano il diniego di giustizia nell’ipotesi in cui non sia esaminato il ricorso dell’offerente non definitivamente escluso dalla gara

30 Dicembre 2017 | di Sabrina Tranquilli

Rito speciale in materia di contratti pubblici

Le Sezioni Unite della Corte di Cassazione hanno accolto un ricorso presentato ai sensi degli artt. 111 Cost. e 110 c.p.a., cassando una sentenza del Consiglio di Stato che, sul presupposto dell’inesistenza per la stazione appaltante di un obbligo di ripetere la gara, non aveva esaminato i motivi aggiunti proposti da un concorrente escluso nel corso della gara, contro l’aggiudicazione (nella parte relativa all’ammissione dell’aggiudicatario) erroneamente affermando la carenza di legittimazione a ricorrere per effetto dell’infondatezza del ricorso proposto, nello stesso giudizio, contro la suddetta esclusione.

Leggi dopo

Interesse all’immediata impugnazione del bando solo in presenza di clausole di per sé impeditive dell’ammissione alla gara

22 Dicembre 2017 | di Paola Martiello

TAR Lombardia

Rito speciale in materia di contratti pubblici

Sussiste l’interesse all’immediata impugnazione del bando di gara solo in presenza di clausole di per sé impeditive dell’ammissione dell’interessato alla gara, o anche solo impositive, ai fini della partecipazione, di oneri manifestamente incomprensibili o del tutto sproporzionati per eccesso rispetto ai contenuti della procedura concorsuale, ovvero che rendano ingiustificatamente più difficoltosa per i concorrenti la partecipazione alla gara.

Leggi dopo

Non possono ricavarsi dalla lex specialis ulteriori requisiti di ammissione impliciti o nascosti

22 Dicembre 2017 | di Paola Martiello

Consiglio di Stato

Tassatività delle cause di esclusione

Non è ammissibile un'interpretazione della lex specialis diretta a ricavare dalle norme relative all'esecuzione della prestazione ulteriori requisiti di ammissione "nascosti" o "impliciti", facendo leva sul concetto di "essenzialità". Spetta, infatti, alla sola stazione appaltante, nell'esercizio del proprio potere tecnico discrezionale, delineare in modo palese ciò che riveste natura "essenziale" per lo svolgimento del servizio, tenuto conto delle sue specifiche esigenze.

Leggi dopo

In G.U. il Regolamento MAECI recante la disciplina generale per la scelta del contraente e l’esecuzione dei contratti da svolgersi all’estero

21 Dicembre 2017 | di Redazione Scientifica

D.M. 2 novembre 2017, n. 192.pdf

Codice dei contratti pubblici (nuovo)

Sulla G.U. del 20 dicembre 2017 è stato pubblicato il Decreto del Ministero degli Affari esteri e della Cooperazione internazionale, 2 novembre 2017 n. 192, recante la disciplina delle procedure per l'affidamento e la gestione dei contratti da eseguire all’estero.

Leggi dopo

Aggiornamento delle soglie di rilevanza comunitaria in vigore dal 1 gennaio 2018

21 Dicembre 2017 | di Redazione Scientifica

Regolamento (UE) 2017-2366 del 18 dicembre 2017.pdf

Soglie

Sulla Gazzetta ufficiale dell’UE del 19 dicembre 2017 sono stati pubblicati i tre regolamenti che fissano le nuove soglie comunitarie ai fini dell'applicazione la normativa comunitaria sugli appalti pubblici.

Leggi dopo

Va dichiarata in sede di partecipazione la risoluzione disposta in danno del concorrente, indipendentemente dalla natura bonaria o amichevole della stessa

21 Dicembre 2017 | di Alessandro Balzano, Marco Mesca

Consiglio di Stato

Requisiti: Grave negligenza o malafede ed errore grave

A mente del combinato disposto dell’art. 38, comma 1, lett. d) e dell’art. 38, comma 2, d.Lgs. 163/2006, la dichiarazione mendace del conncorrente in merito alle pregresse risoluzioni contrattuali disposte nei suoi confronti è una ragione autonoma – e sufficiente - per disporne l’esclusione dalla procedura, a prescindere dalla qualificazione della natura - “bonaria” o “amichevole” – della risoluzione “taciuta”.

Leggi dopo

CGUE: rilevanza della condanna non definitiva incidente sulla moralità professionale a carico dell’amministratore cessato dalla carica

21 Dicembre 2017 | di Sabrina Tranquilli

Corte Giust. Ue

Requisiti: Grave negligenza o malafede ed errore grave

La Corte di Giustizia dell’UE ha affermato che, a fini della configurabilità della causa di esclusione di cui all’art. 45, par. 2, co. 1, lett. c), della direttiva 2004/18 rileva anche la condanna non definitiva incidente sulla moralità professionale a carico dell’amministratore cessato dalla carica. La sentenza ha fornito alcune precisazioni sull’onere di dimostrare la dissociazione a carico dell’impresa partecipante alla gara e ha esteso il parametro normativo invocato dal giudice a quo anche all’interpretazione dell’art. 45 par. 2 co. 1 lett. d, della direttiva 2004, recante la disciplina della causa di esclusione per grave errore professionale.

Leggi dopo

Le competenze dei membri della Commissione di gara

20 Dicembre 2017 | di Fabrizio Laudani

Cons. St.

Commissione giudicatrice

Ai sensi dell’articolo 84 del d.lgs. n. 163 del 2006, il requisito “dell’esperienza nello specifico settore cui si riferisce l’oggetto del contratto”, va inteso in modo coerente con la poliedricità delle competenze spesso richieste in relazione alla complessiva prestazione da affidare sicché non è necessario che l’esperienza professionale di ciascun componente copra tutti gli aspetti oggetto della gara, potendosi le professionalità dei vari membri integrare reciprocamente, in modo da completare ed arricchire il patrimonio di cognizioni della Commissione, purché idoneo, nel suo insieme, ad esprimere le necessarie valutazioni di natura complessa, composita ed eterogenea.

Leggi dopo

Pagine