News

News

Art. 95, co 10: è legittima l’imposizione agli operatori di indicare ab origine i costi della manodopera.

10 Gennaio 2019 | di Guglielmo Aldo Giuffrè

TAR

Offerte anomale

È manifestamente infondata la questione di legittimità costituzionale, in relazione all’art. 41 Cost., dell’art. 95, comma 10, del d.lgs. n. 50 del 2016, laddove impone agli operatori di indicare ab origine i costi della manodopera, in quanto la norma riflette proprio i limiti costituzionali alla libertà di iniziativa economica, onerando gli operatori dell’indicazione, sin dal momento della presentazione dell’offerta, dei valori e dei costi suscettibili di incidere sulle modalità di svolgimento dell’attività lavorativa e sui diritti dei lavoratori, prevedendo, nel contempo, i controlli di spettanza dell’amministrazione.

Leggi dopo

Sindaci supplenti e art. 80 del d.lgs. n. 50/2016

10 Gennaio 2019 | di Paolo Provenzano

Consiglio di Stato

Requisiti: Ambito soggettivo di applicazione

La causa di esclusione dalle procedure di affidamento di contratti pubblici prevista dall'art. 80, comma 1, del d.lgs. n. 50 del 2016 non si applica nei confronti dei sindaci supplenti.

Leggi dopo

Indispensabilità dell’indicazione specifica delle opere o dei servizi oggetto di “subappalto necessario”

10 Gennaio 2019 | di Adriana Presti

TAR Lazio, Roma

Subappalto

È legittima l'esclusione da una gara di una ditta che, ai fini dell'ammissione, ha dichiarato genericamente di far ricorso al subappalto in relazione ad una categoria di lavori, senza indicare le opere o parti di opere che intende subappaltare.

Leggi dopo

Al vaglio della CGUE i dubbi sul regime in house e sul divieto di acquisire partecipazioni inidonee a garantire il controllo analogo

10 Gennaio 2019 | di Adriana Presti

Consiglio di Stato

Affidamento in house

La V Sezione del Consiglio di Stato ha rimesso alla Corte di giustizia dell'Unione europea due questioni pregiudiziali ai sensi dell'art. 267 del TFUE in tema di affidamento in house.

Leggi dopo

Sui presupposti per potere legittimamente disporre il soccorso istruttorio

08 Gennaio 2019 | di Nicola Posteraro

TAR Lombardia

Soccorso istruttorio

È possibile attivare il rimedio del soccorso istruttorio solo ai fini del completamento delle dichiarazioni e/o dei documenti già presentati e solo in relazione ai requisiti soggettivi di partecipazione dell'impresa, mentre tale rimedio non può, invece, essere utilizzato per supplire a carenze dell'offerta (economica e/o tecnica), ovvero a radicali omissioni dichiarative. In altri termini, non può essere consentita al concorrente negligente la possibilità di completare l'offerta successivamente al termine finale stabilito dal bando, salva la rettifica di semplici errori materiali o di refusi, pena la violazione del principio di par condicio tra i partecipanti alla gara.

Leggi dopo

Illegittimità del provvedimento di ammissione per difetto di istruttoria su circostanze conoscibili sulla base della dichiarazione effettuata dalla concorrente

08 Gennaio 2019 | di Nicola Posteraro

TAR Emilia Romagna

Requisiti: Assenza di condanne penali

La dichiarazione in ordine ai precedenti penali rilevanti, sebbene non esaustiva (perché non contenente alcuna specificazione in ordine alle vicende giudiziarie evidenziate), risulta comunque sufficiente ad evitare l'esclusione automatica ex art. 80, comma 5 lett. f-bis del codice dei contratti pubblici. Le informazioni fornite impongono in ogni caso alla stazione appaltante un approfondimento istruttorio, volto a verificare l'eventuale sussistenza della causa di esclusione di cui all'art. 80, comma 5, lett. c) del d.lgs. n. 50 del 2016.

Leggi dopo

Qual è il momento in cui va effettuata la verifica in concreto della sussistenza o meno di cause di esclusione?

08 Gennaio 2019 | di Nicola Posteraro

Tar Emilia Romagna

Rito speciale in materia di contratti pubblici

Il meccanismo processuale dell'art. 120, comma 2-bis c.p.a. è tale da imporre, “senza alcuna riserva”, all'operatore economico che ne abbia interesse, l'impugnazione immediata dell'avvenuta ammissione di altro operatore economico; coerentemente a tale meccanismo processuale, pertanto, non può essere dato altro significato al combinato disposto di cui agli artt. 29 e 86 ccp, se non quello secondo cui l'amministrazione deve procedere alla verifica dei requisiti di ammissione prima della pubblicazione del provvedimento di cui all'art. 29 stesso, cui è connesso l'onere di immediata impugnazione.

Leggi dopo

Anac: in vigore il nuovo regolamento sulla funzione consultiva dell’Autorità

08 Gennaio 2019 | di Redazione Scientifica

Regolamento, 7 dicembre 2018.pdf

Autorità nazionale anticorruzione

Entra in vigore il regolamento Anac sulla funzione consultiva dell’Autorità, pubblicato in Gazzetta ufficiale 20 dicembre 2018.

Leggi dopo

L'errata indicazione dei costi di manodopera comporta l'esclusione dalla gara e non il ricorso al soccorso istruttorio

07 Gennaio 2019 | di Alessandra Coiante

TAR Lombardia

Offerte anomale

La definizione del costo della manodopera integra un profilo essenziale dell'offerta stessa, sicché la modifica dei valori indicati non rappresenta una mera integrazione di carenze documentali superabili mediante il c.d. soccorso istruttorio, ma rappresenta “una variazione essenziale dell'offerta” ammissibile solo nell'ambito dei “limitati aggiustamenti” praticabili in sede di verifica della congruità dell'offerta stessa”.

Leggi dopo

Revoca di una concessione di beni a seguito di sopravvenuti comportamenti scorretti dell'aggiudicatario

07 Gennaio 2019 | di Alessandra Coiante

Tar Saredegna

Revoca

Tra i “sopravvenuti motivi di pubblico interesse” idonei a legittimare la revoca di una concessione di beni possono rientrare anche tutti quei “comportamenti scorretti dell'aggiudicatario che si siano manifestati successivamente all'aggiudicazione definitiva”. In tali casi, la revoca assume una particolare connotazione di “revoca-sanzione”, poiché la caducazione degli effetti del provvedimento viene fondata sulla base di talune condotte scorrette del privato beneficiario di un precedente provvedimento favorevole dell'amministrazione.

Leggi dopo

Pagine