News

News

Rating di legalità e meccanismi compensativi

22 Marzo 2019 | di Valeria Zallocco

Bando di gara

Il bando di gara che prevede il rating di legalità quale criterio premiale all’interno dei criteri di valutazione dell’offerta tecnica, senza prevedere meccanismi di compensazione per evitare di penalizzare imprese estere, di nuova costituzione o carenti del previsto fatturato, non è conforme all’art. 95, co. 13, c.c.p. e alle linee guida n. 2/2016 dell’ANAC sull’offerta economicamente più vantaggiosa e deve essere impugnato immediatamente, stante l’immediata percepibile lesione derivante dallo stesso.

Leggi dopo

Sull’applicabilità del principio di equivalenza delle specifiche tecniche per le forniture di beni

21 Marzo 2019 | di Tommaso Cocchi

TAR Lazio

Offerte anomale

Ai fini dell’applicazione del principio di equivalenza delle specifiche tecniche dev’essere prevista ex ante, dalla legge di gara, la possibilità di sostituzione dei prodotti richiesti dal capitolato con determinate caratteristiche, così che ogni operatore possa modulare la propria offerta tramite la proposta di prodotti sostanzialmente equivalenti.

Leggi dopo

Per individuare l’organo competente a valutare l’anomalia dell’offerta si deve guardare alla lex specialis

21 Marzo 2019 | di Tommaso Cocchi

TAR Lombardia

Offerte anomale

La Commissione di gara può effettuare la valutazione sull’anomalia dell’offerta qualora tale potere sia previsto dalla lex specialis. Il giudice amministrativo può sindacare la suddetta valutazione solo in caso di macroscopiche illegittimità, quali gravi ed evidenti errori oppure valutazioni abnormi o inficiate da errori di fatto, ferma restando l’impossibilità di sostituire il proprio giudizio a quello dell’Amministrazione.

Leggi dopo

Sblocca Cantieri: CdM approva il decreto legge

21 Marzo 2019 | di Redazione Scientifica

Codice dei contratti pubblici (nuovo)

Ieri, 20 marzo 2019, il Consiglio dei Ministri, ha approvato un decreto-legge che introduce disposizioni urgenti per il rilancio del settore dei contratti pubblici e misure per l’accelerazione degli interventi infrastrutturali, norme per la semplificazione dell’attività edilizia in generale e scolastica in particolare e misure per eventi calamitosi.

Leggi dopo

“Contratti ponte” delle Amministrazioni sanitarie: richiedono, in ogni caso, il rispetto delle regole della concorrenza

20 Marzo 2019 | di Esper Tedeschi

TAR Lazio

Procedura negoziata

Le circolari MEF n. 12 del 4 marzo 2013 e n. 20518 del 19 febbraio 2016, che autorizzano le Amministrazioni sanitarie – nelle more delle procedure centralizzate – a stipulare “contratti ponte” (l'una) mediante estensione di contratti stipulati a seguito di pubblica gara da altra Azienda e (l'altra), a stipulare previa negoziazione senza pubblica gara, a norma dell'art. 63, comma 2, lett. c), cod. contratti, non esonerano l'Amministrazione sanitaria dal rispetto delle regole a tutela della concorrenza, che richiedono – ai fini della possibilità di estensione – che il contratto sia stato stipulato a seguito di pubblica gara il cui bando contenesse un'apposita clausola di estensione (riportata, poi nel contratto) e che, ove, invece, si faccia ricorso alla negoziazione senza gara, sia fatta applicazione del comma 1 dello stesso articolo 63, che prescrive una adeguata motivazione sulla sussistenza dei relativi presupposti e del comma 6, che impone, all'Amministrazione procedente, l'adozione una serie di puntuali misure (espressamente enunciate) tese a tutelare, in ogni caso, della concorrenza.

Leggi dopo

Condizioni e presupposti di validità del contratto di avvalimento

20 Marzo 2019 | di Esper Tedeschi

TAR Lazio

Avvalimento

Ai fini della configurazione di un avvalimento infragruppo, non è sufficiente la mera detenzione della partecipazione di maggioranza, in assenza di documentata dimostrazione della soggezione alle direttive centrali della controllante. Il contratto di avvalimento è comunque nullo quando l'oggetto dello stesso sia non solo indeterminato ma anche indeterminabile. Inoltre, solo il precedente codice dei contratti pubblici ammetteva una semplificazione del regime documentale e probatorio dell'avvalimento infragruppo (ma non comunque la genericità dell'oggetto del contratto): tale previsione manca, invece, nel nuovo art. 89 del d.lgs. n. 50 del 2016.

Leggi dopo

In discussione al CdM disposizioni urgenti per il rilancio del settore dei contratti pubblici e misure per l’accelerazione degli interventi infrastrutturali

20 Marzo 2019 | di Redazione Scientifica

Codice dei contratti pubblici (nuovo)

All'ordine del giorno del Consiglio dei Ministri convocato per il 20 marzo 2019 alle ore 14.00, la bozza di Decreto legge recante "Disposizioni urgenti per il rilancio del settore dei contratti pubblici e misure per l’accelerazione degli interventi infrastrutturali". Si inserisce il link al testo della convocazione: http://www.governo.it/articolo/convocazione-del-consiglio-dei-ministri-n-50/11159

Leggi dopo

Irregolarità della garanzia provvisoria rilasciata da un “Confidi” e soccorso istruttorio c.d. “processuale”

19 Marzo 2019 | di Carlo M. Tanzarella

TAR Toscana

Soccorso istruttorio

Il soccorso istruttorio c.d. “processuale” consente di sanare le irregolarità non tempestivamente riscontrate in sede di gara senza necessità di integrare, “ora per allora”, la documentazione mancante allorché tale incombente non sia più funzionale alla selezione del contraente.

Leggi dopo

Due questioni: obblighi dichiarativi del revisore legale e avvalimento dei requisiti di un consorzio ordinario

19 Marzo 2019 | di Rosanna Macis

TAR Lazio

Avvalimento

Il Tar per il Lazio definisce i ricorsi, principale e incidentale, concernenti la legittimità dei provvedimenti di ammissione ad una procedura di gara, affrontando due questioni giuridiche: il regime degli obblighi dichiarativi con riguardo alla figura del revisore contabile e la questione della nullità del contratto di avvalimento per indeterminatezza e indeterminabilità dell'oggetto e per sua inesistenza, quando impresa ausiliaria sia un consorzio ordinario.

Leggi dopo

I pareri di precontenzioso non vincolanti dell'ANAC possono avere connotazione lesiva

18 Marzo 2019 | di Giordana Strazza

Consiglio di Stato

Amministrazione aggiudicatrice

L'impugnabilità del parere non vincolante dell'ANAC non deve essere esclusa in assoluto. Tale parere, infatti, ha connotazione lesiva tutte le volte in cui, riferendosi a una fattispecie concreta, è posto a base della determinazione adottata dalla stazione appaltante, integrandone la motivazione. In tal caso, l'impugnazione del parere non vincolante è ammessa unitamente al provvedimento che ne ha fatto applicazione.

Leggi dopo

Pagine