News

News

Il Parere del Consiglio di Stato sull'aggiornamento delle Linee Guida in materia di in house

06 Settembre 2017 | di Redazione Scientifica

Consiglio di Stato

Cons. St., comm. spec., 5 settembre 2017, n. 1940.pdf

Affidamento in house

La Commissione speciale del Consiglio di Stato ha reso il parere sull'aggiornamento delle Linee guida per l’iscrizione nell’elenco delle amministrazioni aggiudicatrici e degli enti aggiudicatori, che operano mediante affidamenti diretti nei confronti di proprie società in house, previsto dall’art. 192, d.lgs. n. 50 del 2016 come modificato dal decreto "correttivo".

Leggi dopo

Il vademecum dell’ANCE sul subappalto post decreto “correttivo”

05 Settembre 2017 | di Redazione Scientifica

Vademecum Subappalto

Vademecum ANCE_subappalto.pdf

Subappalto

Si pubblica il vademecum diffuso dall’ANCE, tramite il proprio sito, in materia di subappalto. Il documento analizza l’istituto del subappalto nel d.lgs. 18 aprile 2016, n. 50, come modificato dal d.lgs. 19 aprile 2017, n. 56 soffermandosi sulle due principali novità apportate dal Codice del 2016 rispetto alla previgente disciplina. Come si legge nel vademecum infatti, se il d.lgs. n. 163 del 2006 prevedeva, all’art. 118, il limite del 30 per cento per le sole “categorie prevalenti”, le nuove disposizioni estendono tale limite all’importo complessivo dell’opera, riducendo così la quota di subappalto a disposizione dell’appaltatore. Il secondo elemento di novità su cui si sofferma l’analisi dell’ANCE riguarda l’indicazione, sin dalla fase di gara, della cd. “terna” con i nominativi dei (futuri) subappaltatori.

Leggi dopo

Può la S.A. caducare il contratto medio tempore stipulato in assenza di un diktat giurisdizionale?

05 Settembre 2017 | di Guglielmo Aldo Giuffrè

Inefficacia del contratto

La sentenza applica gli importanti principi affermati dall’Adunanza Plenaria del Consiglio di Stato n. 2/2017 volti a porre rimedio al silenzio legislativo (sia ante che post riforma) circa la disciplina della sorte del contratto a seguito dell’annullamento dell’aggiudicazione, statuendo che il contratto, anche se non sia stato oggetto di puntuale dichiarazione di inefficacia da parte del giudice amministrativo che ha annullato l’aggiudicazione, viene automaticamente travolto e posto nel nulla per effetto dell’annullamento giudiziale (definitivo) dell’aggiudicazione medesima, sicché anche la stazione appaltante ha il dovere di caducare il contratto medio tempore stipulato.

Leggi dopo

Utili precisazioni sui criteri di risarcimento del danno

05 Settembre 2017 | di Guglielmo Aldo Giuffrè

Consiglio di Stato

Risarcimento del danno

Il Consiglio di Stato torna sulle regole da seguire per risarcire in modo corretto le singole voci di danno per equivalente, occupandosi in particolare del risarcimento dell’utile di impresa (la cui perdita deve essere adeguatamente comprovata), della perdita di chance e del danno curricolare (il cui ristoro deve necessariamente avvenire in via equitativa, in percentuale variabile tra l’1 e il 5 % dell’importo globale dell’appalto ovvero della somma già liquidata a titolo di lucro cessante) e dei momenti esatti tra i quali deve avvenire la rivalutazione dell’importo complessivamente dovuto a titolo di risarcimento

Leggi dopo

Presupposti applicativi del principio di rotazione

04 Settembre 2017 | di Roberto Fusco

Concessione di servizi

Il principio di rotazione, che trova fondamento nella esigenza di evitare il consolidamento di rendite di posizione in capo al gestore uscente soprattutto nei mercati in cui il numero di agenti economici attivi non è elevato, si applica anche alle concessioni. In linea generale l’invito all’affidatario uscente riveste carattere eccezionale e deve essere adeguatamente motivato, pena l’illegittimità della partecipazione di quest’ultimo alla procedura e l’annullamento in via derivata dell’aggiudicazione. La mancata applicazione di tale principio può essere dedotta in sede giurisdizionale anche da chi ha partecipato alla gara risultandone non vincitore e non solo dagli operatori economici pretermessi.

Leggi dopo

Piena conoscenza dell’esclusione dalla gara e dies a quo per la sua impugnazione

04 Settembre 2017 | di Roberto Fusco

Consiglio di Stato

Rito speciale in materia di contratti pubblici

La sentenza afferma che la notifica di un ricorso avverso il provvedimento di esclusione di un altro concorrente, in cui venga menzionata anche l’esclusione della ricorrente, costituisca prova dell’avvenuta “piena conoscenza” della (propria) esclusione e conseguentemente si appalesa idonea a determinare la decorrenza del termine di trenta giorni per l’impugnativa di detto atto lesivo. Il Collegio applica l’orientamento giurisprudenziale in base al quale per individuare il dies a quo di decorrenza basta la percezione dell’esistenza di un provvedimento amministrativo e degli aspetti che ne rendono evidente l’immediata e concreta lesività per la sfera giuridica dell’interessato.

Leggi dopo

L’individuazione del miglior prezzo di mercato da porre a base d’asta quale criterio per contrastare i ribassi eccessivi

01 Settembre 2017 | di Claudio Fanasca

Consiglio di Stato

Offerte anomale

La sentenza afferma che l’enorme divario tra la base d’asta di una procedura di affidamento di un appalto e i ribassi offerti in concreto dai concorrenti costituisce un elemento valutabile in chiave sintomatica di un non corretto esercizio della pur ampia discrezionalità che l’art. 89 d.lgs. n. 163 del 2006 attribuisce alle stazioni appaltanti ai fini dell’individuazione del prezzo base nei bandi o inviti di gara. Ai fini dell’individuazione del miglior prezzo di mercato da porre a base d’asta, ai sensi del citato art. 89, la stazione appaltante deve quindi acquisire tutte le informazioni, nonché svolgere le opportune rielaborazioni e conseguenti valutazioni necessarie a pervenire a un risultato non arbitrario né sproporzionato.

Leggi dopo

Sulla latitudine applicativa degli obblighi connessi alla c.d. “clausola sociale”

01 Settembre 2017 | di Claudio Fanasca

Consiglio di Stato

Criteri di aggiudicazione

In una logica di contemperamento fra i valori di rilievo costituzionale posti a garanzia, da un lato, della continuità dell’occupazione in favore dei medesimi lavoratori già impiegati nell’esecuzione dell’appalto e, dall’altro, della libertà economica e organizzativa d’impresa, la c.d. “clausola sociale” non può operare allorché risulti incompatibile con le strategie aziendali dell’aggiudicatario subentrante e, più in generale, quando fra il precedente e il nuovo appalto messo a gara sussistono oggettivi e rilevanti tratti differenziali.

Leggi dopo

Parcheggi negli aeroporti: occorre la gara

31 Agosto 2017 | di Giordana Strazza

TAR Veneto

Concessione di servizi

La sentenza afferma che il servizio di parcheggio auto da parte del concessionario di un aeroporto deve essere affidato mediante procedura ad evidenza pubblica giacché rientrante tra le attività pertinenti nel settore aeroportuale di cui al “considerando” n. 25 della direttiva 2014/23/UE (ai sensi del quale «le attività pertinenti nel settore aeroportuale ricomprendono anche i servizi forniti ai passeggeri che contribuiscono al regolare funzionamento delle strutture aeroportuali e che è legittimo attendersi da un aeroporto moderno e ben funzionante»).

Leggi dopo

Ricorso principale e ricorso incidentale in caso di gara con più di due partecipanti

31 Agosto 2017 | di Giordana Strazza

TARGA, Trento

Rito speciale in materia di contratti pubblici

Nonostante l’accoglimento del ricorso incidentale proposto per la mancata esclusione del ricorrente principale dalla procedura di evidenza pubblica, a cui hanno partecipato otto concorrenti, persiste l’interesse di quest’ultimo all’accoglimento della domanda di annullamento dei provvedimenti di ammissione e di aggiudicazione a favore del ricorrente incidentale nel caso in cui il seggio di gara non ha escluso due concorrenti che hanno presentato offerte tecniche affette da carenze progettuali così gravi da configurare ipotesi di aliud pro alio, poiché non si può escludere «con assoluta certezza» che la commissione abbia assunto anche nei confronti degli altri concorrenti inseriti nella graduatoria finale decisioni parimenti illegittime.

Leggi dopo

Pagine