News

News

È illegittima l'esclusione del concorrente per vizi dell'offerta riconducibili a carenze della piattaforma telematica messa a disposizione dalla S.a.

02 Settembre 2020 | di Angelica Cardi

Tar Lazio

Bando di gara

È contraria ai principi di correttezza, di imparzialità e di par condicio la decisione della Stazione Appaltante di sanzionare con l'espulsione la condotta del concorrente violativa della disciplina di gara nel caso in cui la stessa disciplina non consentiva di tenere un comportamento alternativo ipotetico - in concreto esigibile da un ideale operatore economico medio (c.d. homo eiusdem generis et condicionis) - tale da porlo comunque al riparo, con ragionevole certezza, dalla sanzione dell'esclusione. In presenza di una simile fattispecie (caratterizzata dall'assenza nella piattaforma telematica del form in cui doveva essere riportato a pena di esclusione il ribasso temporale, dalla mancanza nell'offerta di un concorrente del ribasso contrattuale, dalla presenza nell'offerta di altro concorrente del ribasso temporale riportato a penna ma in altro form, dalla presentazione di un'istanza di autotutela nei confronti dell'esclusione dovuta alla mancata predisposizione del form), la Stazione Appaltante deve agire in buona fede e attivare gli strumenti procedimentali messi a disposizione dall'ordinamento per evitare che i concorrenti subiscano le conseguenze derivanti da fatti o da inadempienze ad essa imputabili.

Leggi dopo

Omissioni dichiarative e informazioni false e fuorvianti determinano esclusione dell'operatore soltanto se in grado di influenzare le decisioni della S.a.

01 Settembre 2020 | di Carmine Genovese

Consiglio di Stato, Adunanza plenaria

Requisiti: Falsa dichiarazione e falsa documentazione

In tema di gravi illeciti professionali, le omissioni dichiarative e le informazioni false e fuorvianti rese dall'operatore economico rilevano ai fini dell'esclusione dalla gara soltanto laddove siano dirette e in grado di influenzare le decisioni della stazione appaltante sull'esclusione, sulla selezione o sull'aggiudicazione, così come previsto dall'art. 80, co.5, lett. c) [oggi, c-bis], e a differenza delle ipotesi residuali di falsità dichiarativa o documentale previste dall'art. 80, co. 5, lett. f-bis) del Codice, per le quali si applica, al contrario, l'automatismo espulsivo.

Leggi dopo

Sull'accessibilità dei documenti relativi ai requisiti dell'aggiudicatario

01 Settembre 2020 | di Roberto Fusco

Tar Lombardia

Accesso agli atti

L'accesso documentale degli atti di gara deve ricomprendere l'integrale contenuto dei moduli del D.G.U.E., dei relativi allegati e delle dichiarazioni rese ex art. 80 del d.lgs. n. 50/2016, in quanto solo la loro completa ostensione consente di verificare la sussistenza dei prescritti requisiti in capo all'operatore economico aggiudicatario.

Leggi dopo

Sulla legittimità dei criteri “on-off” per l'individuazione dell'offerta economicamente più vantaggiosa

01 Settembre 2020 | di Roberto Fusco

Consiglio di Stato

Criteri di aggiudicazione

Il sistema di valutazione “on-off” non è di per sé incompatibile con il criterio di aggiudicazione dell'offerta economicamente più vantaggiosa. Infatti, secondo l'art. 95, d.lgs. n. 50/2016, è necessario assicurare la valorizzazione delle offerte tecniche e il confronto concorrenziale tra i partecipanti, finalità che ben possono essere perseguite anche con detto sistema di valutazione, rientrando nell'ampia discrezionalità della stazione appaltante sia l'individuazione che la ponderazione dei criteri valutativi, pur non essendo i punteggi graduabili discrezionalmente.

Leggi dopo

L’appello avverso il decreto cautelare monocratico è un “rimedio giuridico inesistente”

31 Agosto 2020 | di Tommaso Cocchi

Cons. Giust. Amm. Regione Sicilia, decreto, 25 agosto 2020, n. 624.pdf

Rito speciale in materia di contratti pubblici

Il Consiglio di Giustizia Amministrativa per la regione Siciliana ha dichiarato il non luogo a provvedere sull’impugnazione di un decreto cautelare monocratico ritenendo tale rimedio giuridico inesistente.

Leggi dopo

Trasparenza, imparzialità e terzietà indispensabili nel procedimento di nomina dei commissari delle commissioni giudicatrici

31 Agosto 2020 | di Simone Francario

Tar Molise

Commissione giudicatrice

La stazione appaltante è tenuta a nominare i commissari di gara secondo procedure idonee a garantire trasparenza, imparzialità e terzietà.

Leggi dopo

Il CdS a difesa dell’effettività della tutela nel rito appalti: difficoltà applicative della nuova disciplina processuale nel decreto semplificazioni

29 Agosto 2020 | di Alessandra Coiante

Rito speciale in materia di contratti pubblici

La V sezione del Consiglio di Stato con una serie di ordinanze (nn. 4556, 4557,4558, 4563, 4564, 4565, 4566, 4567, 4569 del 31 luglio 2020) ha proposto una lettura costituzionalmente conforme “del rito previsto “di norma” dall’art. 4 del d.-l. n. 76 del 2020”, affermandone l’inapplicabilità in assenza di risorse adeguate

Leggi dopo

La descrizione dell’oggetto sociale contenuto nella visura camerale come notizia e non come prova dei requisiti di idoneità professionale

27 Agosto 2020 | di Simone Francario

Tar Lombardia

Controllo sul possesso dei requisiti

Ai fini della prova dei requisiti di idoneità professionale, la descrizione dell’oggetto sociale contenuto nella visura camerale ha valore meramente notiziale e non anche probatorio.

Leggi dopo

La commissione di gara non deve discostarsi dai criteri di valutazione previsti dal bando se specificamente predeterminati

13 Agosto 2020 | di Fabrizio Laudani

Commissione giudicatrice

Qualora la lex specialis sia sufficientemente e adeguatamente dettagliata, il successivo giudizio dei commissari di gara può essere censurato solo laddove si sia discostato in modo evidente da tali criteri o risulti, ictu oculi, del tutto irragionevole, sproporzionato e contraddittorio.

Leggi dopo

Le annotazioni non rientranti tra quelle tipizzate dal legislatore come “atto dovuto” devono essere adeguatamente motivate in ordine alla ritenuta utilità

11 Agosto 2020 | di Fabrizio Laudani

Tar Lazio

Autorità nazionale anticorruzione

Nel momento in cui l'ANAC decide di disporre l'annotazione di una segnalazione come “notizia utile”, essa è tenuta a motivare non solo in ordine all'intrinseca utilità della notizia...

Leggi dopo

Pagine