News

News

La (il)legittimità della clausola di territorialità tra “requisito di partecipazione” e “requisito di esecuzione” del contratto

31 Gennaio 2019 | di Alessandro Balzano

Consiglio di Stato

Tassatività delle cause di esclusione

È illegittima la clausola di territorialità della lex specialis di gara allorquando la stazione appaltante vi attribuisca valore di requisito di partecipazione alla procedura non consentendo al concorrente di “dotarsi” dello specifico requisito richiesto (solo) all’esito dell’aggiudicazione conseguita.

Leggi dopo

Contraddittorietà tra “dichiarazione di subappalto” e offerta tecnica: è legittima l’esclusione del concorrente?

31 Gennaio 2019 | di Alessandro Balzano

Consiglio di Stato

Subappalto

Se da un lato l’eventuale incompletezza della dichiarazione di subappalto - pur precludendo la possibilità di usufruire dell’ausilio dell’impresa terza - non determina l’esclusione del concorrente, dall’altro la contraddittorietà tra l’offerta tecnica e la dichiarazione relativa al subappalto resa in sede di partecipazione determina la sua legittima esclusione in quanto, ragionando a contrario, si determinerebbe una modifica non solo formale ma (soprattutto) sostanziale dell’offerta tecnica stessa.

Leggi dopo

Misure di self cleaning e relativa valutazione

30 Gennaio 2019 | di Flaminia Aperio Bella

Consiglio di Stato

Requisiti: Grave negligenza o malafede ed errore grave

La rinnovazione degli organi sociali mediante sostituzione dei soggetti macchiati di reati o illeciti ostativi alla partecipazione a procedure di gara non impedisce, ove effettuata nel corso della procedura, l’operatività della causa di esclusione di gara. Ove tale rinnovazione intervenga, però, prima della partecipazione alla procedura medesima deve essere tenuta in considerazione al fine di verificare l’affidabilità dell’impresa a dispetto dell’esistenza del motivo di esclusione.

Leggi dopo

Consiglio di Stato precisa le differenze tra RTI verticali e RTI orizzontali

28 Gennaio 2019 | di Valeria Zallocco

Consiglio di Stato

Raggruppamento temporaneo di imprese

L’offerta di prestazioni disomogenee da parte di imprese partecipanti ad un raggruppamento temporaneo è compatibile con l’istituto del RTI orizzontale e non è sufficiente per qualificarlo come RTI verticale. Ciò che caratterizza un raggruppamento di tipo verticale è, infatti, la disomogeneità e la differenziazione delle capacità e dei requisiti posseduti, a monte, dai componenti del raggruppamento medesimo, titolari di diverse competenze.

Leggi dopo

Omessa indicazione separata dei costi della manodopera e soccorso istruttorio: la rimessione alla CGUE

28 Gennaio 2019 | di Valeria Zallocco

Cons. St., adunanza plenaria

Soccorso istruttorio

L'Adunanza Plenaria del Consiglio di Stato ha rimesso alla Corte di Giustizia dell'Unione Europea la seguente questione interpretativa pregiudiziale: “se il diritto dell'Unione europea (e segnatamente i principi di legittimo affidamento, di certezza del diritto, di libera circolazione, di libertà di stabilimento e di libera prestazione dei servizi) ostino a una disciplina nazionale (quale quella di cui agli articoli 83, comma 9, 95, comma 10 e 97, comma 5 del ‘Codice dei contratti pubblici' italiano) in base alla quale la mancata indicazione da parte di un concorrente a una pubblica gara di appalto dei costi della manodopera e degli oneri per la sicurezza dei lavoratori comporta comunque l'esclusione dalla gara senza che il concorrente stesso possa essere ammesso in un secondo momento al beneficio del c.d. ‘soccorso istruttorio', pur nell'ipotesi in cui la sussistenza di tale obbligo dichiarativo derivi da disposizioni sufficientemente chiare e conoscibili e indipendentemente dal fatto che il bando di gara non richiami in modo espresso il richiamato obbligo legale di puntuale indicazione”.

Leggi dopo

In G.U. il regolamento Anac sui pareri di precontenzioso

28 Gennaio 2019 | di Redazione Scientifica

Regolamento Anac, 9 gennaio 2019.pdf

Autorità nazionale anticorruzione

Nella Gazzetta Ufficiale n. 22 del 26 gennaio 2019 è stato pubblicato il Regolamento in materia di pareri di precontenzioso di cui all’art. 211 del d. lgs. n. 50 del 2016.

Leggi dopo

Risoluzione di discordanze tra i valori intermedi dell’offerta economica e principio di immodificabilità dell’offerta.

25 Gennaio 2019 | di Simone Francario

TAR

Bando di gara

La lex specialis di gara che consente alla concorrente di riparametrare, dopo l’aggiudicazione definitiva e prima della stipulazione del contratto, ove si riscontrino errori di calcolo, i prezzi parziali offerti, mantenendo fermi il prezzo finale e il ribasso percentuale indicati in offerta, anziché ricalcolare conseguentemente il prezzo finale ed il ribasso percentuale, non viola il principio di immodificabilità dell’offerta.

Leggi dopo

Le controversie in tema di revisione prezzi spettano alla giurisdizione esclusiva del Giudice amministrativo

24 Gennaio 2019 | di Alessandra Coiante

TAR Lombardia

Varianti in corso di esecuzione e adeguamento prezzi

L'art. 133, comma 1, lett. e) n.2, c.p.a. devolve tutte le controversie in tema di revisione prezzi alla giurisdizione esclusiva del giudice amministrativo: sia quelle relative all'an debeatur sia quelle attinenti al quantum della revisione.

Leggi dopo

CGUE: le conclusioni dell'Avvocato generale sulla questione dell'identità tra operatori economici preselezionati e offerenti

24 Gennaio 2019 | di Sabrina Tranquilli

Conclusioni Avvocato Generale, 23 gennaio 2019, C‑69717.pdf

Contratti esclusi

L'Avvocato generale della CGUE ha formulato le proprie conclusioni in merito al quesito sottoposto nel novembre 2017 dal Consiglio di Stato, relativo alla possibilità che, in una procedura ristretta, sia ammesso alla fase di valutazione delle offerte un operatore economico che abbia concluso un accordo di fusione per incorporazione con un altro operatore economico parimenti prequalificato.

Leggi dopo

Sul carattere eccezionale del rito super-accelerato previsto dall'art. 120, comma 2 bis, c.p.a.

23 Gennaio 2019 | di Esper Tedeschi

TAR Calabria

Rito speciale in materia di contratti pubblici

Una lettura costituzionalmente orientata dell'art. 120, comma 2 bis, c.p.a., richiede che la disposizione processuale sia interpretata restrittivamente, facendosene applicazione alle sole ipotesi tassativamente contemplate nel citato comma 2 bis, ovvero, alle «esclusioni dalla procedura di affidamento e le ammissioni ad essa all'esito della valutazione dei requisiti soggettivi, economico-finanziari e tecnico-professionali», anche di tipo estrinseco/formale, concernenti l'assenza di irregolarità ovvero carenze documentali tali da comportare l'esclusione a norma della lex specialis, trattandosi di vaglio affidato alla fase preliminare delle ammissioni, ma senza comprendervi la generalità delle esclusioni (quali quelle riguardanti altre fasi della procedura, come la valutazione dell'anomalia, o del contenuto delle offerte tecniche ed economiche), fermo il rispetto dei termini fissati dall'art. 29 del codice dei contratti pubblici (richiamato dallo stesso art. 120, comma 2 bis, c.p.a.), senza che possa essere ascritto a mancanza di diligenza processuale dell'interessato la circostanza che l'impugnazione presentata nel rispetto dei termini anzidetti sia, però, successiva all'aggiudicazione, per effetto della tempistica adottata dalla stessa amministrazione appaltante nella esplicazione della procedura.

Leggi dopo

Pagine