News

News

L'informazione antimafia per il pericolo, “più probabile che non”, di infiltrazione mafiosa

10 Settembre 2020 | di Benedetta Valcastelli

Consiglio di Stato

Informative interdittive antimafia

Il Consiglio di Stato torna a pronunciarsi sulla natura dell'informazione antimafia e sulla valutazione, da parte del Prefetto, prima, e del giudice amministrativo, in caso di impugnazione, circa i presupposti per l'applicazione della misura.

Leggi dopo

Le clausole sociali del bando di gara, ammesse dall'art. 50 del codice, non vincolano gli operatori economici nelle procedure di aggiudicazione

09 Settembre 2020 | di Sveva Pignotti

Tar Toscana

Bando di gara

La c.d. “clausola sociale”, ammessa dall'art. 50 del d.lgs. n. 50/2016, deve essere interpretata conformemente ai principi nazionali e comunitari in materia di concorrenza e di libertà di iniziativa economica d'impresa, garantita anche ex art. 41 Cost. Pertanto, deve essere intesa in maniera elastica tenendo conto delle esigenze organizzative e gestionali proprie dell'impresa aggiudicatrice. Non può, dunque, consentire alla stazione appaltante di imporre agli operatori economici l'applicazione di un dato contratto collettivo ai lavoratori e dipendenti da assorbire.

Leggi dopo

L'accesso ai documenti amministrativi prevale in ogni caso, anche sui dati sensibili, se sia strumentale alla difesa degli interessi giuridici del richiedente

09 Settembre 2020 | di Sveva Pignotti

Tar Lombardia

Accesso agli atti

L'accesso ai documenti amministrativi prevale anche sui cd. dati sensibili, qualora sia strumentale alla cura o alla difesa degli interessi giuridici del richiedente: pertanto, un'impresa che abbia partecipato ad una procedura di evidenza pubblica vanta un interesse qualificato alla conoscenza degli atti della gara, tra i quali rientrano anche i certificati del Casellario giudiziario con i quali i concorrenti certificano che i soggetti ad essi riferibili, indicati dall'art. 38 del D.Lgs. n. 163 del 2006, non sono incorsi in una delle cause che comportano, ai sensi della stessa disposizione, l'esclusione della impresa dalla gara.

Leggi dopo

Anac: modificato il Regolamento del Casellario Informatico

07 Settembre 2020 | di Redazione Scientifica

Regolamento Casellario Informatico.pdf

Autorità nazionale anticorruzione

Sul sito istituzionale dell’Anac sono state pubblicate le modifiche al Regolamento del Casellario informatico di Contratti pubblici di lavoro, servizi e forniture.

Leggi dopo

Limiti allo scostamento dai valori delle tabelle ministeriali in tema di costo orario del lavoro

07 Settembre 2020 | di Leila Nadir Sersale

Tar Lombardia

Offerte anomale

I dati medi presi in considerazione dalle tabelle ministeriali con riferimento al costo orario del lavoro non possono essere disattesi, in assenza di giustificazioni specifiche e documentate che incidano sul quantum delle assenze, il numero di ore non lavorate per malattia, infortunio e gravidanza. Diversamente, si finirebbe per abbassare illegittimamente (per effetto dell’innalzamento del divisore), il costo orario e complessivo della manodopera, omettendo di considerare i costi per sostituzione cui la ditta deve invece necessariamente far fronte al fine di eseguire esattamente il servizio appaltato, con effetti distorsivi sulla concorrenza.

Leggi dopo

Disciplina dei canoni concessori per strutture dedicate alla nautica da diporto e diritto sovranazionale

07 Settembre 2020 | di Leila Nadir Sersale

Consiglio di Stato

Concessione di beni

La normativa nazionale che dispone l'aumento dei canoni concessori estendendone l'applicazione anche alle strutture destinate alla nautica da diporto non si pone in contrasto con il diritto sovranazionale. Si tratta, invero, di una disciplina che si inserisce in un complessivo sistema di cambiamento del regime dei beni pubblici, teso alla loro utilizzazione secondo criteri economici e alla loro valorizzazione e che, per questa ragione, non sacrifica in maniera illegittima l'affidamento del privato.

Leggi dopo

Illegittimità dell'aggiudicazione fondata su valutazioni incongruenti

04 Settembre 2020 | di Paola Martiello

Tar Lombardia

Commissione giudicatrice

Nelle gare pubbliche l'offerta non conforme alle specifiche tecniche fissate nel bando di gara concretizza un'ipotesi di aliud pro alio, la quale non può che determinare l'esclusione dalla gara dell'offerente anche in assenza di un'espressa previsione in tal senso nella medesima legge di gara.

Leggi dopo

Sull’obbligo di sopralluogo da parte di tutte le imprese del raggruppamento

04 Settembre 2020 | di Fabrizio Laudani

Tar Liguria

Raggruppamento temporaneo di imprese

In mancanza di una esplicita previsione del bando di gara, è legittima l’ammissione alla gara di una ATI nel caso in cui il sopralluogo assistito obbligatorio sia effettuato dal legale rappresentante della capogruppo “in proprio” e non nella veste di delegato delle mandanti.

Leggi dopo

Termine per la presentazione delle offerte non può essere discrezionalmente prorogato dalla S.A. su espressa richiesta di uno specifico operatore

03 Settembre 2020 | di Fabrizio Laudani

Tar Toscana

Termini di partecipazione e di presentazione dell’offerta

Non sussiste alcuna facoltà di prorogare il termine di scadenza del termine per la presentazione delle offerte, per motivi discrezionalmente individuati dalla P.A.. L’art. 79 del codice dei contratti individua infatti tassativi presupposti in base a cui la posticipazione della presentazione delle proposte può ritenersi ammissibile.

Leggi dopo

La risoluzione del contratto in applicazione di clausola risolutiva espressa è rimessa alla cognizione del G.O.

02 Settembre 2020 | di Angelica Cardi

Tar Lazio

Rito speciale in materia di contratti pubblici

Qualora la Pubblica Amministrazione disponga la risoluzione di un contratto invocando la clausola risolutiva espressa, ex art. 1456 cod. civ., la controversia tra le parti contraenti è devoluta alla giurisdizione del giudice ordinario e non a quella del giudice amministrativo, atteso che l'atto risolutivo è esercizio di un diritto potestativo governato dal diritto comune e non di poteri autoritativi di matrice pubblicistica dell'Amministrazione nei confronti del privato.

Leggi dopo

Pagine