News

News

L’interesse alla impugnazione del bando sussiste (e permane) anche in caso di partecipazione alla gara

10 Aprile 2018 | di Claudio Fanasca

TAR Puglia

Rito speciale in materia di contratti pubblici

Non è inammissibile né improcedibile il ricorso con cui si impugna il bando di gara, immediatamente lesivo per via della dedotta assenza di remuneratività del prezzo a base d’asta, nell’ipotesi in cui il ricorrente partecipi alla gara stessa. Ed infatti l’avvenuta presentazione di un’offerta da parte del ricorrente non incide sulla sussistenza del suo interesse a impugnare il bando di gara, ma anzi ne conferma semmai la permanenza.

Leggi dopo

Derogabilità del principio di suddivisione in lotti: discrezionalità della stazione appaltante ed oneri motivazionali

06 Aprile 2018 | di Riccardo Pappalardo

Cons. Stato, Sez. V, 3 aprile 2018, n. 2044.pdf

Cons. Stato, Sez. V, 3 aprile 2018, n. 2044.pdf

Bando di gara

Nonostante l’art. 51 del d.lgs. n. 50 del 2016, al fine di favorire l’accesso delle microimprese e delle piccole e medie imprese alle commesse pubbliche, abbia mantenuto fermo il principio della suddivisione in lotti, già previsto dall’art. 2, comma 1-bis, del d.lgs. n. 163 del 2006, con il nuovo Codice tale principio non risulta più affermato in termini assoluti ed inderogabili. Alla luce della nuova normativa, infatti, il suddetto principio può essere derogato dalla p.A., seppur attraverso una decisione adeguatamente motivata, espressione di una scelta discrezionale. Quest'ultima è sindacabile dal giudice amministrativo unicamente ove vengano travalicati i limiti della ragionevolezza, della proporzionalità e dell’adeguatezza dell’istruttoria.

Leggi dopo

La verifica di congruità dell’offerta in presenza di voci sottostimate

06 Aprile 2018 | di Riccardo Pappalardo

Offerte anomale

Nel caso di offerta economica composta da più voci, il giudizio di anomalia deve considerare l'offerta nella sua totalità, non essendo decisive le incongruità di singoli elementi per escluderne l’attendibilità. Pertanto, laddove le componenti sottostimate siano compensate da altre sovrastimate, deve ritenersi che l’offerta presenti comunque le necessarie garanzie di serietà tali da renderla, nel complesso, congrua.

Leggi dopo

La nuova legge della Regione Sardegna in materia di contratti pubblici di lavori, servizi e forniture

06 Aprile 2018 | di Marco Calaresu

Legge regionale, 7 marzo 2018, n. 8

Codice dei contratti pubblici (nuovo)

Il 13 aprile entrerà in vigore in Sardegna la legge regionale 13 marzo 2018, n. 8 recante nuove norme in materia di contratti pubblici di lavori, servizi e forniture.

Leggi dopo

I criteri ecologici nell’aggiudicazione degli appalti pubblici: evoluzione normativa e stato dell’arte

06 Aprile 2018 | di Lorenzo De Gregoriis

Norme di gestione ambientale

Note in margine al Convegno di Teramo del 13 aprile 2018 sulla “La Tutela dell’ambiente nel nuovo Codice dei Contratti Pubblici. Strumenti e azioni per la crescita sostenibile del territorio e delle sue imprese”.

Leggi dopo

Giudizio di anomalia e riparametrazione dell'offerta

05 Aprile 2018 | di Angelica Cardi

TAR Toscana

Offerte anomale

La verifica facoltativa di anomalia dell'offerta, ai sensi dell'art. 86, comma 3, del d.lgs. n. 163 del 2006, costituisce oggetto di valutazione ampiamente discrezionale da parte della stazione appaltante. L'esercizio o il mancato esercizio di tale valutazione discrezionale può essere, dunque, oggetto di sindacato solo in presenza di una macroscopica irragionevolezza o di errore di fatto.

Leggi dopo

Ordine giudiziale di rivalutazione in bonam partem e discrezionalità tecnica della Commissione

05 Aprile 2018 | di Angelica Cardi

TAR Lombardia

Commissione giudicatrice

In caso di rinnovazione del giudizio sull'offerta imposto dal giudice alla Commissione per il mancato apprezzamento di elementi positivi della stessa, la nuova valutazione deve compiersi a 360 gradi e può dar rilievo anche ad elementi negativi nuovi. Sotto tale aspetto la decisione della Commissione di abbassare il punteggio complessivo non è irrazionale, in quanto la stazione appaltante ha legittimamente compensato i valori positivi non apprezzati nella prima valutazione con i valori negativi parimenti non apprezzati nella prima valutazione e riscontrati, invece, in sede di seconda valutazione. Da tale operazione ne è, dunque, derivato un punteggio complessivo inferiore.

Leggi dopo

L’impossibilità di ricorrere al project financing per l’affidamento dei servizi pubblici locali

04 Aprile 2018 | di Sonia Caldarelli

TAR Lazio

Finanza di progetto

L’affidamento da parte del Comune del servizio di trasporto pubblico locale (TPL) non può avvenire a mezzo di project financing - stante l’inapplicabilità al servizio TPL della Direttiva 2014/23/UE - bensì mediante procedura di gara d’appalto, ai sensi dell’art. 5, paragrafo 1, del Regolamento n.1370/2007/CE.

Leggi dopo

Sulla declaratoria d’inefficacia del contratto anche in caso di annullamento dell’intera procedura di gara

03 Aprile 2018 | di Diego Campugiani

TAR Lazio

Rito speciale in materia di contratti pubblici

Anche ove sia stato disposto l’annullamento del bando di gara e del provvedimento di aggiudicazione per una riedizione della procedura, il giudice amministrativo può dichiarare l’inefficacia del contratto di appalto già stipulato.

Leggi dopo

Dal 18 aprile 2018 scatta l'obbligo del DGUE in formato elettronico

03 Aprile 2018 | di Redazione Scientifica

Controllo sul possesso dei requisiti

Si riporta di seguito il comunicato del MIT in cui si evidenzia che per le gare bandite a partire dal prossimo 18 aprile le Stazioni appaltanti dovranno rendere disponibile il Documento di gara unico europeo (DGUE) esclusivamente in forma elettronica, nel rispetto di quanto previsto dall’art. 85, comma 1, del Codice.

Leggi dopo

Pagine