News

News

Sulla modificabilità della soglia d’anomalia fino all’aggiudicazione definitiva

28 Settembre 2016 | di Enrico Zampetti

TAR

Offerte anomale

Il divieto previsto dall’articolo 38, comma 2-bis, d.lgs. n. 163 del 2006 di rideterminare la soglia di anomalia deve ritenersi operante soltanto dopo che la stazione appaltante abbia adottato il provvedimento di aggiudicazione definitiva. Prima di tale momento, anche ove si sia già esaurita la fase di ammissione, regolarizzazione o esclusione delle offerte, la stazione appaltante può comunque modificare la soglia anche a seguito della riammissione di concorrenti precedentemente esclusi.

Leggi dopo

Ricorso principale e incidentale: inutili i richiami alle pronunce della CGUE se il ricorso principale è volto a ottenere il mero risarcimento per equivalente

27 Settembre 2016 | di Valeria Zallocco

Consiglio di Stato

Rito speciale in materia di contratti pubblici

In tema di rapporto tra ricorso principale e ricorso incidentale, non sono pertinenti i richiami alle pronunce della Corte di Giustizia dell’Unione Europea sulla necessità di scrutinare il gravame principale anche in caso di accoglimento di quello incidentale, nel caso in cui il ricorrente principale abbia dichiarato in giudizio di aver esclusivo interesse alla tutela risarcitoria per equivalente ritenendo non più utile ai propri fini quella impugnatoria.

Leggi dopo

Introduzione di un sub-criterio di valutazione dell’offerta da parte della commissione giudicatrice

27 Settembre 2016 | di Valeria Zallocco

Consiglio di Stato

Criteri di aggiudicazione

È illegittimo l’operato della commissione giudicatrice che, in una procedura da aggiudicarsi con il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa, abbia valutato le offerte tecniche introducendo un sub-criterio di valutazione sostanzialmente aggiuntivo rispetto a quelli declinati nella lex specialis della procedura di gara.

Leggi dopo

Soccorso istruttorio e integrazione postuma delle dichiarazioni di gara

26 Settembre 2016 | di Carlo M. Tanzarella

Consiglio di Stato

Soccorso istruttorio

Il Consiglio di Stato, in una fattispecie disciplinata dal vecchio codice dei contratti nel testo antecedente le modifiche introdotte dal d.lgs. n. 90 del 2014, oggi recepite nell’art. 83, comma 9, d.lgs. n. 50 del 2016, conferma l’orientamento tradizionale, secondo cui il limite all’esercizio del potere di soccorso istruttorio deve essere individuato nel divieto di integrazione successiva di dichiarazioni originariamente non presentate dai concorrenti.

Leggi dopo

Circa il possesso dei requisiti c.d. “soggettivi” di capacità tecnico-professionale

26 Settembre 2016 | di Carlo M. Tanzarella

TAR

Requisiti di idoneità professionale

Non tutti i requisiti di capacità professionale possono essere posseduti indirettamente dai concorrenti, attraverso un contratto di avvalimento o contratti di consorzio. Taluni di essi, di natura eminentemente soggettiva e intrinsecamente caratterizzanti l’idoneità dell’operatore economico a porsi quale contraente serio ed affidabile in rapporto alle attività oggetto di affidamento, devono essere posseduti direttamente e personalmente dal concorrente esecutore delle prestazioni.

Leggi dopo

L’inapplicabilità del soccorso istruttorio alla verifica ex art. 48, comma 1, d.lgs. n. 163 del 2006

23 Settembre 2016 | di Luca Maria Petrone

TAR

Soccorso istruttorio

Il termine per la verifica dei requisiti ex art. 48, comma 1, d.lgs. n. 163 del 2006 è da intendersi perentorio. La mancata produzione entro il termine di 10 giorni non può essere soggetta all’integrazione per il tramite del meccanismo del soccorso istruttorio, sebbene di carattere “rinforzato” introdotto con d.l. n. 90 del 2014 con l’introduzione del comma 2-bis del d.lgs. n. 163 del 2006.

Leggi dopo

La regolarità contributiva e la sussistenza del requisito ex art. 38 d.lgs. n. 163 del 2006

23 Settembre 2016 | di Luca Maria Petrone

TAR Basilicata, Potenza, 15 settembre 2016, n. 884.pdf

Regolarità contributiva

La stazione appaltante non può legittimamente revocare l’aggiudicazione senza tenere in considerazione l’ultima certificazione in ordine di tempo dell’Agenzia delle Entrate, che attesti la regolarità contributiva del concorrente. Ciò anche in presenza di una precedente attestazione di ordine negativo riferita al medesimo concorrente. È escluso che la stazione appaltante possa esprimersi e scendere nel merito della gravità dell’inadempienza fiscale, la cui valutazione è rimessa in via esclusiva all’Amministrazione finanziaria competente.

Leggi dopo

Anac: approvate definitivamente le Linee Guida n. 1 recanti “Indirizzi generali sull’affidamento dei servizi attinenti all’architettura e all’ingegneria”

22 Settembre 2016

Linea guida n. 1_Indirizzi generali sull’affidamento dei servizi attinenti all’architettura e all’ingegneria.pdf

Codice dei contratti pubblici (nuovo)

Nella seduta del 14 settembre 2016, l’Autorità Nazionale Anticorruzione ha approvato, con Delibera n. 973 del 2016, in via definitiva le Linee Guida n. 1, di attuazione del d.lgs. 18 aprile 2016, n. 50, recanti “Indirizzi generali sull’affidamento dei servizi attinenti all’architettura e all’ingegneria”.

Leggi dopo

L’iscrizione nel casellario informatico è “atto dovuto” da parte dell’ANAC

22 Settembre 2016 | di Giordana Strazza

TAR Lazio, Roma, 19 settembre 2016, n. 9839.pdf

Autorità nazionale anticorruzione

L’iscrizione nel casellario informatico costituisce un “atto dovuto” da parte dell’Autorità Nazionale Anticorruzione, con conseguente applicabilità dell’art. 21-octies, comma 2, l. n. 241 del 1990 ai fini della lamentata mancata considerazione dell’apporto alla partecipazione procedimentale.

Leggi dopo

Il parere del Consiglio di Stato sulle linee guida relative ai criteri di scelta dei commissari di gara

22 Settembre 2016 | di Giordana Strazza

Cons. St., Comm. Spec., 14 settembre 2016, n. 1919.pdf

Cons. St., Comm. Spec., 14 settembre 2016, n. 1919.pdf

Commissione giudicatrice

Il Consiglio di Stato ha reso il parere sulle linee guida adottate dall’ANAC relative a “Criteri di scelta dei commissari di gara e di iscrizione degli esperti nell’Albo nazionale obbligatorio dei componenti delle commissioni aggiudicatrici”. L’Adunanza della Commissione speciale, oltre ad aver esaminato alcune questioni interpretative di portata generale, ha evidenziato che il d.lgs. n. 50 del 2016 ha optato per un sistema di preferenza per i commissari esterni rispetto a quelli interni alla stazione appaltante, al fine di garantire maggiore trasparenza e imparzialità.

Leggi dopo

Pagine