News

News

Sollevata questione pregiudiziale sulla compatibilità con il diritto euro-unitario della disciplina riguardante l’assenza di condanne penali in capo ai cessati e la valutazione delle condotte dissociative

30 Marzo 2016 | di Francesco Pignatiello

Consiglio di Stato

Requisiti: Assenza di condanne penali

ll Consiglio di Stato ha rimesso alla Corte di Giustizia dell’Unione Europea la questione pregiudiziale della compatibilità con il diritto euro-unitario della previsione dell’art. 38, comma 1, lett. c), del codice, come modificato dall’art. 4, comma 2, lett. b), d.l. 13 maggio 2011, convertito nella l. 12 luglio 2011, n. 106, nella parte in cui estende ai soggetti cessati dalle cariche sociali nell’anno antecedente la pubblicazione del bando di gara la causa di esclusione costituita dalla pronuncia di sentenza di...

Leggi dopo

È legittima la partecipazione all’appalto per la progettazione definitiva ed esecutiva da parte del progettista del preliminare

30 Marzo 2016 | di Guglielmo Aldo Giuffrè

TAR

Progettazione

Non esiste alcuna disposizione normativa che precluda a colui al quale sia stato affidato un incarico di progettazione preliminare, di partecipare anche all’appalto per il servizio di progettazione definitiva ed esecutiva, considerato che l’art. 90, comma 8, d.lgs. n. 163 del 2006 mira a garantire la posizione di imparzialità del progettista rispetto all’appaltatore-esecutore dei lavori e non ad evitare l’identità tra il progettista del preliminare e quello dei livelli ulteriori di progettazione.

Leggi dopo

Sul rapporto tra regolarizzazione del debito contributivo e procedura di gara

22 Marzo 2016 | di Massimo Nunziata

Consiglio di Stato

Regolarità contributiva

Ai fini della partecipazione alle procedure ad evidenza pubblica l’operatore economico non può invocare la possibilità di regolarizzare la propria situazione debitoria derivante da violazioni contributive.

Leggi dopo

Informative interdittive antimafia: autonomia e specificità dell'accertamento istruttorio per le imprese facenti parte di società consortili

18 Marzo 2016 | di Viviana Di Iorio

Consiglio di Stato

Informative interdittive antimafia

È illegittima l'informativa interdittiva antimafia che non scaturisce da un autonomo e specifico accertamento istruttorio, idoneo a dare conto di effettivi tentativi di infiltrazione mafiosa, ma che trae esclusivamente origine dalla partecipazione dell'impresa destinataria al r.t.i., e alla società consortile conseguentemente costituita, insieme ad altra impresa gravata a sua volta da una interdittiva specifica (peraltro immediatamente estromessa dalla società consortile appena raggiunta dal provvedimento prefettizio).

Leggi dopo

Oneri per la sicurezza: si torna dinanzi all'Adunanza Plenaria per questioni di metodo e di merito

18 Marzo 2016 | di Francesco Caputi Iambrenghi

Consiglio di Stato

Offerte anomale

Il Consiglio di Stato, Sez. V, nell'esaminare un motivo di ricorso concernente la mancata indicazione degli oneri aziendali di sicurezza da parte dell'aggiudicataria di un appalto di lavori, non si uniforma ai principi enucleati dalle sentenze dell'Adunanza Plenaria nn. 3 e 9 del 2015 e pone alla stessa Plenaria il quesito sul se sia possibile per le singole Sezioni del Cons. di Stato proporre la rimessione alla Corte di Giustizia di una questione sulla quale si sia già pronunziata l'Adunanza Plenaria, nonché il quesito sulla rispondenza ai principi euro-unitari della sentenza n. 9 del 2015 in tema di omessa indicazione degli oneri per la sicurezza e divieto di soccorso istruttorio.

Leggi dopo

La referenza bancaria mancante non può essere oggetto di soccorso istruttorio

16 Marzo 2016 | di Flaminia Aperio Bella

TAR

TAR Sicilia, Palermo, 10 marzo 2016, n. 651.pdf

Soccorso istruttorio

È legittima l’esclusione per mancata produzione della referenza bancaria richiesta dalla lex specialis per la dimostrazione del requisito di capacità economica e finanziaria in quanto tale “elemento” o “dichiarazione” non afferisce a circostanze già presenti in rerum natura alla data di presentazione dell’offerta e pertanto non può formare oggetto di soccorso istruttorio.

Leggi dopo

Sull'assenza di un onere motivazionale per il provvedimento della stazione appaltante che non esclude un concorrente a causa dell'irrilevanza della causa di esclusione di cui all'art. 38, comma 1, lett. f)

15 Marzo 2016 | di Anton Giulio Pietrosanti

TAR

Requisiti: Grave negligenza o malafede ed errore grave

La sentenza nega che la stazione appaltante debba motivare la decisione di non escludere dalla gara un concorrente le cui condotte non siano state considerate idonee ad integrare la causa di esclusione prevista dall'art. 38, comma 1, lett. f), d.lgs. 12 aprile 2006, n. 163.

Leggi dopo

Il risarcimento del danno da responsabilità precontrattuale in caso di mancata impugnazione degli atti lesivi

15 Marzo 2016 | di Sonia Caldarelli

TAR

Risarcimento del danno

L'omessa o tardiva impugnazione del provvedimento con cui la stazione appaltante ha revocato l'aggiudicazione della gara, non preclude in rito la possibilità di domandare il risarcimento dei danni derivanti dalla revoca stessa.

Leggi dopo

I danni risarcibili in caso di illegittima esclusione da una gara di appalto

10 Marzo 2016 | di Francesco Elefante

TAR

Risarcimento del danno

All’impresa illegittimamente esclusa da un gara di appalto deve essere riconosciuto il risarcimento dei danni subiti sia a titolo di danno emergente, ivi compresi, eccezionalmente, i costi sostenuti per la partecipazione alla procedura negoziata (Cons. St., Sez. III, 14 dicembre 2012, n. 6444; T.A.R. Puglia, Bari, Sez. I, 6 ottobre 2011, n. 1466; contra, di recente, Cons. St., Sez. IV, 1 aprile 2015, n. 1708, e Cons. St., Sez. VI, 28 luglio 2015, n. 3728); sia a titolo di c.d. lucro cessante, da riferire, principalmente, all’utile non conseguito. Sul piano dell’elemento soggettivo, inoltre, non è richiesto al privato un particolare sforzo probatorio in punto di colpa dell’Amministrazione.

Leggi dopo

Il Consiglio di Stato cambia nuovamente idea in ordine alla necessità di indicare il nominativo dei subappaltatori in sede di presentazione dell'offerta

06 Marzo 2016 | di Guglielmo Aldo Giuffrè

Consiglio di Stato

Subappalto

La Sezione, con la pronuncia in commento, torna a ritenere che la dichiarazione di subappalto, resa dal concorrente in sede di presentazione dell'offerta, debba obbligatoriamente contenere, a pena di esclusione dalla gara, oltre alla dimostrazione del possesso dei requisiti del subappaltatore necessario, anche l'indicazione del nominativo di quest'ultimo.

Leggi dopo

Pagine