News

News

Non sussiste conflitto di interesse se alla procedura prende parte una società mista partecipata dall'ente locale che la bandisce

24 Giugno 2020 | di Carmine Genovese

Tar Lazio

Servizi (appalto pubblico di)

In tema di procedure di affidamento di servizi non è in via di principio preclusa l'ammissione di una società mista a partecipazione maggioritaria dello stesso ente locale che ha indetto la gara.

Leggi dopo

Il recupero dell'anticipazione del prezzo nell'appalto di lavori

24 Giugno 2020 | di Lorenzo Rota

Lavori (appalto pubblico di)

Da decenni l'istituto dell'anticipazione del prezzo è stato oggetto di un costante (e a volte caotico) intervento legislativo; il predetto istituto ha infatti scontato le differenti ed alterne fasi economiche in cui si è trovato ad operare il nostro Paese. Ora, il D. Lgs. 18 giugno 2016 n. 50 sembra aver finalmente dato una risposta chiara circa l'applicazione del predetto istituto quanto ai presupposti ed alle condizioni ma manca ancora un tassello: quando le Stazioni Appaltanti possono procedere al recupero della somma che è stata elargita all'appaltatore nel momento iniziale dell'esecuzione del contratto. L'Autore ha cercato di dare una risposta al quesito posto partendo proprio dal dato normativo e letterale tenendo sempre come riferimento l'ambito d'appalto che più è interessato dall'istituto: l'appalto di lavori.

Leggi dopo

È escluso automaticamente dalla gara l’offerente che presenta un’offerta non conforme alla prestazione oggetto di gara

23 Giugno 2020 | di Benedetta Gargari

Tar Lazio

Capitolati di gara

La verifica della conformità dell’offerta rispetto alla prestazione posta a gara viene in rilievo nella fase di partecipazione alla gara ossia nella fase che precede la verifica sia del possesso dei requisiti specifici di partecipazione che di esecuzione. In altri termini, la mancanza di conformità della prestazione oggetto di gara rispetto a quella offerta dall’operatore economico - riscontrata in sede amministrativa o giudiziale - comporta l’automatica esclusione dell’offerente dalla competizione.

Leggi dopo

Sul computo delle ferie dei lavoratori nella quantificazione dei costi di manodopera

23 Giugno 2020 | di Benedetta Gargari

Tar Toscana

Offerte anomale

La possibilità di concentrare le ferie dei dipendenti nei periodi in cui non è richiesta la loro prestazione lavorativa in relazione alla natura del servizio da svolgere, è fonte di risparmi di spesa che possono abbattere il costo complessivo della manodopera. Ancorché godute nei periodi di pausa, le ferie rappresentano un onere che incide sul costo del personale la cui durata si estende nell’arco di tutte le annualità dell’appalto. Tali risparmi non possono tuttavia essere computati includendo anche le giornate di ferie e festività pregresse, poiché si finirebbe per non considerare fra gli oneri destinati al pagamento delle maestranze la retribuzione che il datore di lavoro deve corrispondere per le giornate di ferie e festività pregresse.

Leggi dopo

Errata quantificazione dei costi della manodopera rispetto alla percentuale indicata

22 Giugno 2020 | di Roberto Fusco

Tar Molise

Soccorso istruttorio

L’indicazione numerica dei costi della manodopera che non corrisponde al valore percentuale indicato non può essere modificata in sede di verifica di anomalia dell’offerta. L’esatta individuazione in termini assoluti dei costi della manodopera e delle maestranze impiegate è immodificabile, poiché detti valori costituiscono i parametri per i controlli di congruità e di adeguatezza da parte della commissione di gara.

Leggi dopo

Inammissibilità dell’avvalimento dei requisiti già posseduti dall’operatore economico

22 Giugno 2020 | di Roberto Fusco

Tar Lazio

Avvalimento

L’operatore economico, che è già in possesso dei requisiti di partecipazione, non può utilizzare lo strumento dell’avvalimento al fine di impiegare a proprio vantaggio le capacità tecniche ed economiche dell’ausiliaria in vista di una migliore valutazione della propria offerta.

Leggi dopo

Diritto di non sottoscrivere il contratto in caso di inerzia dell’Amministrazione: applicazione dei principi di buona fede e correttezza

19 Giugno 2020 | di Simone Francario

Tar Toscana

Concessione di beni

Nei casi di inerzia dell’Amministrazione nell’effettuare le verifiche sui requisiti, l’applicazione dei principi generali di buona fede e correttezza e di leale collaborazione tra pubblica Amministrazione e privati, esclude che l’aggiudicatario di un bene demaniale rimanga vincolato alla propria offerta sine die senza potersi rifiutare di sottoscrivere il contratto.

Leggi dopo

Dopo l'attivazione del soccorso istruttorio non è ammissibile un'ulteriore fase istruttoria

18 Giugno 2020 | di Claudio Fanasca

Tar Lazio

Soccorso istruttorio

Una volta attivato l'istituto del soccorso istruttorio, non è consentito un ulteriore supplemento di istruttoria per sopperire ad eventuali lacune riscontrate anche nella documentazione presentata nella predetta fase. Di conseguenza, coerentemente con quanto previsto dall'art. 83, co. 9, d.lgs. n. 50/2016, in caso di inutile decorso del termine di regolarizzazione della documentazione concesso dalla stazione appaltante in applicazione dell'istituto del soccorso istruttorio, il concorrente è senz'altro escluso dalla gara.

Leggi dopo

La notifica del ricorso nei confronti della impresa controinteressata avente sede all'estero

18 Giugno 2020 | di Claudio Fanasca

Tar Lazio

Rito speciale in materia di contratti pubblici

La notifica del ricorso con cui si impugna il provvedimento di aggiudicazione di una gara d'appalto nei confronti di una impresa controinteressata avente sede all'estero, pur se all'interno dell'Unione Europea, non può essere eseguita ai sensi del Regolamento CE n. 1393/2007, siccome applicabile solo in materia civile e commerciale, bensì in applicazione dell'art. 142, co. 2, c.p.c. e dell'art. 37 d.lgs. n. 71/2011 (recante “Ordinamento e funzioni degli uffici consolari, ai sensi dell'art. 14, comma 18, della legge 28 novembre 2005, n. 46”), avvalendosi del competente Ufficio Consolare.

Leggi dopo

L'ostensione dell'offerta tecnica presentata dalla aggiudicataria va contemperata con l'interesse al segreto tecnico o commerciale

17 Giugno 2020 | di Francesco Elefante

Tar Lazio

Accesso agli atti

Le istanze ostensive dell'operatore interessato, seppur motivate da ragioni afferenti all'esercizio del diritto di difesa in giudizio, non hanno prevalenza necessaria e “assoluta”, soprattutto quando ad esse sia opposta, dalla offerente controinteressata all'ostensione, l'esistenza di “segreti tecnici o commerciali”.

Leggi dopo

Pagine