News

News

Il requisito tecnico relativo ai “servizi di punta” non è frazionabile all’interno del RTI e dev’essere posseduto integralmente dalla mandataria

25 Luglio 2019 | di Tommaso Cocchi

TAR Lazio

Controllo sul possesso dei requisiti

L’individuazione dei servizi “di punta” all’interno della lex specialis serve a garantire l’esistenza di una capacità imprenditoriale nella gestione di contratti di particolare complessità o specificità tale da non poter essere eseguito da chi risulti privo di una certa esperienza “sul campo”. Qualora tale requisito dovesse ritenersi frazionabile, verrebbe meno la stessa causa giustificatrice di un contratto di punta creando una disparità di trattamento tra le imprese individuali, sulle quali grava l’onere di aver svolto tali servizi e i RTI. che invece potrebbero ripartire tale onere tra i vari partecipanti.

Leggi dopo

Miur: pubblicato il Quaderno n. 1 del 2019 sulle istruzioni generali per l’applicazione del codice contratti pubblici

24 Luglio 2019 | di Redazione Scientifica

MIUR - Istruzioni Codice contratti pubblici - Quaderno n. 1 del 27 giugno 2019.pdf

Codice dei contratti pubblici (nuovo)

Sul sito del Ministero dell’Istruzione è stato pubblicato il Quaderno n. 1 del 2019 contentente le «Istruzioni di carattere generale relative all'applicazione del Codice dei Contratti Pubblici (D.Lgs. n. 50/2016) - Quaderno n. 1 Giugno 2019».

Leggi dopo

CGUE: si può escludere il concorrente per errore grave se la violazione delle norme sulla concorrenza sia stata sanzionata dall’AGCM e confermata dal g.a.

24 Luglio 2019 | di Fortunato Picerno

Corte di Giustizia UE

Requisiti: Grave negligenza o malafede ed errore grave

L’articolo 45, paragrafo 2, primo comma, lettera d), della direttiva 2004/18 deve essere interpretato nel senso che esso osta a una normativa nazionale che è interpretata nel senso di escludere dall’ambito di applicazione dell’«errore grave», commesso da un operatore economico «nell’esercizio della propria attività professionale», i comportamenti che integrano una violazione delle norme in materia di concorrenza, accertati e sanzionati dall’autorità nazionale garante della concorrenza con un provvedimento confermato da un organo giurisdizionale.

Leggi dopo

Sulla suddivisione in lotti e l'esigenza di garantire la partecipazione delle piccole e medie imprese

23 Luglio 2019 | di Diego Campugiani

TAR Lazio

Requisiti di idoneità professionale

Gli articoli 30, comma 7, e 51 del decreto legislativo n. 50 del 2016, a mente dei quali “i criteri di partecipazione alle gare devono essere tali da non escludere le microimprese, le piccole e le medie imprese”, nonché “…, sia nei settori ordinari che nei settori speciali, al fine di favorire l'accesso delle microimprese, piccole e medie imprese, le stazioni appaltanti suddividono gli appalti in lotti funzionali .., ovvero in lotti prestazionali”, non configurano previsioni normative che possano essere lette o, anche, semplicemente interpretate come un “consenso a priori a che le piccole e medie imprese possano partecipare” alle gare pubbliche (cfr, tra le altre, TAR Piemonte, 6 luglio 2017, n. 793), essendo necessario tenere in considerazione le specificità del mercato e le concrete esigenze della stazione appaltante.

Leggi dopo

Sul criterio di aggiudicazione con il metodo del “confronto a copie”

23 Luglio 2019 | di Diego Campugiani

TAR Toscana

Criteri di aggiudicazione

Sebbene la linee guida ANAC n. 2, descrivano il confronto a coppie come metodo che opera “sulla base delle preferenze accordate da ciascun commissario a ciascun progetto in confronto con tutti gli altri, secondo i parametri contenuti nei documenti di gara”, la stazione appaltante è legittimata a prevedere una procedura di confronto che “sarà svolta unitariamente da tutta la Commissione in ragione della complessità ed eterogeneità degli ambiti professionali coinvolti”, poiché l'art. 217 co. 1 lett. u) n. 2 del d.lgs. n. 50/2016 ha abrogato il regolamento di esecuzione del previgente codice dei contratti pubblici, approvato con d.P.R. n. 207/2010 (unica previsione sul punto a presentare valore precettivo), il cui Allegato G) disciplinava le modalità di svolgimento del confronto a coppie per il calcolo dell'offerta economicamente più vantaggiosa, stabilendo che esso si fondasse sui coefficienti attribuiti da ciascun commissario a ciascuna coppia di concorrenti.

Leggi dopo

Non è consentito l’accesso all’offerta tecnica in assenza di aggiudicazione

22 Luglio 2019 | di Sonia Caldarelli

TAR Lombardia

Accesso agli atti

L’ostensione dell’offerta tecnica in assenza di aggiudicazione non trova giustificazione alla luce della ratio sottesa all’art. 53 del d.lgs. n. 50/2016, funzionale a garantire il diritto di difesa del concorrente escluso a fronte dell’aggiudicazione ad altri della gara.

Leggi dopo

Esclusione automatica dalla gara per mancata indicazione degli oneri sicurezza

22 Luglio 2019 | di Sonia Caldarelli

Consiglio di giustizia amministrativa Sicilia

Soccorso istruttorio

La mancata indicazione degli oneri di sicurezza e del costo della manodopera in sede di offerta comporta necessariamente l’esclusione dalla gara giacché la loro omessa evidenziazione non è un’omissione formale, integrando una violazione sostanziale della prescrizione di legge. La circostanza che la questione pregiudiziale relativa alle conseguenze dell’omessa indicazione degli oneri di sicurezza sia nuovamente pendente dinanzi alla CGUE non giustifica una sospensione del giudizio o una ulteriore rimessione alla Corte.

Leggi dopo

Aperte le consultazioni per il nuovo Regolamento

18 Luglio 2019 | di Redazione Scientifica

Codice dei contratti pubblici (nuovo)

È partita il 15 luglio ed è attiva fino al 2 settembre 2019, sul sito del Ministero delle infrastrutture e dei Trasporti, la consultazione pubblica sulla stesura del Regolamento di attuazione del Codice dei contratti pubblici....

Leggi dopo

Sulla portata non immediatamente lesiva delle Linee Guida ANAC n. 11

17 Luglio 2019 | di Benedetta Barmann

TAR Lazio, Roma, Sez. I

Autorità nazionale anticorruzione

La prima parte delle Linee Guida ANAC n. 11 ha carattere meramente interpretativo e natura non vincolante ed è, al pari delle circolari interpretative, finalizzata a favorire comportamenti omogenei delle stazioni appaltanti, sicché le relative disposizioni non sono immediatamente lesive. La seconda parte delle stesse Linee guida...

Leggi dopo

Sull’interpretazione del bando di gara alla luce del principio della massima partecipazione, con particolare riferimento ai requisiti tecnici

17 Luglio 2019 | di Benedetta Barmann

Tar Lazio, Roma, Sez. I-bis

Tassatività delle cause di esclusione

L’interpretazione delle clausole di gara che presentino margini di opinabilità deve essere improntata al principio eurounitario della massima partecipazione. A fronte di più possibili interpretazioni di una clausola relativa alle specifiche tecniche richieste (una avente quale effetto l’esclusione dalla gara e l’altra tale da consentire la permanenza del concorrente)...

Leggi dopo

Pagine