News

News su Offerte anomale

Esclusione dalla gara per incongruità del monte ore di lavoro complessivamente offerto

16 Marzo 2019 | di Veronica Sordi

TAR

Offerte anomale

È legittima l’esclusione dell’impresa la cui offerta economica sia stata giudicata anomala per incongruità del costo della manodopera indicato, avendo stimato un monte ore significativamente diverso da quello indicato nel progetto e avendo prospettato tempi d’intervento esigui rispetto all’esecuzione delle lavorazioni fondamentali oggetto della commessa.

Leggi dopo

Discrezionalità e motivazione nella verifica facoltativa dell'anomalia dell'offerta

01 Marzo 2019 | di Anton Giulio Pietrosanti

Offerte anomale

Il potere di sottoporre un'offerta a verifica facoltativa di anomalia, ai sensi dell'art. 97, comma 6, d.lgs. n. 50/2016, ha natura ampiamente discrezionale.

Leggi dopo

Offerta anomala per violazione dei minimi salariali retributivi: esclusione senza contraddittorio

25 Febbraio 2019 | di Paola Martiello

Offerte anomale

Ai sensi dell'articolo 95, comma 10, secondo periodo del d.lgs. n. 50/2016, le Stazioni Appaltanti, prima dell'aggiudicazione, hanno l'obbligo di controllare che i costi della manodopera rappresentati nell'offerta vincitrice non siano inferiori ai minimi salariali retributivi indicati nelle “tabelle ministeriali. Per tale verifica non si richiede alcun contraddittorio, né che venga attivato il procedimento di verifica delle offerte anormalmente basse. Laddove tale verifica dia esito negativo l'offerta deve essere irrimediabilmente esclusa.

Leggi dopo

L'esclusione automatica delle offerte anomale non impedisce alle Stazioni Appaltanti di avviare il procedimento di verifica della congruità dell'offerta

21 Febbraio 2019 | di Fabrizio Laudani

TAR Calabria

Offerte anomale

Anche nel nuovo sistema delineato dall'articolo 97, comma 8, C.C.P. , la facoltà di contemplare ipotesi di esclusione automatica delle offerte anomale costituisce un'eccezione che deve pertanto risultare da inequivoche disposizioni della legge di gara. Il fatto che un'offerta non sia stata esclusa non può precludere ad un'amministrazione l'esercizio del potere-dovere di valutare la sua complessiva attendibilità, ove il bando non lo escluda e la stessa presenti profili meritevoli di approfondimento in ordine ad elementi essenziali o inderogabili.

Leggi dopo

È legittimo il giudizio di anomalia espresso in termini probabilistici?

11 Febbraio 2019 | di Francesca Cernuto

Tar Piemonte, Torino, 7 febbraio 2019, n. 155.pdf

Tar Piemonte, Torino, 7 febbraio 2019, n. 155.pdf

Offerte anomale

Nell'esprimere il giudizio di anomalia, l'Amministrazione può affidarsi ad una valutazione di tipo probabilistico che coinvolge non solo la sostenibilità dell'offerta sotto il profilo eminentemente economico, ma anche la serietà delle tempistiche indicate dall'aggiudicatario, le quali devono risultare in linea con le prescrizioni imposte dalla lex specialis.

Leggi dopo

Giudizio sull’anomalia dell’offerta e divieto di modificazione del suo contenuto in sede di giustificazioni

06 Febbraio 2019 | di Sonia Caldarelli

TAR Lazio

Offerte anomale

Il corretto svolgimento del procedimento di verifica dell’anomalia dell’offerta, se da un lato presuppone l'assenza di preclusioni alla presentazione di giustificazioni ancorate al momento della scadenza del termine di presentazione delle offerte, dall’altro lato deve svolgersi nel rispetto del principio di immodificabilità dell'offerta. Conseguentemente sono consentite giustificazioni sopravvenute, purché l'offerta non venga modificata nel suo contenuto essenziale.

Leggi dopo

L'inesatta indicazione del costo della manodopera non comporta l'esclusione

15 Gennaio 2019 | di Lavinia Samuelli Ferretti

Tar Emilia Romagna

Offerte anomale

L'inesatta quantificazione del costo della manodopera non comporta l'esclusione dell'offerta in applicazione dell'art. 95 d.lgs. n. 50 del 2016, potendo essere disposta solo in caso di omessa indicazione di tali costi.

Leggi dopo

Art. 95, co 10: è legittima l’imposizione agli operatori di indicare ab origine i costi della manodopera.

10 Gennaio 2019 | di Guglielmo Aldo Giuffrè

TAR

Offerte anomale

È manifestamente infondata la questione di legittimità costituzionale, in relazione all’art. 41 Cost., dell’art. 95, comma 10, del d.lgs. n. 50 del 2016, laddove impone agli operatori di indicare ab origine i costi della manodopera, in quanto la norma riflette proprio i limiti costituzionali alla libertà di iniziativa economica, onerando gli operatori dell’indicazione, sin dal momento della presentazione dell’offerta, dei valori e dei costi suscettibili di incidere sulle modalità di svolgimento dell’attività lavorativa e sui diritti dei lavoratori, prevedendo, nel contempo, i controlli di spettanza dell’amministrazione.

Leggi dopo

L'errata indicazione dei costi di manodopera comporta l'esclusione dalla gara e non il ricorso al soccorso istruttorio

07 Gennaio 2019 | di Alessandra Coiante

TAR Lombardia

Offerte anomale

La definizione del costo della manodopera integra un profilo essenziale dell'offerta stessa, sicché la modifica dei valori indicati non rappresenta una mera integrazione di carenze documentali superabili mediante il c.d. soccorso istruttorio, ma rappresenta “una variazione essenziale dell'offerta” ammissibile solo nell'ambito dei “limitati aggiustamenti” praticabili in sede di verifica della congruità dell'offerta stessa”.

Leggi dopo

Anche il CGA investe la Plenaria delle conseguenze dell’omessa indicazione degli oneri di sicurezza nel nuovo Codice dei contratti

23 Novembre 2018 | di Flaminia Aperio Bella

Offerte anomale

Dopo le rimessioni già operate dalla Quinta Sezione del Consiglio di Stato (cfr. sez. V, ord., 25 ottobre 2018, n. 6069 e 26 ottobre 2018, n. 6122) anche il CGA investe la Plenaria della soluzione del contrasto giurisprudenziale registratosi in giurisprudenza in ordine alla portata escludente della mancata indicazione separata del costo della manodopera (e degli oneri di sicurezza).

Leggi dopo

Pagine