Giurisprudenza commentata

Giurisprudenza commentata

Il TAR Lombardia ha precisato le condizioni che giustificano l’affidamento in house del servizio di igiene urbana

23 Maggio 2016 | di Massimo Nunziata

TAR

Affidamento in house

È legittimo l’affidamento diretto del servizio di igiene urbana comunale ad una società mista pubblico-privato laddove siano rispettate le condizioni per l’affidamento in house e laddove l’Amministrazione predisponga una motivata relazione tecnica da cui si evincano chiaramente le ragioni di convenienza economica di tale scelta.

Leggi dopo

Il requisito della regolarità contributiva e l’impossibilità di regolarizzazione postuma

16 Maggio 2016 | di Roberto Colagrande

Consiglio di Stato

Regolarità contributiva

Il requisito della regolarità contributiva deve sussistere fin dalla presentazione dell’offerta e permanere per tutta la durata della gara e del successivo rapporto contrattuale con la stazione appaltante e, pertanto, la relativa originaria carenza non può essere sanata da una regolarizzazione postuma né giustificata dal fatto che l’impresa sia, comunque, in possesso di precedenti DURC che attestino la sussistenza della correttezza contributiva nel periodo passato.

Leggi dopo

I limiti della giurisdizione del giudice amministrativo sul DURC e il rapporto tra il requisito di regolarità contributiva e l’istituto dell’invito alla regolarizzazione del DURC negli appalti pubblici

16 Maggio 2016 | di Giusi Margiotta

Consiglio di Stato

Regolarità contributiva

Nelle controversie relative a procedure di affidamento di lavori, servizi e forniture la produzione della certificazione attestante la regolarità della posizione contributiva dell’impresa (DURC) costituisce un requisito di partecipazione alla gara. Il giudice amministrativo può verificare la regolarità del DURC solo incidenter tantum e senza che occorra l’espressa impugnazione del DURC medesimo.

Leggi dopo

L’ordine di esame dei ricorsi, principale e incidentale, in materia di contratti pubblici dopo la sentenza della Corte di Giustizia del 5 aprile 2016 e i suoi effetti sulla reale efficacia delle gare di appalto

09 Maggio 2016 | di Maria Barbara Cavallo

Corte di giustizia UE

Rito speciale in materia di contratti pubblici

Con la decisione 5 aprile 2016, Puligienica, la Corte di Giustizia UE ha chiarito che l’impostazione del giudice nazionale sull’ordine di esame del ricorso principale e di quello incidentale, con le relative ricadute processuali, non può pregiudicare la primaria esigenza di tutela della concorrenza e della chance che ciascuna impresa ha di partecipare alle gare, anche quando l’esame di tutti i ricorsi, senza preclusioni legate a meccanismi processuali spesso complessi, al numero dei partecipanti e ai motivi di impugnazione, comporti la riedizione integrale della procedura.

Leggi dopo

Obblighi di assunzione a carico delle cooperative sociali

04 Maggio 2016 | di Claudio Silvestrini

Consiglio di Stato

Requisiti: Violazione delle norme a tutela dei disabili

Le cooperative sociali non sono esonerate dagli obblighi di assunzione ex l. n. 68 del 1999 e del d.P.R. n. 333 del 2000.

Leggi dopo

Sulla legittimità dell'estensione del contratto di appalto stipulato da una centrale di committenza ad aziende sanitarie regionali appartenenti ad altra Area Vasta

04 Maggio 2016 | di Giordana Strazza

Consiglio di Stato

Centrale di committenza

Non è condivisibile l'assunto che le centrali di committenza non possano estendere il contenuto del contratto di appalto, regolarmente aggiudicato a una concorrente all'esito della gara, a enti del loro stesso ordinamento settoriale (nel caso di specie, quello sanitario) facilmente individuabili a priori, sulla base di criteri oggettivi, precisi (nel caso di specie, in modo chiaro e inequivoco, «Enti e delle Aziende del Servizio Sanitario Regionale, con i quali l'ente ha stipulato apposita convenzione, che richiederanno l'adesione») ed entro limiti quantitativi ben determinati. L'estensione del contratto aggiudicato all'esito di regolare gara pubblica, infatti, è un fenomeno che non contraddice, in sé e automaticamente, le regole della concorrenza, che anzi evidentemente presuppone, ma costituisce, semmai, una deroga al principio di perfetta corrispondenza tra singola stazione appaltante e singola gara bandita

Leggi dopo

Requisiti dei raggruppamenti temporanei di progettisti e sulle vicende modificative soggettive in corso di gara

26 Aprile 2016 | di Viviana Di Iorio

Consiglio di Stato

Raggruppamento temporaneo di imprese

Il Consiglio di Stato fornisce importanti precisazioni sulla verifica dei requisiti dichiarati dai raggruppamenti temporanei di progettisti, sul controllo dei requisiti in capo all’aggiudicatario e sulle vicende modificative soggettive del concorrente in corso di gara.

Leggi dopo

Giurisdizione sulle controversie relative ai provvedimenti adottati dalle soa nei confronti delle aziende attestate

22 Aprile 2016 | di Andrea Trotta

TAR

Qualificazione per eseguire lavori pubblici

Il d.p.r. n. 207 del 2010 individua due momenti distinti nel procedimento di qualificazione delle imprese tenendo, da un lato, il rapporto che intercorre tra l’ANAC e le SOA e, dall’altro, quello tra le SOA e le imprese oggetto di qualificazione.

Leggi dopo

Il ricorso all'istituto all'avvalimento è generalizzato ma non è escluso che, a talune condizioni, esso possa essere limitato dalla Stazione appaltante

20 Aprile 2016 | di Massimo Nunziata

Corte giust. UE

Avvalimento

L'art. 48, paragrafi 2 e 3, direttiva 2004/18 deve essere interpretato nel senso che, tenuto conto dell'oggetto di un determinato appalto e delle finalità dello stesso, l'amministrazione aggiudicatrice può, in circostanze particolari, ai fini della corretta esecuzione dell'appalto, indicare espressamente nel bando di gara o nel capitolato d'oneri regole precise secondo cui un operatore economico può fare affidamento sulle capacità di altri soggetti, purché tali regole siano attinenti e proporzionate all'oggetto e alle finalità di detto appalto.

Leggi dopo

Il Consiglio di Stato sottopone alla Corte di Giustizia la disciplina dell'obbligo dichiarativo dell'assenza di condanne penali in capo agli amministratori cessati e del potere di valutazione delle condotte dissociative dell'impresa

20 Aprile 2016 | di Claudio Fanasca

Consiglio di Stato

Requisiti: Assenza di condanne penali

Il Consiglio di Stato rimette alla Corte di Giustizia dell'Unione Europea la questione pregiudiziale sulla compatibilità con l'art. 45, paragrafi 2, lett. c) e g), e 3, lett. a), direttiva 2004/18/CE e, in generale, con i principi di diritto eurounitario in materia di appalti pubblici.

Leggi dopo

Pagine