Giurisprudenza commentata

Giurisprudenza commentata

Sulla priorità della valutazione dell’anomalia dell’offerta rispetto alla riparametrazione dei punteggi

09 Febbraio 2017 | di Sonia Caldarelli

Consiglio di Stato

Offerte anomale

La disciplina della riparametrazione dei punteggi risponde alla finalità di garantire, in sede di concreta assegnazione dei punteggi, l’equilibrio previsto dalla lex specialis tra punteggio tecnico ed economico, e non a quella di far emergere situazioni di ipotetica anomalia dell’offerta. La precedenza della valutazione dell’anomalia dell’offerta alla riparametrazione, consente di ancorare le verifiche del superamento della soglia di sbarramento e di quella di anomalia al punteggio attribuito dalla commissione all’offerta tecnica e non al punteggio riparametrato, che è una conseguenza di un artifizio necessario per rendere comparabili i punteggi per la parte tecnica e per la parte economica.

Leggi dopo

La revoca dell'aggiudicazione definitiva per sopravvenuta mancanza di convenienza economica

26 Gennaio 2017 | di Paolo Del Vecchio, Filippo Borriello

TAR

Concessione di lavori

È legittima la revoca dell'aggiudicazione definitiva motivata con il venir meno della convenienza economica per l'amministrazione concedente a seguito del sopravvenuto abbassamento dei prezzi di mercato.

Leggi dopo

Sanabilità della carenza degli atti da allegare ad una proposta di finanza di progetto

25 Gennaio 2017 | di Adriana Presti

TAR

Finanza di progetto

Qualsiasi carenza degli atti da allegare a una proposta di finanza di progetto ex art. 183, comma 15 del d.lgs. 50 del 2016 deve ritenersi successivamente rimediabile, stante che la disposizione menzionata non prevede una gara con relative cause di esclusione ma la presentazione di una proposta da parte di un privato ad Amministrazione aggiudicatrice.

Leggi dopo

L'ambito applicativo dei chiarimenti resi dalla stazione appaltante: l'importanza del momento temporale

18 Gennaio 2017 | di Francesco Elefante

Consiglio di Stato

Bando di gara

Se è vero che le uniche fonti della disciplina di gara sono costituite dal bando, dal capitolato e dal disciplinare, con la conseguenza che i chiarimenti non possono valere a integrare o a modificare le regole ivi cristallizzate, è altrettanto vero che la precisazione del significato e della portata delle prescrizioni poco chiare, se intervenuta prima della presentazione delle offerte, non costituisce un'inedita alterazione delle regole di gara ma solo una sorta d'interpretazione autentica legittima delle clausole della lex specialis dal senso poco intellegibile.

Leggi dopo

Non sussiste la giurisdizione del g.a. nel caso di procedura selettiva posta in essere da una società privata sulla base di una scelta autonoma e libera

17 Gennaio 2017 | di Francesco Elefante

TAR

Rito speciale in materia di contratti pubblici

La giurisdizione del giudice amministrativo deve essere negata qualora la controversia investa la regolarità di una procedura selettiva posta in essere da una società privata sulla base di un'autonoma e libera scelta al fine di trovare collaborazione da parte di soggetti terzi, del pari privati, per l'espletamento della propria attività istituzionale, di indiscusso carattere privatistico.

Leggi dopo

Ambito operativo del nuovo rito “super speciale” in caso di cumulo di domande soggette a riti caratterizzati da un diverso grado di specialità

17 Gennaio 2017 | di Marco Martinelli, Raffaella De Rose

TAR

Rito speciale in materia di contratti pubblici

Se la successione temporale degli atti della procedura di gara pubblica lo consente, è ammissibile l'impugnativa congiunta ovvero con motivi aggiunti dei provvedimenti di ammissione e di aggiudicazione definitiva. In tal caso, vale a dire in presenza di domande di annullamento di provvedimenti afferenti la medesima materia “appalti”, assoggettate a riti caratterizzati da un diverso grado di specialità (commi 6 e 6-bis dell'art. 120 cod. proc. amm.), si applica all'intera controversia il rito disciplinato dal comma 6 e non quello “super speciale” introdotto dal successivo comma 6-bis.

Leggi dopo

Sul requisito della regolarità fiscale in caso di istanza di rateazione del debito tributario

16 Gennaio 2017 | di Giuseppe Andrea Primerano

Consiglio di Stato

Regolarità contributiva

Ai fini dell’integrazione del requisito della regolarità fiscale di cui all’art. 38, comma 1, lett. g), d.lgs. 12 aprile 2006, n. 163, non è sufficiente che, entro il termine di presentazione dell’offerta, il concorrente abbia presentato istanza di rateazione del debito tributario, bensì occorre che il relativo procedimento si sia concluso con un provvedimento favorevole. Nelle gare pubbliche, il principio del favor partecipationis deve essere rapportato al concomitante principio della par condicio e con l’ulteriore principio secondo cui le amministrazioni devono prioritariamente mirare all’obiettivo di negoziare con controparti sicuramente attendibili e finanziariamente solide, in tal modo riducendo il rischio di dispersione ingiustificata di risorse pubbliche.

Leggi dopo

La determinazione della soglia di anomalia nel nuovo Codice dei contratti pubblici

16 Gennaio 2017 | di Annalaura Leoni

TAR

Offerte anomale

Quando il criterio di aggiudicazione è quello del prezzo più basso, nella determinazione della soglia di anomalia in applicazione del metodo definito dall’art. 97, comma 2, lett. e), d.lgs. n. 50/2016, le offerte delle c.d. “ali” – ovvero il dieci per cento rispettivamente delle offerte di maggiore e di minore ribasso percentuale – devono essere escluse dal calcolo della media aritmetica dei ribassi percentuali di tutte le offerte ammesse ma non dalla determinazione dello scarto medio aritmetico dei ribassi percentuali che superano la predetta media, in quanto l’individuazione di tale scarto medio è finalizzata a correggere la media aritmetica calcolata, rendendola più vicina alla realtà delle offerte presentate, elevando la soglia di anomalia.

Leggi dopo

Il concordato preventivo con continuità aziendale: il nuovo codice conferma che non costituisce una causa di esclusione da una procedura ad evidenza pubblica

13 Gennaio 2017 | di Roberto Damonte

TAR

Requisiti: Assenza di procedure concorsuali

Non costituisce causa di esclusione ai sensi dell'art. 80, comma 5, lett. b) d.lgs. n. 50 del 2016 la circostanza che un operatore economico abbia, in un primo momento omesso di rendere le dichiarazioni di cui alla precitata lett. b) e, successivamente in sede di soccorso istruttorio, abbia dichiarato di non essere in una situazione di concordato preventivo senza ulteriormente precisare di non essere neppure in una situazione di concordato preventivo con continuità aziendale.

Leggi dopo

Il contenuto minimo del contratto di avvalimento dei requisiti di natura tecnica: inoperatività del soccorso istruttorio

11 Gennaio 2017 | di Roberto Damonte

TAR

Avvalimento

Qualora il bando ammetta alla procedura esclusivamente le imprese che abbiano prodotto negli anni precedenti un determinato fatturato attinente a rapporti identici o analoghi a quello in gara, la stazione appaltante richiede un requisito di natura tecnica e non finanziaria, con la conseguenza che l'avvalimento non può essere generico ma deve comportare il trasferimento dall'ausiliario all'ausiliato delle competenze tecniche acquisite con le precedenti esperienze.

Leggi dopo

Pagine