Giurisprudenza commentata

Giurisprudenza commentata

Sull’accertamento in via incidentale del g.a. circa la regolarità del DURC

17 Marzo 2017 | di Viviana Di Iorio

Consiglio di Stato

Regolarità contributiva

Rientra nella cognizione del giudice amministrativo, adito per la definizione di una controversia avente ad oggetto l’impugnazione di un provvedimento di esclusione da una procedura di evidenza pubblica, l’accertamento in via incidentale, ai sensi dell’art. 8 c.p.a., circa la regolarità del DURC, quale atto interno della fase procedimentale di verifica dei requisiti di ammissione dichiarati dal concorrente.

Leggi dopo

Finanza di progetto c.d. propositiva: il pubblico interesse della proposta non attribuisce alcuna aspettativa qualificata all'indizione della gara

10 Marzo 2017 | di Piergiorgio Novaro

Consiglio di Stato

Finanza di progetto

In tema di finanza di progetto c.d. propositiva, la dichiarazione di pubblico interesse della proposta presentata dal soggetto promotore non consente di configurare in capo a questo un diritto all’espletamento della conseguente gara per l’affidamento della concessione, bensì una mera aspettativa, condizionata dalla valutazione di esclusiva pertinenza dell’amministrazione in ordine all’opportunità di contrattare sulla base della medesima proposta. In ragione di ciò, qualora sia trascorso un ampio lasso di tempo dalla dichiarazione di pubblica utilità senza che l’amministrazione si sia determinata ad indire la gara, questa può del tutto legittimamente revocare detta dichiarazione e al promotore non spetta alcun indennizzo.

Leggi dopo

Il nuovo rito “super-speciale”: nessun dubbio di costituzionalità e compatibilità con la disciplina eurounitaria?

23 Febbraio 2017 | di Marco Martinelli, Raffaella De Rose

TAR CAMPANIA

Rito speciale in materia di contratti pubblici

È irricevibile il ricorso proposto avverso l’aggiudicazione nel quale si sollevano censure contro il provvedimento di ammissione dell’aggiudicatario che, come tali, avrebbero dovuto essere tempestivamente proposte entro il termine di cui all’art. 120, comma 2-bis c.p.a. Non può porsi una questione di costituzionalità e di compatibilità eurounitaria della disciplina che prevede l’onere di immediata impugnativa del provvedimento di ammissione in relazione alla piena conoscibilità dell’atto, stante la comunicazione dell’avvenuta ammissione riportante gli estremi della stessa.

Leggi dopo

Sul perimetro di applicazione della sanzione pecuniaria ex art. 38, comma 2-bis, d.lgs. n. 163 del 2006

22 Febbraio 2017 | di Paolo Provenzano

Consiglio di Stato

Soccorso istruttorio

L'art. 38, comma 2-bis, d.lgs. n. 163 del 2006 deve essere interpretato alla luce del sopravvenuto art. 83, comma 9, d.lgs. n. 50 del 2016, con la conseguenza che la sanzione pecuniaria ivi disciplinata è dovuta esclusivamente nel caso in cui il concorrente intenda integrare l'insufficiente documentazione presentata in sede di gara.

Leggi dopo

Sul principio di necessaria corrispondenza di formalità pubblicitarie tra bando e successive modifiche

20 Febbraio 2017 | di Filippo Lattanzi

Consiglio di Stato

Bando di gara

L’impugnativa del bando di gara deve essere proposta in ogni caso entro il termine di trenta giorni dalla piena conoscenza del suo contenuto lesivo, non essendo invocabile in senso contrario, quando sussista la prova di una previa effettiva contezza dell’indizione della gara acquisita aliunde, il più ampio termine decadenziale previsto dall’art. 120, comma 2, c.p.a. Le modifiche al bando, quando attengano ad elementi essenziali per la formulazione della domanda di partecipazione o dell’offerta, devono osservare le medesime forme di pubblicità utilizzate in concreto per il bando.

Leggi dopo

Unicità del centro decisionale: l’avvenuta alterazione del gioco concorrenziale non è oggetto di prova da parte della stazione appaltante

13 Febbraio 2017 | di Adriana Presti

Consiglio di Stato

Requisiti: Unicità del centro decisionale

Grava sulla P.A. il solo compito di individuare gli indici dell’esistenza di un unico centro decisionale e non anche il compito di provare in concreto l’avvenuta alterazione del gioco concorrenziale, ovvero il compito di indagare le ragioni di convenienza che possono aver indotto l’unitario centro di imputazione ad articolare offerte in parte diverse fra loro.

Leggi dopo

Sulla priorità della valutazione dell’anomalia dell’offerta rispetto alla riparametrazione dei punteggi

09 Febbraio 2017 | di Sonia Caldarelli

Consiglio di Stato

Offerte anomale

La disciplina della riparametrazione dei punteggi risponde alla finalità di garantire, in sede di concreta assegnazione dei punteggi, l’equilibrio previsto dalla lex specialis tra punteggio tecnico ed economico, e non a quella di far emergere situazioni di ipotetica anomalia dell’offerta. La precedenza della valutazione dell’anomalia dell’offerta alla riparametrazione, consente di ancorare le verifiche del superamento della soglia di sbarramento e di quella di anomalia al punteggio attribuito dalla commissione all’offerta tecnica e non al punteggio riparametrato, che è una conseguenza di un artifizio necessario per rendere comparabili i punteggi per la parte tecnica e per la parte economica.

Leggi dopo

La revoca dell'aggiudicazione definitiva per sopravvenuta mancanza di convenienza economica

26 Gennaio 2017 | di Paolo Del Vecchio, Filippo Borriello

TAR

Concessione di lavori

È legittima la revoca dell'aggiudicazione definitiva motivata con il venir meno della convenienza economica per l'amministrazione concedente a seguito del sopravvenuto abbassamento dei prezzi di mercato.

Leggi dopo

Sanabilità della carenza degli atti da allegare ad una proposta di finanza di progetto

25 Gennaio 2017 | di Adriana Presti

TAR

Finanza di progetto

Qualsiasi carenza degli atti da allegare a una proposta di finanza di progetto ex art. 183, comma 15 del d.lgs. 50 del 2016 deve ritenersi successivamente rimediabile, stante che la disposizione menzionata non prevede una gara con relative cause di esclusione ma la presentazione di una proposta da parte di un privato ad Amministrazione aggiudicatrice.

Leggi dopo

L'ambito applicativo dei chiarimenti resi dalla stazione appaltante: l'importanza del momento temporale

18 Gennaio 2017 | di Francesco Elefante

Consiglio di Stato

Bando di gara

Se è vero che le uniche fonti della disciplina di gara sono costituite dal bando, dal capitolato e dal disciplinare, con la conseguenza che i chiarimenti non possono valere a integrare o a modificare le regole ivi cristallizzate, è altrettanto vero che la precisazione del significato e della portata delle prescrizioni poco chiare, se intervenuta prima della presentazione delle offerte, non costituisce un'inedita alterazione delle regole di gara ma solo una sorta d'interpretazione autentica legittima delle clausole della lex specialis dal senso poco intellegibile.

Leggi dopo

Pagine