Giurisprudenza commentata

Giurisprudenza commentata su Bando di gara

Sul principio di necessaria corrispondenza di formalità pubblicitarie tra bando e successive modifiche

20 Febbraio 2017 | di Filippo Lattanzi

Consiglio di Stato

Bando di gara

L’impugnativa del bando di gara deve essere proposta in ogni caso entro il termine di trenta giorni dalla piena conoscenza del suo contenuto lesivo, non essendo invocabile in senso contrario, quando sussista la prova di una previa effettiva contezza dell’indizione della gara acquisita aliunde, il più ampio termine decadenziale previsto dall’art. 120, comma 2, c.p.a. Le modifiche al bando, quando attengano ad elementi essenziali per la formulazione della domanda di partecipazione o dell’offerta, devono osservare le medesime forme di pubblicità utilizzate in concreto per il bando.

Leggi dopo

L'ambito applicativo dei chiarimenti resi dalla stazione appaltante: l'importanza del momento temporale

18 Gennaio 2017 | di Francesco Elefante

Consiglio di Stato

Bando di gara

Se è vero che le uniche fonti della disciplina di gara sono costituite dal bando, dal capitolato e dal disciplinare, con la conseguenza che i chiarimenti non possono valere a integrare o a modificare le regole ivi cristallizzate, è altrettanto vero che la precisazione del significato e della portata delle prescrizioni poco chiare, se intervenuta prima della presentazione delle offerte, non costituisce un'inedita alterazione delle regole di gara ma solo una sorta d'interpretazione autentica legittima delle clausole della lex specialis dal senso poco intellegibile.

Leggi dopo