Giurisprudenza commentata

Giurisprudenza commentata

L'ambito applicativo dei chiarimenti resi dalla stazione appaltante: l'importanza del momento temporale

18 Gennaio 2017 | di Francesco Elefante

Consiglio di Stato

Bando di gara

Se è vero che le uniche fonti della disciplina di gara sono costituite dal bando, dal capitolato e dal disciplinare, con la conseguenza che i chiarimenti non possono valere a integrare o a modificare le regole ivi cristallizzate, è altrettanto vero che la precisazione del significato e della portata delle prescrizioni poco chiare, se intervenuta prima della presentazione delle offerte, non costituisce un'inedita alterazione delle regole di gara ma solo una sorta d'interpretazione autentica legittima delle clausole della lex specialis dal senso poco intellegibile.

Leggi dopo

Non sussiste la giurisdizione del g.a. nel caso di procedura selettiva posta in essere da una società privata sulla base di una scelta autonoma e libera

17 Gennaio 2017 | di Francesco Elefante

TAR

Rito speciale in materia di contratti pubblici

La giurisdizione del giudice amministrativo deve essere negata qualora la controversia investa la regolarità di una procedura selettiva posta in essere da una società privata sulla base di un'autonoma e libera scelta al fine di trovare collaborazione da parte di soggetti terzi, del pari privati, per l'espletamento della propria attività istituzionale, di indiscusso carattere privatistico.

Leggi dopo

Ambito operativo del nuovo rito “super speciale” in caso di cumulo di domande soggette a riti caratterizzati da un diverso grado di specialità

17 Gennaio 2017 | di Marco Martinelli, Raffaella De Rose

TAR

Rito speciale in materia di contratti pubblici

Se la successione temporale degli atti della procedura di gara pubblica lo consente, è ammissibile l'impugnativa congiunta ovvero con motivi aggiunti dei provvedimenti di ammissione e di aggiudicazione definitiva. In tal caso, vale a dire in presenza di domande di annullamento di provvedimenti afferenti la medesima materia “appalti”, assoggettate a riti caratterizzati da un diverso grado di specialità (commi 6 e 6-bis dell'art. 120 cod. proc. amm.), si applica all'intera controversia il rito disciplinato dal comma 6 e non quello “super speciale” introdotto dal successivo comma 6-bis.

Leggi dopo

Sul requisito della regolarità fiscale in caso di istanza di rateazione del debito tributario

16 Gennaio 2017 | di Giuseppe Andrea Primerano

Consiglio di Stato

Requisiti: Violazione degli obblighi contributivi

Ai fini dell’integrazione del requisito della regolarità fiscale di cui all’art. 38, comma 1, lett. g), d.lgs. 12 aprile 2006, n. 163, non è sufficiente che, entro il termine di presentazione dell’offerta, il concorrente abbia presentato istanza di rateazione del debito tributario, bensì occorre che il relativo procedimento si sia concluso con un provvedimento favorevole. Nelle gare pubbliche, il principio del favor partecipationis deve essere rapportato al concomitante principio della par condicio e con l’ulteriore principio secondo cui le amministrazioni devono prioritariamente mirare all’obiettivo di negoziare con controparti sicuramente attendibili e finanziariamente solide, in tal modo riducendo il rischio di dispersione ingiustificata di risorse pubbliche.

Leggi dopo

Pagine