Bussola

Revoca

Sommario

Inquadramento | Il potere di revoca ex art. 21-quinquies l. 9 agosto 1990, n. 241 s.m.i. | La revoca dei provvedimenti incidenti su rapporti negoziali (art. 21-quinquies, comma 1-bis) | L'esercizio dei poteri di autotutela nel settore dei contratti pubblici e la disciplina previgente (d.lgs n. 163 del 2006 s.m.i.): la revoca dell'aggiudicazione provvisoria e la revoca dell'aggiudicazione definitiva | Il nuovo codice dei contratti pubblici, la sostituzione della “proposta di aggiudicazione” e l'“aggiudicazione provvisoria”: i nuovi margini di esercizio del potere di autotutela | Revoca e recesso |

 

Le più recenti riforme hanno ridisegnato l'ambito di esercizio dei poteri di autotutela nel settore dei contratti pubblici, imponendo un coordinamento tra la l. n. 241 del 1990 s.m.i. e il nuovo Codice dei contratti pubblici (d.lgs n. 50 del 2016, cui è seguito il c.d. “correttivo”, d.lgs. n. 56 del 2017). Sotto la vigenza del precedente Codice dei contratti pubblici (d.lgs. n. 163 del 2006 s.m.i.), si sono poste diverse questioni in relazione all'uso del potere di autotutela sugli atti della procedura di gara. In particolare, si è discusso sulla possibilità di agire in autotutela sull'aggiudicazione provvisoria e definitiva e sul relativo onere motivazionale. Con la riscrittura integrale del Codice dei contratti pubblici e con la sostituzione della “proposta di aggiudicazione” all'“aggiudicazione provvisoria”, è stato ridisegnato l'ambito di esercizio dei poteri di autotutela.

Leggi dopo