Bussola

Requisiti: Omessa denuncia

Sommario

Inquadramento | La condizione positiva per l’applicazione della causa di esclusione | La condizione negativa per l’applicazione della causa di esclusione | Il profilo soggettivo | Il profilo oggettivo | Perplessità | Aspetti processuali | Casistica | Le novità introdotte dal d.lgs. 18 aprile 2016, n. 50 |

 

  L’art. 80, comma 5, lett. l), d.lgs. 18 aprile 2016, n. 50 dispone l’esclusione dalle procedure di gara dell’operatore economico che, essendo stato vittima dei reati di cui agli artt. 317 c.p. (concussione) e 629 c.p. (estorsione), aggravati dall’essere stati commessi avvalendosi delle condizioni previste dall’art. 416-bis c.p. ovvero al fine di agevolare l'attività delle associazioni previste dallo stesso art. 416-bis c.p., non ha denunciato i fatti all’autorità giudiziaria. La disposizione mira a scoraggiare la condotta omertosa delle vittime dei reati di concussione ed estorsione aggravati punendo la cd. “mancanza di coraggio”, ritenuta sintomatica dell’inaffidabilità dell’impresa. Le condizioni richieste per l’applicazione della suddetta causa di esclusione sono: che l’omessa denuncia risulti dalla richiesta di rinvio a giudizio formulata nei confronti del concussore o dell’estorsore «nell'anno antecedente alla pubblicazione del bando» di gara (condizione positiva) e che l’omessa denuncia non sia giustificata dalla sussistenza di una delle esimenti previste dall’art. 4, comma 1, l. 24 novembre 1981, n. 689 (condizione negativa). L’omessa denuncia (unitamente alle generalità del suo autore) è comunicata dal Procuratore della Repubblica procedente all’Autorità nazionale an...

Leggi dopo