Bussola

Procedure di affidamento degli appalti nei settori speciali

Sommario

Inquadramento | Le procedure di affidamento nelle Direttive del 2014 | Le procedure di affidamento nel d.lgs n. 50 del 2016 | (Segue). Dialogo competitivo e partenariato per l’innovazione nei settori speciali | La disciplina ante riforma. Procedura negoziata previa pubblicazione del bando | (Segue). Procedura negoziata senza previa indizione di gara | Accordo quadro |

 

  L'art. 44 della direttiva 25/2014/UE (in corso di recepimento, cfr. l. delega 28 gennaio 2016, n. 11) statuisce che «1. Nell'aggiudicazione di appalti di forniture, di lavori o di servizi, gli enti aggiudicatori applicano procedure adattate in modo da essere conformi alla presente direttiva, a condizione che, fatto salvo il disposto dell'art. 47, sia stato pubblicato un avviso di indizione di gara in conformità con la presente direttiva. 2. Gli Stati membri prevedono la possibilità per gli enti aggiudicatori di applicare procedure aperte, ristrette o negoziate precedute da indizione di gara, come disposto dalla presente direttiva. 3. Gli Stati membri prevedono la possibilità per gli enti aggiudicatori di applicare dialoghi competitivi e partenariati per l'innovazione come disposto dalla presente direttiva». Si tratta di una disposizione che si pone in linea con quanto già previsto nella precedente disciplina comunitaria, così come recepita nel d.lgs. 12 aprile 2006, n. 163 (di seguito c.c.p.) nel quale il principio della libertà di scelta della procedura è consacrato all'art. 220 ai sensi del quale «gli enti aggiudicatori possono affidare i lavori, le forniture o i servizi mediante procedure aperte, ristrette o negoziate ovvero mediante il dialogo competitivo», previa pubbli...

Leggi dopo

Esplora i contenuti più recenti su questo argomento