Bussola

Lettera d’invito

09 Gennaio 2017 |

Sommario

Inquadramento | Lettera e bando | Selezione dei soggetti da invitare | (Segue). La forcella | L'invio dell'invito | Mancato invito | Contenuto dell'invito | La lettera di invito a confermare interesse | Casistica: impugnazione della lettera di invito | (Segue). Casistica: illegittimità delle clausole della lettera di invito | (Segue). Casistica: legittimità delle cause di esclusione inserite nella lettera d'invito |

 

    Alcuni dei sistemi di affidamento dei contratti pubblici sono caratterizzati dalla presenza di un cd. subprocedimento di prequalifica. Quest'ultimo è volto alla scelta degli imprenditori che l'amministrazione aggiudicatrice, tra quelli mostratisi interessati, intende invitare alla (successiva) vera e propria gara. La lettera di invito è l'atto endoprocedimentale che conclude tale procedimento preselettivo (avviato con il bando o con l'avviso di indizione di una gara) e apre la fase di valutazione comparativa in senso stretto; essa, così concepita, viene in rilievo nel caso di procedure ristrette, dialogo competitivo e procedura negoziata previa pubblicazione del bando di gara (oggi, con l'entrata in vigore del nuovo codice dei contratti pubblici, denominata procedura competitiva con negoziazione). Con tale lettera, la stazione appaltante invita le imprese (selezionate tra quelle interessate che hanno presentato domanda, rispondendo al bando pubblicato) a presentare la loro migliore offerta, nel caso di procedura ristretta; a partecipare al dialogo, nel caso di dialogo competitivo; a negoziare (rectius, a presentare un'offerta iniziale che costituisce la base per la successiva negoziazione), nel caso di procedura competitiva con negoziazione. In verità, anche nell'ipotesi i...

Leggi dopo

Esplora i contenuti più recenti su questo argomento