Bussola

Impresa pubblica

19 Gennaio 2016 |

Sommario

Inquadramento | I requisiti dell’impresa pubblica e le differenze rispetto all’organismo di diritto pubblico (“o.d.p.”) | Applicazione dell’evidenza pubblica | Casistica. Società qualificabili come imprese pubbliche e riflessi processuali |

 

Le imprese pubbliche sono definite all’art. 3, comma 28, d.lgs. 12 aprile 2006, n. 163 come le imprese su cui le amministrazioni aggiudicatrici posso esercitare, direttamente o indirettamente, un’influenza dominante o perché ne sono proprietarie o in forza delle partecipazioni finanziarie detenute o in virtù delle norme che disciplinano dette imprese. La disposizione, anche per la parte in cui individua una serie di casi in cui l’influenza dominante è presunta, recepisce il disposto della direttiva 2004/17/CE, ripresa all’art. 4, par. 2, direttiva 2014/25/UE in corso di recepimento. La legge 28 gennaio 2016, n. 11, recante le deleghe al Governo per l’attuazione delle direttive 2014 nn. 23/UE, 24/UE e 25/UE, non contiene principi e criteri direttivi dedicati specificamente all’istituto in esame. La nozione di impresa pubblica nasce, a livello nazionale, nel secondo dopoguerra per descrivere un fenomeno di intervento diretto dei poteri pubblici nell’economia a mezzo del quale lo Stato e gli altri enti pubblici (regioni ed enti locali) assumono la veste di imprenditori, diventando essi stessi produttori di beni e servizi destinati al mercato e solo successivamente assume, in forza del diritto dell’Unione europea (già comunitario), il significato autonomo che oggi troviamo definit...

Leggi dopo