Bussola

Elenchi ufficiali dei fornitori e dei prestatori di servizi

31 Maggio 2016 |

Sommario

Inquadramento | Normativa comunitaria | Ambito oggettivo di applicazione | Ambito soggettivo di applicazione | L’istituzione dell’elenco e la certificazione | La presunzione di idoneità e i suoi limiti | Casistica |

 

    L’art. 90 d.lgs. 18 aprile 2016, n. 50 consente agli operatori economici di presentare alla stazione appaltante, per ogni appalto, un certificato d’iscrizione ad un elenco ufficiale di imprenditori, fornitori o prestatori di servizi, ovvero un certificato rilasciato da un organismo di certificazione accreditato ai sensi del regolamento (CE) n. 765/2008, al fine di dimostrare i requisiti che consentono l’iscrizione in tali elenchi o di ottenere il rilascio della certificazione, nonché la relativa classificazione. La disposizione si colloca in linea di continuità con la precedente facoltà di istituire elenchi ufficiali di fornitori o prestatori di servizi, comunemente denominati albi, già prevista dall’art. 45 d.lgs. 2 maggio 2006, n. 163, quale strumento di semplificazione procedurale a vantaggio dei soggetti che operano nel mercato delle forniture e dei servizi alle pubbliche amministrazioni, con i conseguenti benefici in termini di costi e tempi (ANAC, Comunicato del Presidente 25 settembre 2010). A differenza della precedente formulazione, tuttavia, il nuovo codice estende l’ambito di applicazione della disposizione in esame. In primo luogo, detta semplificazione procedurale avviene non più solo per mezzo della iscrizione in appositi elenchi ufficiali, in quanto tali det...

Leggi dopo