Bussola

Concessione di lavori

25 Gennaio 2016 |

Sommario

Inquadramento | Caratteristiche dell'istituto | Profili di disciplina | (Segue). Disciplina applicabile ed ambito di applicazione | (Segue). Criteri di qualificazione del rapporto negoziale | (Segue). Oggetto del contratto | (Segue). L'equilibrio economico finanziario | (Segue). La revisione delle condizioni di equilibrio economico-finanziario | (Segue). Le modalità di affidamento | (Segue). Gli appalti del concessionario | Riparto di giurisdizione | Casistica |

 

  La concessione di lavori pubblici è una delle modalità previste (accanto all'appalto di lavori e, oggi, ai contratti di locazione finanziaria e di disponibilità: art. 53, comma 1 e artt. 160-bis e 160-ter, d.lgs. 12 aprile 2006, n. 163) per la realizzazione di lavori pubblici: si tratta di un contratto con il quale l'operatore privato si impegna alla progettazione e alla realizzazione di un'opera pubblica o di pubblica utilità, avendone come corrispettivo, di regola, unicamente il diritto di gestire l'opera per un certo periodo di tempo (art. 3, comma 11, d.lgs. n. 163 del 2006). I tratti caratteristici dell'istituto ne riflettono la funzione: consentire all'Amministrazione di dotarsi delle infrastrutture necessarie al soddisfacimento dei bisogni della collettività finanziandone la realizzazione attraverso l'investimento di capitali del concessionario, le cui prestazioni non vengono remunerate con un corrispettivo in denaro ma con i ricavi che egli ritrae dalla successiva gestione dell'opera e dall'erogazione dei connessi servizi all'utenza. Requisito essenziale della concessione è il trasferimento del rischio (non solo di costruzione, ma anche) di gestione dell'opera in capo al concessionario, su cui grava l'alea di una conduzione non profittevole ed insufficiente alla cope...

Leggi dopo

Le Bussole correlate >