Bussola

Avvalimento

Sommario

Inquadramento | La previgente disciplina di cui alle Direttive 2004/CE e al D.Lgs. 163/2006 | La attuale disciplina di cui alla Direttive 2014/UE e al D.Lgs. 50/2016. | I requisiti di carattere economico, finanziario, tecnico, organizzativo | Orientamenti a confronto | Modalità operative dell'avvalimento | Il contratto di avvalimento | Avvalimento ad abundantiam | casistica | Evoluzione normativa: il nuovo Codice dei contratti pubblici ed successivo Correttivo |

 

Mediante l'avvalimento di cui all'articolo 89 del Codice l'impresa ausiliata ottiene dall'impresa ausiliaria la messa a disposizione dei requisiti di carattere economico finanziario e tecnico organizzativo richiesti per la partecipazione a una procedura di affidamento di un contratto di appalto o di concessione di lavori, servizi o forniture oppure per il conseguimento dell'attestazione di qualificazione, in cambio di un corrispettivo in danaro e/o di un'altra utilità di natura direttamente o indirettamente patrimoniale. L'avvalimento è il frutto dell'elaborazione della giurisprudenza comunitaria (CGCE, C-389/92; Ballast Nedam Groep I, C-5/97; Ballast Nedam Groep II, C-176/98, Holst Italia). La ratio dell'istituto è garantire la massima partecipazione alle gare pubbliche, consentendo alle imprese sprovviste dei requisiti partecipativi di giovarsi delle capacità tecniche ed economiche di altri operatori. L'istituto è finalizzato a conseguire l'apertura degli appalti pubblici alla concorrenza nella misura più ampia possibile, consentendo che una impresa possa comprovare il possesso dei requisiti economici, finanziari, tecnici e organizzativi per la partecipazione a una gara, facendo riferimento alla capacità di altro soggetto che assume contrattualmente con la stessa una respons...

Leggi dopo