Bussola

Arbitrato

27 Gennaio 2017 |

Sommario

Inquadramento | Le controversie arbitrabili | L’autorizzazione all’arbitrato | La camera arbitrale per i contratti pubblici | La procedura arbitrale | Impugnazione ed esecuzione dei lodi arbitrali |

 

    La risoluzione delle controversie relative alla esecuzione dei contratti pubblici, laddove queste riguardino “diritti soggettivi”, può essere deferita a un collegio arbitrale, secondo le disposizioni di cui agli articoli 209 e 210 d.lgs. 18 aprile 2016, n. 50 (“nuovo codice”). Il bando o l'avviso con cui si indice la gara ovvero, per le procedure senza bando, l'invito, indicano se il contratto conterrà o meno la clausola compromissoria. L'inserimento della clausola compromissoria avviene, necessariamente e a pena di nullità, previa autorizzazione motivata dell'organo di governo dell'amministrazione aggiudicatrice. Tutti gli arbitrati nella materia dei contratti pubblici sono “amministrati” dalla Camera arbitrale per i contratti pubblici istituita presso l'ANAC. Questa, tra l'altro, nomina il collegio arbitrale composto di tre membri, tra cui i due arbitri designati dalle parti e il presidente designato dalla stessa Camera arbitrale. La procedura arbitrale è regolamentata dalle “comuni” disposizioni del codice di procedura civile in tema di arbitrato, con poche eccezioni. La Camera arbitrale provvede alla nomina del consulente quando viene disposto l'espletamento di una consulenza tecnica da parte del collegio arbitrale, nonché alla liquidazione dei compensi spettanti agli ...

Leggi dopo