News

La Stazione Appaltante, se non ritiene conveniente l'offerta dell'unica impresa rimasta in gara, può decidere di annullarla

 

È legittimo il provvedimento con cui la Stazione Appaltante decide, a seguito dell'esclusione dalla gara dell'impresa aggiudicataria e di valutazione di inidoneità dell'offerta di altra impresa (che segue in graduatoria), di annullare la gara e non assegnare l'appalto all'unica impresa rimasta, ove giudichi non conveniente l'offerta dalla stessa presentata, esercitando così il potere riconosciuto dall'art. 81, comma 3, del D.lgs. n. 163/2006 (ora art. 95, comma 12, del D.lgs. n. 50/2016) circa la valutazione di convenienza dell'offerta.

Leggi dopo