News

La mancata sottoscrizione da parte del concorrente “ausiliato” del contratto di avvalimento comporta l’inesistenza di quest’ultimo

29 Giugno 2016 |

TAR

Avvalimento
 

Si versa in una violazione dell’art. 49 del d.lgs. n. 163 del 2006, qualora un’impresa concorrente, pur avendo dichiarato di servirsi dell’istituto dell’avvalimento, al fine di sopperire alla mancanza di uno dei requisiti richiesti per la gara di cui è causa, abbia corredato la propria offerta di un contratto di avvalimento sottoscritto unicamente dall’impresa ausiliaria, chiamata a fornire il requisito mancante alla concorrente, e non anche dalla stessa concorrente. Ciò in quanto uno degli elementi necessari al fine di potere beneficiare, in una gara pubblica, dell’istituto dell’avvalimento è proprio la stipula del contratto "in virtù del quale l'impresa ausiliaria si obbliga nei confronti del concorrente a fornire i requisiti e a mettere a disposizione le risorse necessarie per tutta la durata dell'appalto”, come espressamente richiesto dal punto f) del comma 2 dell’art. 49.

Leggi dopo