News

I limiti della rimodulazione dell’offerta in sede di verifica dell’anomalia

15 Dicembre 2017 |

Consiglio di Stato

Offerte anomale
 

Nella fase di verifica dell’anomalia non è ammissibile consentire un’indiscriminata e arbitraria modifica postuma della composizione dell’offerta economica, con il solo limite del rispetto del saldo complessivo, né tantomeno trasformare le giustificazioni in un’occasione per una libera rimodulazione delle voci di offerta, tale da determinare non solo una lesione delle esigenze di stabilità e affidabilità dell’offerta, ma anche una violazione della par condicio tra i concorrenti.

Leggi dopo