News

In attesa dell’Adunanza Plenaria il TAR Lazio sostiene il revirement sull’onere di immediata impugnazione del bando di gara

 

Il TAR del Lazio, accogliendo la tesi prospettata dall’ordinanza del Consiglio di Stato sez. III, n. 5138/2017 (che ha sollecitato un completo revirement dell’orientamento affermato dall’Adunanza Plenaria n. 1/2003), ha affermato la sussistenza dell’onere di immediata impugnazione delle clausole del bando impeditive del “confronto concorrenziale” e ha dichiarato pertanto inammissibili le censure proposte al momento dell’esclusione dalla gara al solo fine di ottenere la ripetizione della procedura. Il Collegio ha dichiarato inoltre inammissibili i motivi proposti in via autonoma contro l’esclusione dalla gara in ragione della mancanza di un provvedimento di esclusione “formale" e stante la mancata dimostrazione che la "ricorrente fosse presente alla seduta del Seggio ed abbia in tale veste avuto contezza certa delle ragioni della propria esclusione”.

Leggi dopo