Focus

Sulla portata dell'onere dichiarativo dei precedenti illeciti professionali commessi dall'operatore economico. Parola all'adunanza plenaria

Sommario

Premessa | La cornice normativa | Quadro giurisprudenziale | Segue: l'onere dichiarativo degli illeciti antitrust | Segue: la rilevanza dell'iscrizione nel casellario ANAC. | Segue: l'onere dichiarativo di illeciti “sub iudice” | Segue: l'onere dichiarativo di precedenti penali | Segue: la distinzione tra falsa, reticente e omessa dichiarazione | Segue: il decorso del tempo | Segue: la valutazione della responsabilità del dichiarante | Sull'ampiezza dell'onere dichiarativo dell'operatore economico. Possibili aspetti critici | Segue: i limiti di operatività dell'onere dichiarativo | Segue: il limite temporale dell'onere dichiarativo | Segue: l'onere dichiarativo di ulteriori fattispecie (il casellario ANAC e gli illeciti non definitivamente accertati) | Segue: la mancata dichiarazione del precedente penale estinto | Segue: la reale portata dell'art. 80, comma 5, lettera f-bis) del Codice | Segue: l'omessa dichiarazione di fatti astrattamente da dichiarare | Segue: l'omessa dichiarazione di precedenti penali | Segue: l'opportunità del soccorso istruttorio in caso di dichiarazioni incomplete | Considerazioni conclusive |

 

Nella materia dei contratti pubblici particolarmente delicato è il tema dei requisiti tesi a verificare ed assicurare l'affidabilità complessivamente considerata dei soggetti con i quali l'Amministrazione intende giungere alla conclusione del contratto.

Leggi dopo