Autorità e prassi

Chiarimenti sull’iscrizione all’Albo dei componenti delle commissioni giudicatrici

 

Con comunicato del Presidente del 22 marzo 2017 l’ANAC ha fornito dei chiarimenti in merito alla disciplina transitoria per la scelta dei componenti delle commissioni giudicatrici, a seguito delle numerose richieste di iscrizione all’Albo ricevute dall’Autorità ai sensi dell’art. 78 d.lgs. 18 aprile 2016, n. 50.

Il suddetto art. 78, comma 1, prescrive l’istituzione presso l’ANAC dell’Albo nazionale obbligatorio dei componenti delle commissioni giudicatrici nelle procedure di affidamento dei contratti pubblici, gestito e aggiornato dall’Autorità secondo criteri individuati con apposite determinazioni.

Tali determinazioni sono state adottate con le Linee guida n. 5/2016, pubblicate sulla Gazzetta Ufficiale del 03 dicembre 2016, n. 283, con cui l’Autorità ha individuato i criteri di scelta dei commissari di gara e le modalità di iscrizione degli esperti nell’Albo, rimandandone tuttavia l’entrata in vigore all’adozione di un apposito Regolamento ANAC teso a disciplinare le procedure informatiche per garantire la casualità della scelta, la corrispondenza delle professionalità richieste, la rotazione degli esperti, nonché le modalità di comunicazione tra l’Autorità, le stazioni appaltanti e i commissari di gara, stabilendo altresì i termini del periodo transitorio da cui scatta l’obbligo del ricorso all’Albo.

Il comunicato dà atto che il predetto Regolamento non è stato ad oggi ancora adottato, stante il procedimento legislativo di correzione dell’istituto, per cui fino all'adozione della disciplina in materia di iscrizione all'Albo si applicherà il regime transitorio previsto dagli artt. 77, comma 12, e 216, comma 12, d.lgs. n. 50 del 2016, ai sensi dei quali la commissione continua ad essere nominata dall'organo della stazione appaltante competente ad effettuare la scelta del soggetto affidatario del contratto, secondo regole di competenza e trasparenza preventivamente individuate da ciascuna stazione appaltante.

Leggi dopo