Homepage

Quesiti Operativi Quesiti Operativi

Principio (e deroga) della suddivisione in lotti

01 Giugno 2020 | di Giorgia Mento

Suddivisione in lotti

Quali sono le regole per derogare al principio di suddivisione in lotti?

Leggi dopo
Contrasti giurisprudenziali Contrasti giurisprudenziali

All'Adunanza Plenaria il compito di determinare l'operatività degli obblighi dichiarativi nell'ambito delle cause di esclusione di cui all'art. 80

29 Maggio 2020 | di Schneider Roberto

Requisiti: Falsa dichiarazione e falsa documentazione

All'Adunanza Plenaria il compito di determinare l'operatività degli obblighi dichiarativi nell'ambito delle cause di esclusione di cui all'art. 80, co. 5, lett. c) e f-bis) Codice dei contratti, con particolare riguardo alla portata delle dichiarazioni omesse, incomplete o reticenti.

Leggi dopo
News News

L'obbligo di motivare le ragioni del mancato ricorso al mercato in caso di affidamento in house non è costituzionalmente illegittimo

29 Maggio 2020 | di Benedetta Barmann

Corte costituzionale

Affidamento in house

Non è in contrasto con l'art. 76 Cost. e, in particolare, con i criteri previsti dall'art. 1 comma 1, lettere a) ed eee), della legge delega n. 11 del 2016 l'obbligo di motivazione sulle ragioni del mancato ricorso al mercato imposto dall'art. 192, comma 2, del Codice dei contratti pubblici, che risponde agli interessi costituzionalmente tutelati della trasparenza amministrativa e della tutela della concorrenza.

Leggi dopo
La Bussola LA BUSSOLA

Affidamento in house

29 Maggio 2020 | di Antonio Lirosi, Chiara Bassolino

L'in house è un istituto di derivazione comunitaria delineato dalla giurisprudenza quale deroga al sistema dell'evidenza pubblica. Nell'ambito dell'in house l'affidamento dell'appalto o della concessione avviene tra un'amministrazione aggiudicatrice e un soggetto da essa formalmente distinto, in quanto dotato di personalità giuridica autonoma, che è stato però appositamente istituito per effettuare le prestazioni in favore della prima.

Leggi dopo
Casi e sentenze Casi e sentenze

Sulla facoltà della stazione appaltante di non procedere all’aggiudicazione della gara

29 Maggio 2020 | TAR | di Redazione Scientifica

Tar Toscana

Fasi delle procedure di affidamento

Il potere discrezionale della stazione appaltante di non aggiudicare la procedura di gara, è pacificamente ammesso dalla giurisprudenza con l’essenziale contrappeso...

Leggi dopo
Casi e sentenze Casi e sentenze

Procedura ristretta: quali dati deve contenere l’avviso di indizione di gara?

29 Maggio 2020 | TAR | di Redazione Scientifica

Tar Lazio

Procedura ristretta

L’art.61 del d.lgs. n.50/2016, ai fini della legittimità della fase di pre-qualifica della procedura ristretta, si limita a stabilire che l’Amministrazione renda noto un “avviso di indizione di gara...

Leggi dopo
La Bussola LA BUSSOLA

Requisiti: Falsa dichiarazione e falsa documentazione

28 Maggio 2020 | di Francesco Pignatiello

Il tema della presentazione di false dichiarazioni o di falsa documentazione nell’ambito di una procedura ad evidenza pubblica rileva sotto due profili.

Leggi dopo
La Bussola LA BUSSOLA

Raggruppamento temporaneo di imprese

28 Maggio 2020 | di Martina Sinisi

Il raggruppamento temporaneo di imprese, previsto nel vecchio codice dei contratti pubblici agli artt. 37 e 34, comma 1, lett. d), d.lgs. 12 aprile 2006, n. 163 s.m.i. costituisce attualmente oggetto dell'art. 48 del d.lgs 18 aprile 2016, n. 50 recante il nuovo Codice dei contratti, entrato in vigore il 19 aprile 2016, che ha recepito, per effetto della legge delega n. 11 del 28 gennaio 2016, il contenuto degli artt. 63 e 19, comma 2, delladirettiva 2014/24/UE .

Leggi dopo
La Bussola LA BUSSOLA

Regolarità contributiva

28 Maggio 2020 | di Massimo Nunziata

La regolarità contributiva rientra fra i requisiti cd. di ordine generale che devono inderogabilmente fare capo ai soggetti che intendono instaurare un rapporto contrattuale con la pubblica amministrazione.

Leggi dopo
La Bussola LA BUSSOLA

Tassatività delle cause di esclusione

28 Maggio 2020 | di Ester Santoro

L’art. 4, comma 2, n. 2, lett. d), d.l. 13 maggio 2011, n. 70 (noto come “decreto sviluppo”), convertito con modificazioni nella l. 12 luglio 2011, n. 106, ha apportato due significative modifiche all’art. 46 c.c.p.: da un lato, ha riformulato la rubrica della citata disposizione con l’espressa menzione del principio di tassatività delle cause di esclusione; dall’altro, ha inserito il comma 1-bis, che, nell’ottica di ridurre il contenzioso, limita il potere delle stazione appaltanti di escludere i concorrenti per inadempimenti di carattere formale, legittimando l’esclusione al verificarsi di determinati presupposti, riconducibili a due gruppi di ipotesi.

Leggi dopo

Pagine