Homepage

News News

Il mancato invito dell’affidatario uscente è legittimo in virtù del principio di rotazione

15 Dicembre 2017 | di Claudio Fanasca

Consiglio di Stato

Servizi (appalto pubblico di)

Il c.d. “principio di rotazione”, di cui all’art. 36, comma 1, d.lgs. n. 50 del 2016, comporta in linea generale che l’invito all’affidatario uscente di un servizio pubblico sotto soglia riveste carattere eccezionale e deve essere adeguatamente motivato, avuto riguardo al numero ridotto di operatori presenti sul mercato, al grado di soddisfazione maturato a conclusione del precedente rapporto contrattuale ovvero all’oggetto e alle caratteristiche del mercato di riferimento.

Leggi dopo
News News

I limiti della rimodulazione dell’offerta in sede di verifica dell’anomalia

15 Dicembre 2017 | di Claudio Fanasca

Consiglio di Stato

Offerte anomale

Nella fase di verifica dell’anomalia non è ammissibile consentire un’indiscriminata e arbitraria modifica postuma della composizione dell’offerta economica, con il solo limite del rispetto del saldo complessivo, né tantomeno trasformare le giustificazioni in un’occasione per una libera rimodulazione delle voci di offerta, tale da determinare non solo una lesione delle esigenze di stabilità e affidabilità dell’offerta, ma anche una violazione della par condicio tra i concorrenti.

Leggi dopo
La Bussola LA BUSSOLA

Procedura aperta

15 Dicembre 2017 | di Romina Raponi, Giuseppe Immordino

La procedura aperta è attualmente disciplinata dall'art. 60 del nuovo “Codice dei contratti pubblici” (d.lgs. 18 aprile 2016 n. 50), approvato dal CdM il 15 aprile 2016 e pubblicato in G.U. il 19 aprile. Tale nuova disciplina, che ha sostanzialmente confermato quella prevista dall'art. 55 d. lgs. n. 163 del 2006 s.m.i. (recante la precedente versione del Codice), troverà applicazione alle procedure selettive formalmente avviate (mediante pubblicazione del bando o dell'avviso o mediante invio delle lettere d'invito) successivamente alla sua entrata in vigore, in base al disposto dell'art. 216, d.lgs. n. 50 del 2016).

Leggi dopo
Casi e sentenze Casi e sentenze

Il principio della decorrenza del termine di impugnazione dalla conoscenza completa dell’atto si applica anche nel cd. rito "super-speciale"

14 Dicembre 2017 | Consiglio di Stato | di Redazione Scientifica

Rito speciale in materia di contratti pubblici

In ordine alla disciplina del c.d. rito "super-speciale", di cui al comma 2 bis dell'art. 120 c.p.a. deve escludersi che...

Leggi dopo
Casi e sentenze Casi e sentenze

Per le gare di lavori, servizi e forniture negli appalti cd. “sotto soglia” sussiste l’obbligatorietà del principio di rotazione

14 Dicembre 2017 | Consiglio di Stato | di Redazione Scientifica

Consiglio di Stato

Servizi e forniture sotto soglia

La sentenza ribadisce l’obbligatorietà del principio di rotazione...

Leggi dopo
Casi e sentenze Casi e sentenze

Declaratoria di inefficacia parziale del contratto e risarcimento per equivalente per la parte residua dell’appalto già eseguita

14 Dicembre 2017 | Consiglio di Stato | di Redazione Scientifica

Consiglio di Stato

Inefficacia del contratto

Ai sensi dell’art. 122 c.p.a., quando non si verte in uno dei casi indicati dall'articolo...

Leggi dopo
Casi e sentenze Casi e sentenze

In sede di giustificativi vige divieto di radicale modificazione dell’offerta

14 Dicembre 2017 | Consiglio di Stato | di Redazione Scientifica

Consiglio di Stato

Offerte anomale

Pur se il giudizio sull’anomalia postula un apprezzamento globale e sintetico sull’affidabilità dell'offerta...

Leggi dopo
News News

Rapporto tra ricorso principale e ricorso incidentale escludente dopo la sentenza Puligienica

14 Dicembre 2017 | di Giordana Strazza

Rito speciale in materia di contratti pubblici

Il Consiglio di Stato ha ribadito che, a fronte della proposizione di un ricorso incidentale “escludente”, l’esame del ricorso principale è doverosa, a prescindere dal numero delle imprese che hanno partecipato alla gara, quando l’accoglimento di quest’ultimo produce, come effetto conformativo, un vantaggio, anche mediato e strumentale, per il ricorrente principale, tale dovendosi intendere anche quello al successivo riesame, in via di autotutela, delle offerte affette dal medesimo vizio riscontrato con la sentenza di accoglimento. Di contro, è compatibile con il diritto europeo sull’effettività della tutela una regola nazionale che impedisce l’esame del ricorso principale nelle ipotesi in cui, dal relativo accoglimento, il ricorrente principale non ricavi, con assoluta certezza, alcuna utilità, neanche in via mediata e strumentale.

Leggi dopo
News News

Mancata pubblicazione dell’atto di ammissione sulla piattaforma telematica: da quando decorre il termine per impugnare?

14 Dicembre 2017 | di Giordana Strazza

Rito speciale in materia di contratti pubblici

Il Consiglio di Stato ha evidenziato che il nuovo comma 2-bis dell’art. 120 c.p.a. non ha apportato una deroga all’art. 41, comma 2, c.p.a. e al principio generale della decorrenza del termine di impugnazione dalla conoscenza completa dell’atto. Di conseguenza, la piena conoscenza dell’atto di ammissione della controinteressata, acquisita prima o in assenza della sua pubblicazione sul profilo telematico della stazione appaltante, di cui all’art. 29, comma 1, d.lgs. n. 50 del 2016, può provenire da qualsiasi fonte e determina la decorrenza del termine decadenziale per la proposizione del ricorso.

Leggi dopo
Autorità e prassi Autorità e prassi

ANAC: approvato il "bando-tipo" n. 1 (per l’affidamento di servizi e forniture nei settori ordinari, di importo pari o sovra soglia, aggiudicati con l’OEPV)

13 Dicembre 2017 | ANAC | di Redazione Scientifica

BANDO TIPO 1-2017 Schema di disciplinare per servizi e forniture.pdf

Bando di gara

L’ANAC ha approvato il "bando tipo n. 1” recante lo schema del disciplinare per l’affidamento di servizi e forniture nei settori ordinari, di importo pari o superiore alla soglia comunitaria, aggiudicati all’offerta economicamente più vantaggiosa secondo il miglior rapporto qualità/prezzo

Leggi dopo

Pagine