Homepage

La Bussola LA BUSSOLA

Soglie

14 Agosto 2019 | di Aristide Police, Andrea Daidone

La disciplina europea sulle procedure di affidamento dei contratti pubblici, dettata prima dalle direttive nn. 17/2004 e18/2004 e ora dalle direttive nn. 24/2014 e 25/2014, ha tradizionalmente circoscritto il proprio ambito di applicazione ai contratti che, superando un certo valore economico, hanno una rilevanza anche fuori dai confini dei singoli Stati membri. Tale limite, come noto, è indicato dalle soglie ed è stato recepito dal legislatore nazionale, tra gli altri, dapprima agli artt. 28 (per i settori ordinari) e 215 (per i settori speciali) del d.lgs. 12 aprile 2006, n. 163 e, successivamente, dagli artt. 35 (per i settori ordinari) e 114 (per i settori speciali) del d.lgs. 18 aprile 2016, n. 50. Le soglie, in sostanza, costituiscono il metro per misurare la “rilevanza comunitaria” (o meno) dei contratti pubblici e, quindi, si impongono per delimitare con precisione l'ambito oggettivo di applicazione di quella – cospicua – parte delle disposizioni del Codice che ha chiara matrice sovranazionale.

Leggi dopo
Quesiti Operativi Quesiti Operativi

È legittimo escludere da una procedura di gara l'operatore economico che ha omesso di dichiarare l'esistenza di condanne penali afferenti a reati dichiarati estinti?

13 Agosto 2019 | di Benedetta Valcastelli

Tassatività delle cause di esclusione

È legittimo escludere da una procedura di gara l'operatore economico che ha omesso di dichiarare l'esistenza di condanne penali afferenti a reati dichiarati estinti?

Leggi dopo
News News

Legittimità della procedura Sintel non svolta interamente in via telematica

12 Agosto 2019 | di Davide Cicu

TAR Lombardia

Asta elettronica

Sono legittimi i provvedimenti di aggiudicazione di una gara d’appalto – con ben 65 lotti – indetta con modalità telematica, ma svolta solo parzialmente in tale forma. L’azione materiale della Commissione, concretizzatasi al di fuori del portale telematico, non ha infatti palesato alcun vizio di illegittimità degli atti amministrativi e non sono stati violati i principi generali di efficienza, efficacia e di economicità dell’incedere pubblicistico.

Leggi dopo
News News

Pendenza di indagini penali può costituire presupposto per revocare la procedura di gara non ancora giunta alla fase di aggiudicazione definitiva

08 Agosto 2019 | di Claudio Fanasca

TAR Lazio

Fasi delle procedure di affidamento

L'amministrazione può revocare la procedura di gara, non ancora giunta alla fase di aggiudicazione definitiva, allorché notizie di stampa in ordine alla pendenza di indagini penali la inducano a riesaminare i presupposti della gara stessa, per garantire migliori profili organizzativi del servizio. In tal senso, del resto, l'apprezzamento delle condizioni e delle ragioni di non portare a compimento una procedura di gara pervenuta ad una fase ancora precaria integrano valutazioni di merito amministrativo che, laddove formanti oggetto di una adeguata esposizione in motivazione, non possono essere sindacate sul piano dell'assetto degli interessi.

Leggi dopo
News News

La quantificazione del danno conseguente all’illegittima sottrazione di un affidamento al confronto concorrenziale

07 Agosto 2019 | di Roberto Fusco

Consiglio di Stato

Risarcimento del danno

La quantificazione dei danni patiti dall’operatore economico a causa del mancato espletamento di una procedura concorrenziale per l’affidamento di un servizio va liquidata in via equitativa e in percentuale rispetto all’importo erogato dall’amministrazione per il servizio affidato senza gara, qualora sia impossibile effettuare una valutazione prognostica sull’esito del confronto competitivo che si sarebbe dovuto svolgere.

Leggi dopo
News News

Il prezzo “pari a zero” indicato per una voce dell’offerta economica non equivale a gratuità dell’offerta

06 Agosto 2019 | di Roberto Fusco

TAR Lazio

Procedura aperta

L’offerta economica all’interno della quale vi siano alcune voci prive di valore economico non deve essere esclusa per contrasto con il disciplinare di gara secondo il quale non sono ammesse offerte economiche con valore “pari a zero”, poiché tale divieto deve essere riferito all’offerta economica nel suo complesso e non solo ad alcune voci della stessa.

Leggi dopo
News News

Omessa indicazione dei costi della manodopera: eccezionalità del soccorso istruttorio

05 Agosto 2019 | di Claudio Fanasca

TAR Piemonte

Soccorso istruttorio

Le ipotesi in cui, in deroga alla regola generale che riconnette alla mancata indicazione dei costi della manodopera la sanzione espulsiva, sia consentito sanare l'omissione con il soccorso istruttorio, costituiscono eccezioni alla regola generale e, pertanto, devono intendersi di stretta interpretazione. In particolare, l'impossibilità di rendere tale indicazione deve risultare oggettiva e non superabile con la peculiare diligenza richiesta ai partecipanti ad una procedura di gara, per definizione forniti di esperienza e competenze tecniche particolarmente elevate.

Leggi dopo
News News

Non può essere disposta l’esclusione dalla gara per la violazione di obblighi non espressamente indicati dalla “lex specialis” o dal diritto nazionale

02 Agosto 2019 | di Simone Francario

TAR Lazio

Tassatività delle cause di esclusione

In applicazione del principio di parità di trattamento e dell'obbligo di trasparenza, il mancato rispetto di obblighi che non risultano espressamente dai documenti di gara o dal diritto nazionale vigente non costituisce causa di esclusione dell’operatore economico dalla procedura di evidenza pubblica.

Leggi dopo
Casi e sentenze Casi e sentenze

Presupposti ex art. 140 vecchio codice e possibilità per la S.A., prima di indire una nuova gara, di affidare il servizio ad altro operatore economico

01 Agosto 2019 | TAR | di Redazione Scientifica

TAR Lazio

Risoluzione del contratto

È ragionevole che, in presenza dei presupposti di cui all’art. 140 del d.lgs. n. 163/2006 (concernente le procedure di affidamento in caso di fallimento dell'esecutore o risoluzione del contratto)...

Leggi dopo
Casi e sentenze Casi e sentenze

Conflitto d’interessi: quando è provato rapporto privatistico e comunanza d’interessi imprenditoriali tra funzionario e impresa

01 Agosto 2019 | TAR | di Redazione Scientifica

TAR Lazio

Conflitto di interesse

Laddove sia comprovato il rapporto “privatistico” e la comunanza di interessi imprenditoriali che legano, sia pure di fatto, il funzionario pubblico, titolare di una rilevante posizione in merito alla...

Leggi dopo

Pagine