Homepage

Casi e sentenze Casi e sentenze

Le attività prive di nesso con le attività “speciali” sono escluse dall’ambito applicativo della disciplina dei settori speciali

24 Giugno 2019 | TAR | di Redazione Scientifica

TAR Lazio

Settori ordinari e settori speciali

Un’attività priva del nesso con le attività “speciali” indicate dalla legge è da considerare “esclusa...

Leggi dopo
Casi e sentenze Casi e sentenze

Profili e limiti del sindacato giurisdizionale sulla scelta della P.A. di non suddividere l’appalto in lotti

24 Giugno 2019 | TAR | di Redazione Scientifica

TAR Lazio

Rito speciale in materia di contratti pubblici

La scelta di non suddividere l’appalto in lotti è espressione di una valutazione discrezionale sindacabile in sede giurisdizionale solo sotto il profilo della...

Leggi dopo
Casi e sentenze Casi e sentenze

Non può essere acquisita mediante soccorso istruttorio la dichiarazione di impegno dell’ausiliaria essendo atto essenziale dell’avvalimento

24 Giugno 2019 | TAR | di Redazione Scientifica

TAR Lazio

Soccorso istruttorio

La dichiarazione d’impegno dell’ausiliaria è un atto essenziale, ai fini dell’operatività dell’istituto dell’avvalimento, in quanto costituisce lo strumento attraverso il quale l’ausiliaria assume un...

Leggi dopo
Casi e sentenze Casi e sentenze

La S.A., anche nel caso di offerta non anomala, deve verificare corrispondenza del costo del lavoro alle tabelle ministeriali e l’eventuale scostamento

24 Giugno 2019 | TAR | di Redazione Scientifica

TAR Lazio

Offerte anomale

L’art. 95 comma 10, d.lgs. n. 50/16 impone alla Stazione Appaltante di verificare sempre (e, quindi...

Leggi dopo
Casi e sentenze Casi e sentenze

Iscrizione al registro imprese o albo delle imprese artigiane, comprovante la classificazione in fascia non inferiore ad L, può essere oggetto di avvalimento

24 Giugno 2019 | TAR | di Redazione Scientifica

TAR Lazio

Avvalimento

L’iscrizione al registro delle imprese o all’albo delle imprese artigiane di cui alla l. n. 82/94 e al d.m. 274/97, comprovante la classificazione in una fascia non inferiore ad “L” (del valore di oltre...

Leggi dopo
Casi e sentenze Casi e sentenze

La sentenza approfondisce l’istituto del DURC c.d. in compensazione

24 Giugno 2019 | Consiglio di Stato | di Redazione Scientifica

Consiglio di Stato

Regolarità contributiva

In materia di cd. DURC in compensazione, in base alle disposizioni normative ed amministrative vigenti (art. 13–bis, comma 5, d.l. 7 maggio 2012, n. 52 conv. in l. 6 luglio 2012, n. 94; art. 9, comma 3–bis, d.l. 29 novembre 2008, n. 185, conv. in l. 28 gennaio 2009, n. 2; art. 2 del decreto del...

Leggi dopo
Casi e sentenze Casi e sentenze

L’estinzione del reato conseguente a sentenza di “patteggiamento” è un istituto differente dalla riabilitazione

24 Giugno 2019 | Consiglio di Stato | di Redazione Scientifica

Consiglio di Stato

Requisiti: Assenza di condanne penali

Non è corretto equiparare due istituti giuridici autonomi e distinti: l’estinzione del reato conseguente a sentenza di “patteggiamento” e la riabilitazione...

Leggi dopo
News News

Regolarità contributiva: il valore assorbente del DURC e i limiti di accertamento incidentale del G.A.

24 Giugno 2019 | di Francesca Cernuto

Regolarità contributiva

Il DURC costituisce l'unico documento idoneo ad attestare la situazione di regolarità contributiva del concorrente, non potendosi gravare la stazione appaltante di verifiche ulteriori, per la cui esecuzione la stessa non disporrebbe neppure della competenza necessaria. Il Giudice può esercitare i poteri di accertamento incidentale sulla predetta certificazione solo ove sia offerta specifica prova della discrepanza tra le risultanze documentali del DURC e l'effettiva situazione di irregolarità contributiva dell'operatore economico, non essendo a tal fine sufficiente la mera allegazione di eventuali ritardi negli adempimenti.

Leggi dopo
News News

Sui limiti dell'indennizzo in favore del promotore di project financing

24 Giugno 2019 | di Francesca Cernuto

TAR Piemonte

Finanza di progetto

La revoca della dichiarazione di pubblico interesse adottata a fronte di una proposta di project financing non obbliga l'Amministrazione alla corresponsione dell'indennizzo di cui all'art. 21 quinquies L. 241/1990, in quanto tale norma è cedevole rispetto alla disciplina specifica dettata dall'art. 153, co. 19, d.lgs. 163/2006 (oggi confluito nell'art. 183, co. 12 e 15, d.lgs. 50/2016), ove si prescrive il riconoscimento dell'interesse contrattuale negativo o dell'indennizzo per le sole ipotesi in cui il promotore non risulti aggiudicatario della gara.

Leggi dopo
Focus Focus

Sulla natura, sul contenuto e sui limiti dei contratti continuativi: note a margine di Consiglio di Stato, Sez. V, sent. 27 dicembre 2018 n. 7256

21 Giugno 2019 | di Marco Velliscig

Subappalto

La sentenza in esame costituisce il primo arresto giurisprudenziale del Consiglio di Stato circa i limiti, necessariamente elaborati ed elaborandi in sede pretoria, dell'oggetto dei contratti continuativi introdotti all'art. 105, comma 3, lett. c-bis, dal D.lgs. 19 aprile 2017 n. 56 (c.d. decreto correttivo), ed impone all'interprete di interrogarsi circa la natura ed il contenuto della fattispecie. In particolare i predetti negozi non paiono potersi qualificare come subcontratti, attese le loro specifiche caratteristiche che ne impongono, ontologicamente, l'autonomia rispetto al contratto d'appalto cui possono accedere.

Leggi dopo

Pagine